LE FASHION WEEK PIU’ PRESTIGIOSE MINACCIATE DAI NUOVI CONCEPT STRATEGICI

Schermata 2017-12-13 alle 18.13.34

UNA NUOVA FASE IMPOSTA DALLE MAISONS PIU’ POTENTI SUL MERCATO DELLA MODA STA INFLUENZANDO LE TRADIZIONALI FASHION WEEK. LE PIU’ COLPITE SONO NEWYORK E LONDRA. MA IN UN CERTO SENSO ANCHE MILANO E PARIGI, QUEST’ULTIMA PIU’ LIEVEMENTE.

LE COLLEZIONI CO-ED, LE PRESENTAZIONI DI COLLEZIONI MASCHILI E FEMMINILI DELLA STESSA STAGIONE CHE VENGONO ESIBITE OGNI 6 MESI DURANTE UN SOLO EVENTO, RENDONO MENO APPEAL

La settimana della moda di Londra è senza dubbio la più colpita, ridotta ormai a un esiguo elenco di brand poco affermati. Scorrendo i nomi presenti nel calendario della London fashion week (5-8 gennaio) si leggono marchi spesso sconosciuti al pubblico internazionale. Appena 24 sfilate, tra le quali spicca solo Vivienne Westwood, in un mare di presentazioni ed eventi. Almeno una dozzina le defezioni rispetto alla scorsa stagione: dopo l’esperienza da guest durante l’ultima edizione di Pitti Uomo JW Anderson abbandona la sfilata nella capitale inglese. Assente anche Hackett London. Tra le conferme ci sono Craig GreenBand of OutsidersWood Wood e Chalayan. Ma i grandi esponenti della moda britannica hanno ormai scelto la formula co-ed durante la kermesse femminile, vedi Burberry, o, come Alexander McQueen e Paul Smith, preferiscono Parigi.

La situazione d’oltremanica rispecchia l’attuale emergenza degli altri calendari, in primis New York. Sebbene non sia ancora stato diramato il programma ufficiale la New York fashion week: men’s soffre da alcune stagione del medesimo assenteismo, Raf Simons resta l’unico nome davvero interessante circondato da griffe esordienti, emergenti o affermate principalmente negli Stati Uniti.

Meno gravi, ma minacciate dal dilagante fenomeno co-ed, le situazioni di Milano e Parigi. Finora all’ombra della Madonnina resistono i marchi specializzati come Ermenegildo ZegnaAndrea PompilioDirk BikkembergsDaksBillionaire. Alcune maison hanno scelto di allestire la passerella co-ed durante le sfilate uomo (vedi Diesel Black Gold e Dsquared2) ma, nonostante la presenza di big names quali Giorgio ArmaniPradaVersace e Fendi, sono sempre più numerosi i brand che scelgono di unificare le passerelle in favore della manifestazione femminile: GucciJil SanderSalvatore Ferragamo, Antonio MarrasMissoniEtro e Trussardi. Specularmente, a Parigi, Saint Laurent e Balenciaga preferiscono la co-ed nei giorni del womenswear rendendo meno appealing i cinque giorni di moda maschile.

0ccbdf629zfzy6i   schermata-2017-01-16-alle-21-05-12

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...