Pitti 93 ai nastri di partenza

 

PITTI IMMAGINE UOMO  SI APPRESTA  AD INAUGURARE LA 93 ° EDIZIONE

A Pitti 93 l’uomo proposto è un signore dall’età indefinibile, pelle curata e bicipiti allenati, che possiede un acuto senso dello stile. E’ un uomo sofisticato, bello come un divo di altri tempi. E’ un tipo aperto, che non guarda alle barriere tra guardaroba maschile e femminile, abituato com’è alle identità agender delle nuove generazioni che costituiscono un segmento sempre più ricercato dal mercato internazionale. La sua giacca-maglia in cachemire sfoderata può piacere anche alla moglie.


Può rubare quella di Gabriele Pasini, che pur adottando tagli dell’ineguagliabile scuola sartoriale napoletana per i suoi capi “Heritage”, sdogana un colore femminile come il rosa fenicottero per la sua giacca in velluto millerighe. Poi rifacendosi ad una giacca di trenta anni fa, conservata come campione, Pasini ne riedita il modello, intervenendo sulle singole parti: la spalla abbassata, il giro-manica che disegna una bombatura, la sciancratura al fondo. Rimarcare il punto-vita non occorre, perché la giacca deve avviluppare il corpo, anziché strizzarlo. Per costruirlo si ricorre ad unico tessuto: una lana a 150 micron che sfiora appena i 250 grammi di peso.


Paoloni ha fatto della giacca-maglia il cavallo di battaglia della nuova collezione. Ma lui è alla ricerca di performance. E allora ecco il blazer Aquarama dal taglio sartoriale ma in un tessuto innovativo completamente idrorepellente.


Oppure guardando a nostalgie retrò  Lardini, con la sua giacca-maglia a disegno check e a cotti dichiaratamente anni ’50. Il guardaroba dell’uomo classico s’arricchisce di tessuti e dettagli rubati allo sportswear, come il jersey per felpe e pantaloni spiccatamente tecnici, dai tagli basici che accentuano i tocchi di colore. Il nylon è presente con evidenza, su membrane traspiranti accoppiato al neoprene, adatto a condizioni climatiche avverse. Il finissaggio punta a valenze waterproof su parka, ma anche gilet imbottiti, oppure abbinato alla maglia e all’elastan.


Schermata 2018-01-04 alle 18.50.39

Alessandro Dell’Acqua – Ve.An. Fashion presenterà le nuove collezioni con una serie di modelli veramente interessanti. Ricercatezza nei tessuti e qualità immancabili accompagnano questo brand e fanno da cornice ad un mood unico ed inconfondibile. L’Uomo di Alessandro Dell’Acqua avrà un look molto particolare, dal tipico aspetto informale e al tempo stesso raffinato e adatto ad ogni occasione. La sensazione tattile, qualità inconfondibile dei tessuti e rifiniture Ve.An. Fashion,  definiscono in pieno il concetto creativo del brand Alessandro Dell’Acqua. Il marchio è supportato dalla grande esperienza organizzativa e produttiva di Ve.An. Fashion, azienda leader di produzione  e distribuzione moda. “Ci saranno delle vere sorprese”, dichiara l’ufficio stampa, “ma non possiamo svelarne adesso i contenuti, per ovvii motivi di riservatezza prima della rassegna”. Basterà attendere dunque domani 9 gennaio giorno di apertura,  per poter ammirare a Fortezza Da Basso queste splendide creazioni del made in Italy.


26173126_1177080928990795_6921721825805555540_oHAVANA & Co. gruppo GST srl:  
Il brand interamente realizzato in Italia, con maestranze italiane, rappresenta un gruppo industriale storico, un retaggio culturale enorme, della manifattura di abbigliamento Made in Puglia. Il brand sarà presente al Pitti93 con le collezioni Fall-Winter 2018-19.
Il tema ricorrente della collezione è la Scozia, meta di un viaggio estetico che ripercorre la tradizione del vestire formale maschile reinventato, aggiornando volumi – tessuti – e colori. Leggi tutto l’articolo correlato

logo

La tradizione incontra tessuti tecnici come da Herno, dove lo stile classico sisposa con lo sporty nel piumino futuribile Laminar Impact, nato in collaborazione con Gore, primo piumino in assoluto waterproof, windproof e traspirante. Un classico bomber con cappuccio dal fit asciutto ed ergonomico. L’innovazione è la re-interpretazione della tecnologia C-Knit di Gore. Il tessuto esterno è un ultra-leggero Gore-Tex 13 denari con tecnologia anti strappo che grazie alla particolare maglia interna permette l’uso di termo-saldature al posto delle tradizionali cuciture. Imbottito in piuma d’oca con tecnica ad iniezione.
Materiali come lana e cachemire tricot, duvet, tessuti elasticizzati, pile, flanelle laminate e nylon melange, giocano a sovrapporsi in un look metropolitano. Oltre l’athleisure c’è uno stile che ne riproduce la sintesi tra sportivo e formale su capi di nuova concezione, da indossare in casa e fuori. Nuovi blazer adottano la forma della classica giacca ma ne trasformano la vestibilità con una scelta di materiali orientata al comfort. Ma il nostro gentleman nella scelta dei suoi capi non prescinde da alcuni requisiti. Il primo è l’attenzione alla qualità dei tessuti con cui sono fatti i capi che indosserà, con una preferenza per materiali pregiati ma rispettosi dell’ambiente.


Così da Fgf Industry di Enzo Fusco la nuova collezione Blauer Down Jackets, è a base di capi in piuma naturale e in alternativa per la prima volta imbottiti con un materiale sintetico (sustans), oppure in piume ecologice recycled, tutte made in UE ed eco-friendly, che una volta assemblate, lavate e sterilizzate in Italia, garantiscono alti standard igienici, oltre ovviamente, un eccezionale isolamento termico.

Alessandro Sicuro Comunication

ALESSANDRO DELL’ACQUA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.