A PITTI91 ATTESI 1.220 MARCHI DELL’ABBIGLIAMENTO

schermata-2016-12-04-alle-22-13-42

#PITTI91

FIRENZE – Sarà l’edizione numero 91 di Pitti Uomo, quella che andrà in scena alla Fortezza da Basso di Firenze, dal 10 al 13 gennaio 2017. Sono attesi 1.220 i marchi dell’abbigliamento maschile, dei quali 540 provenienti dall’estero (il 44% del totale). Ben 210 tra nomi nuovi e rientri al salone, che si estenderà su una superficie espositiva di 60.000 metri quadrati.

Saranno 16 le tappe in cui si articola il percorso dentro la moda uomo: Pitti Uomo, Make, Pop Up Stores, Eye Pop, Fashion At Work, HI Beauty, Futuro Maschile, Touch!, l’Altro Uomo, Born in the Usa, Unconventional, Open, The Latest Fashion Buzz, I Play, Urban Panorama, My Factory.

All’ultima edizione, tra visitatori e buyer, gli ingressi sono stati 36.000. Oltre 24.800 i compratori all’ultima edizione invernale, dei quali 8.800 i buyer dall’estero (35,5% del totale). L’edizione n. 91 di Pitti Uomo segna uno step in avanti nell’evoluzione della manifestazione. Con i suoi eventi e la sua geografia in continuo cambiamento, Pitti Uomo cattura le nuove vibrazioni della moda e le trasforma in progetti inediti. Il programma di eventi speciali di gennaio rappresenta un ulteriore superamento del dualismo tra fiera e fashion week, verso nuovi format  che uniscono ricerca stilistica, comunicazione e concretezza per il mercato.

Protagonisti le grandi aziende della tradizione che si proiettano al futuro, i nuovi talenti del fashion design e i brand in ascesa, fino ai nuovi mondi del menswear, anche in senso geografico. E poi le partecipazioni di big brand internazionali alla Fortezza, il debutto
di sezioni come HI Beauty – dedicata al mondo delle fragranze e del personal care, e tutti i microcosmi che raccontano gli stili e le
anime della moda uomo oggi. I principali mercati esteri di riferimento di Pitti Uomo sono Germania, Giappone, Spagna, Gran Bretagna, Turchia, Olanda, Francia, Cina, Svizzera, Belgio, Stati Uniti, Corea del Sud, Austria, Russia, Svezia.

Il 9 gennaio 2017 il Centro di Firenze per la Moda Italiana presenta, a Palazzo Pitti, l’evento di pre-apertura di Pitti Uomo 91, l’inaugurazione della mostra fotografica “Fashion in Florence through the lens of Archivio Foto Locchi”: 100 rarissimi scatti dagli anni ’30 ai ’70 del Novecento raccontano la storia della moda a Firenze, un progetto nato dall’incontro tra l’Archivio Storico Foto Locchi, il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, il Centro di Firenze per la Moda Italiana e il gruppo editoriale.

Sir Paul Smith, icona del Brit style con la sua miscela di heritage, ispirazioni pop ed eclettismo, sceglie Pitti Uomo 91 come palcoscenico per l’evento speciale di lancio della collezione PS by Paul Smith. PS by Paul Smith, la linea contemporary dello stilista, presenta un’inedita fusione tra luxury design ed effetti performance, tecno tessuti e tagli ergonomici. Paul Smith è il Pitti Immagine Special Guest di gennaio e per l’occasione realizzerà una fashion installation alla Dogana.

Menswear Guest Designer di Pitti Uomo 91 è Tim Coppens, designer belga di stanza a New York, il cui stile sta calamitando le attenzioni della comunità internazionale della moda. Finalista al Lvmh Prize 2014 e vincitore nello stesso anno del Cfda Swarovski Award, Coppens presenta a Firenze – in anteprima europea – il suo mondo. Ricerca, esclusività e carattere internazionale sono i valori che distinguono Golden Goose Deluxe Brand. Il marchio lifestyle, nato nel 2000 dallo spirito creativo di Francesca e Alessandro Gallo, coppia di giovani designer veneziani, celebra attraverso un’installazione-evento alla Stazione Leopolda i dieci anni della sua iconica sneaker. Golden Goose Deluxe Brand è lo Special  Project Pitti Uomo. Menswear label londinese disegnata da Ben Cottrell e Matthew Dainty che ha messo in discussione i confini tra sportswear, fashion e streetwear, Cottweiler presenterà a Firenzein anteprima assoluta la collaborazione con Reebok.

Una capsule collection che incarna il dna di entrambi i brand, fondendo l’heritage tecnico e culturale di Reebok con la visione unica dello stile Cottweiler. Cottweiler for Reebok è il Designer Project di Pitti Uomo 91 e andrà in scena con un evento speciale al Museo Marino Marini.  RTO RTO.  «Due o tre cose che so di Ciro» è il titolo dell’evento che Pitti Immagine ha scelto di dedicare a Ciro Paone, fondatore e anima di Kiton e imprenditore illuminato della moda italiana. Sarà un’immersione nel gusto, nella passione e nell’indefessa
dedizione alla causa del bello, che attraversano la vita e la carriera di Ciro Paone: una storia che parte da Napoli e va alla conquista del mondo. Pitti Immagine celebrerà questo stile e questa tradizione attraverso un progetto espositivo curato da Angelo Flaccavento.

Pitti Italics – il programma della Fondazione Pitti Discovery che promuove e supporta le nuove generazioni di fashion designer e i marchi più interessanti che progettano e producono in Italia – presenta, alla Stazione Leopolda, Carlo Volpi, vincitore di Who’s on
Next? Uomo 2016 grazie all’innovazione nel knitwear espressa dalle sue collezioni.

Con un evento alla Dogana, Lucio Vanotti torna a Pitti  Uomo portando il suo stile essenziale che unisce know how sartoriale e purismo delle forme. E ancora Sansovino 6 – brand fondato dal designer americano Edward Buchanan, considerato uno dei talenti di punta della maglieria – metterà in scena con una performance- evento la sua linea menswear.

Alessandro Sicuro

by

sure-com

One thought on “A PITTI91 ATTESI 1.220 MARCHI DELL’ABBIGLIAMENTO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.