A Piazza Affari il primo rialzo dopo cinque sedute  

SU LA BORSA  GIU’ LO SPREAD I MERCATI APPROVANO

 

Rinfrancata dalle parole di Tria a difesa dei conti pubblici, la Borsa di Milano riesce a invertire il trend, e dopo cinque sedute consecutive di ribasso, l’indice FtseMib si avvia a chiudere in rialzo dello 0,9%.

Il debito italiano fa meno paura, il Btp a dieci anni si rafforza, con il rendimento a 3,30%, -14 punti base. Il biennale, che secondo UBS è un’ottima occasione d’acquisto, si porta a 1,21% da 1,45% di ieri. Lo spread, per il concomitante indebolimento del Bund a 0,48% di rendimento, scende a 284 punti base, dai 302 di ieri. Lo spread con la Spagna, spintosi sui massimi storici, scende a 174 punti base, da 190.

Oggi il ministro dell’Economia ha detto che l’Italia non può indebolire i conti pubblici per rispettare gli impegni della campagna elettorale ed ha poi fornito alcuni dettagli sulla manovra. Il divario tra la crescita dell’Italia ed il resto dell’Europa sarà colmato nel giro di due anni. Il reddito di cittadinanza arriverà nel 2019. A partire dal prossimo anno, il rapporto debito/Pil comincerà a scendere mentre il rapporto deficit/Pil sarà più alto nel 2019 rispetto al 2018 e comincerà a scendere nel 2020.

L’Europa ne ha preso atto. Che il percorso pluriennale del deficit/pil ‘sia stato rivisto è un buon segnale, dimostra che le autorità italiane ascoltano le preoccupazioni e le osservazioni dei partner, tra cui la Commissione europea. Poi bisognerà conoscere i dettagli e giudicare il budget 2019 per ciò che è”, ha detto ai giornalisti il commissario Ue agli affari economici Pierre Moscovici, a margine di una conferenza all’Ocse a Parigi.

Intanto, a Wall Street, in tutt’altro clima, si fanno le prove per altri record. Dow Jones +0,5%. S&P500 +0,3% come il Nasdaq. Sono meglio del previsto i dati sull’occupazione nel settore delle aziende private, è salito parecchio più del previsto l’indice Ism sulle aspettative dei direttori degli acquisti delle aziende dei servizi.

Petrolio in lieve rialzo a 85 dollari il barile, dopo il fortissimo incremento delle scorte di greggio negli Stati Uniti: +8 milioni di barili, contro i 2 milioni stimati.

0ccbdf6

imgres    facebook_318-136394    29zfzy6i   schermata-2017-01-16-alle-21-05-12   256px-youtube_icon-svg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.