New York al buio, allagata, così l’ha lasciata Sandy.

Explosion Reported in Chelsea Neighborhood of New York City

NEW YORK, NY – SEPTEMBER 17: People stand behind police lines as firefighters, emergency workers and police gather at the scene of an explosion in Manhattan on September 17, 2016 in New York City. The evening explosion at 23rd street in the popular Chelsea neighborhood injured over a dozen people and is being investigated. (Photo by Spencer Platt/Getty Images)

New York, 30-10-2012

Sandy, si e’ abbattuta sulla costa orientale degli Stati Uniti provocando almeno 13 morti, allagamenti-record e devastazioni, e lasciando al buio sei milioni e mezzo di persone in 13 Stati, di cui 250mila solo a Manhattan. Le vittime si sono registrate dal West Virginia fino alla North Carolina e al Connecticut. Scenario spettrale a New York, dove al Battery Park l’acqua ha superato i quattro metri di altezza, battendo il record di un metro raggiunto dall’acqua a Mahattan durante il terribile uragano Donna nel 1960. Ora l’acqua sta lentamente regredendo, ma la citta’ e’ paralizzata, con sette gallerie della metropolitana e sei depositi degli autobus completamente allagati, in quello che e’ stato definito “il peggior disastro in 108 anni di vita della metropolitana newyorchese”.

“Frankenstorm”, come e’ stato ribattezzato, ha prodotto il peggior blackout per New York dal 2003, quando
l’intera citta’ rimase al buio. La tempesta ha toccato terra ad Atlantic City intorno alle 20 ora locale con venti di 130 chilometri orari e onde di quattro metri. Poco prima Sandy era stata declassata da urgano a ciclone post-tropicale dal National Hurricane Center ma ha mantenuto intatta la sua potenza devastatrice che gli aveva gia’ permesso di fare 67 morti nei Caraibi. Per piu’ di un milione di persone e’ stato dato l’ordine di evacuazione. Nella notte l’istituto geologico ha lanciato l’allarme frane in Maryland, Delaware, Virginia e Pennsylvania.

Due persone sono state uccise in New Jersey per un albero abbattutosi sullo loro auto mentre una donna si e’ schiantata contro un camion in West Virginia per il fondo stradale scivoloso a causa della neve. Una trentenne di New York ha perso la vita in seguito alla caduta di un albero sulla sua abitazione nel polare quartiere di Queens dove un’altra donna e’ morta folgorata da una scarica elettrica.   Ad Atlantic City, completamente allagata, una persona e’ morta d’infarto mentre veniva evacuata. Altre vittime ci sono state in Maryland mentre e’ stata ritrovata morta una donna dell’equipaggio dispersa nel naufragio della nave-replica del Bounty affondata al largo del North Carolina e non ci sono ormai piu’ speranze di salvare il comandante. Una vittima anche in Canada, dove si sono registrati venti molto sostenuti nel sud dell’Ontario e in Quebec: una donna e’ morta a Toronto dopo essere stata colpita da un cartellone sradicato dai venti che soffiavano a 65 chilometri orari.

L’acqua e’ entrata anche a Wall Street dove ha raggiunto il livello di 3 metri. L’ordine di evacuazione ha riguardato oltre 400.000 persone a New York dove sono stati chiusi tutti gli aeroporti, compreso il mega scalo JFK. L’ospedale della New York University, nell’area di lower Manhattan, ha avviato le procedure di evacuazione perche’ e’ saltato il generatore di corrente mentre 19 operai della Con Edison sono rimasti bloccati per tre ore in una centrale elettrica in seguito ad un’esplosione e sono stati tratti in salvo con i gommoni.                                         Ground Zero =>

Questa presentazione richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.