Site icon FREE PRESS AND CULTURE ON-LINE

PARIS FASHION WEEK MAISON MARGIELA

Maison Margiela ha svelato la sua nuova sede a Parigi domenica sera e parla di un aggiornamento. John Galliano ha celebrato il trasferimento con la sua ultima collezione, un omaggio elegantemente decostruito alla regina del punk, Jordan , scomparsa lo scorso anno.
Prima, la casa storica di Margiela era una vecchia scuola malandata nel funky 11° arrondissement. Ora il suo quartier generale è un grande splendore hausmanniano in Place des États Unis, nel dorato 16° arrondissement. L’edificio, l’ex quartier generale di Pernod Ricard , si trova di fronte a Baccarat , il vetraio più elegante di Francia. Un’enorme statua equestre in bronzo di George Washington si trova proprio in fondo al viale.
Il trasloco triplica le dimensioni della sede centrale di Margiela portandola a 7.000 metri quadrati, spazio sufficiente per 220 dipendenti. Contribuirà a dare impulso alla crescita futura e fa parte degli investimenti di capitale annuali di circa 20 milioni di euro.
Mantenendo la consuetudine del fondatore, il “designer invisibile” Martin Margiela , Galliano non è uscito per un inchino. Ne ha pienamente meritato uno per questa collezione prêt-à-porter femminile andata in scena, curiosamente, come l’evento conclusivo della stagione parigina dell’abbigliamento maschile.
Nessuna nota di programma e nessun modo per mettere in discussione il designer, ma i riferimenti erano chiari a Jordan Mooney, la proclamata regina del punk, morta nell’aprile 2022.
Dai capelli a punta o i disegni grafici neri del viso, alle calze a rete tagliate a metà polpaccio; mutandine indossate come mini e cappelli stravaganti con cocardes, l’influenza Jordan era evidente.
Anche se Galliano ha portato tutto in un posto nuovo con superbe trincee al rovescio; giganteschi cappotti a trapezio in plaid gonfiati; bustier molto scenografici e cocktail in tulle.
Ha anche mostrato alcuni fantastici impermeabili e cappotti invernali, per gentile concessione di un collegamento con Pendleton, e ha persino cucito l’etichetta del marchio americano ben visibile all’esterno di diversi look.
Pre-spettacolo, Renzo Rosso, il miliardario della moda italiana il cui impero comprende Diesel e marchi di moda indie stellari come Margiela, Marni , Jil Sander e Viktor & Rolf , era di umore esuberante.
“Sarò onesto, volevamo davvero rimanere all’11° nella vecchia scuola per motivi emotivi. Ma non ci hanno venduto l’edificio e ci sono pochissime strutture grandi in quella parte della città. Quindi, ci siamo trasferiti qui e sembra già abbastanza bello”, ha detto entusiasta Renzo, davanti a un bicchiere di champagne Laurent Perrier.
Per festeggiare il trasloco, l’atelier nel seminterrato è stato trasformato in un’installazione artistica con poltrone da cinema; proiezioni di video show; manichini che indossano la collezione attuale e una decappottabile americana malconcia – con più manichini – appesa drammaticamente a una parete.
Sotto l’amministratore delegato Gianfranco Gianangeli, l’attività è andata a gonfie vele a Margiela, mentre il marchio costruisce la sua rete di vendita al dettaglio; aggiorna i negozi esistenti e aumenta il prezzo.
“Abbiamo triplicato le vendite negli ultimi tre anni”, ha insistito Gianangeli, che appare molto elegante in un elegante abito doppiopetto, l’asola rifinita con una versione mini del logo a quattro punti della firma Margiela.
La gente a volte dimentica che oltre ad avere un’immaginazione estremamente fertile, Galliano può anche essere un designer molto commerciale. Distillando attentamente le fantasie di John, lo stile teatralmente all’avanguardia e la versione decostruita del DNA concettuale di Margiela, i manager italiani hanno spinto le vendite annuali a quasi 400 milioni di euro.
È un risultato piuttosto impressionante. Giustamente festeggiato stasera l’inaugurazione della nuova sede, con un cocktail post-fiera sul roof garden con vista meravigliosa sulla Torre Eiffel.
Alessandro Sicuro Comunication
    

 

Exit mobile version