Settembre 24, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

L’articolo di Jason Horowitz del new York Times


Il nuovo ospedale per covid19 costruito in 8 giorni

In meno di tre settimane, il virus ha sovraccaricato gli ospedali nel nord Italia, offrendo uno spaccato di ciò che i paesi devono affrontare se non riescono a rallentare il contagio.

Giovedì, un'unità di emergenza improvvisata all'ospedale di Brescia, nel nord Italia.
Credito … Luca Bruno / Associated Press

ROMA – Il sindaco di una città si è lamentato del fatto che i medici sono stati costretti a decidere di non curare i vecchi, lasciandoli morire. In un’altra città, i pazienti con polmonite causata da coronavirus venivano mandati a casa. Altrove, un’infermiera è crollata con la maschera, la sua fotografia è diventata un simbolo del personale medico sopraffatto.

In meno di tre settimane, il  coronavirus  ha sovraccaricato il sistema sanitario in tutto il nord Italia. Ha trasformato la regione duramente colpita della Lombardia in un cupo sguardo di ciò che attende i paesi se non possono rallentare la diffusione del virus e “appiattire la curva” di nuovi casi, consentendo ai malati di essere curati senza inondare la capacità degli ospedali.

Altrimenti, anche gli ospedali dei paesi sviluppati con il miglior servizio sanitario al mondo rischiano di diventare reparti di triage, costringendo i normali medici e infermieri a prendere decisioni straordinarie su chi potrebbe vivere e chi potrebbe morire. Il ricco Nord Italia sta già affrontando una versione di quell’incubo.

“Questa è una guerra”, ha dichiarato Massimo Puoti, responsabile della medicina infettiva dell’ospedale Niguarda di Milano, uno dei più grandi della Lombardia, la regione italiana settentrionale nel cuore dell’epidemia di coronavirus del paese.

Ha detto che l’obiettivo era limitare le infezioni, evitare l’epidemia e conoscere meglio la natura del nemico. “Abbiamo bisogno di tempo.”

Questa settimana l’  Italia ha messo in atto misure draconiane  – limitando la circolazione e chiudendo tutti i negozi ad eccezione di farmacie, generi alimentari e altri servizi essenziali. Ma non sono arrivati ​​in tempo per prevenire l’ondata di casi che ha fortemente penalizzato la capacità anche di un sistema sanitario ben considerato.

L’esperienza italiana ha ora sottolineato la necessità di agire in modo deciso – rapidamente e in anticipo – ben prima che i numeri dei casi sembrino addirittura raggiungere i livelli di crisi. A quel punto, potrebbe già essere troppo tardi per prevenire un picco nei casi che allungano i sistemi oltre i loro limiti.

Con l’Italia che sembra aver superato quella soglia, i suoi medici si trovano in una posizione straordinaria, in gran parte invisibile dalle nazioni europee sviluppate con sistemi di assistenza sanitaria pubblica dalla seconda guerra mondiale.

Un annesso gonfiabile, eretto all'ospedale Spallanzani di Roma il mese scorso.
Credito … Angelo Carconi / EPA, tramite Shutterstock

I medici regolari si stanno improvvisamente spostando sul piede di guerra. Si trovano ad affrontare domande di triage man mano che gli interventi chirurgici vengono annullati, i respiratori diventano risorse rare e i funzionari propongono di convertire gli spazi espositivi abbandonati in ampi reparti di terapia intensiva.

Gli ospedali stanno costruendo tende gonfiabili e sigillate per malattie infettive. A Brescia, i pazienti sono affollati nei corridoi.

“Viviamo in un sistema in cui garantiamo la salute e il diritto di tutti a essere curati”, ha dichiarato lunedì il primo ministro Giuseppe Conte, mentre ha  annunciato le misure per mantenere gli italiani nelle loro case

0:19 Ambulanze in fila nel nord Italia
Una decina di ambulanze hanno atteso di trasferire i pazienti al pronto soccorso di un ospedale di Merate, nel nord Italia, il 10 marzo. Credito di credito … Merate Online, tramite Youtube

“È una fondazione, un pilastro, e direi una caratteristica del nostro sistema di civiltà”, ha detto. “E quindi non possiamo permetterci di abbassare la guardia.”

Per ora, gli esperti italiani di sanità pubblica sostengono che il sistema, sebbene profondamente messo in discussione, sta trattenendo e che tutte le migliaia di persone che ricevono test, visite al pronto soccorso e terapia intensiva, lo stanno ottenendo gratuitamente, mantenendo intatto un principio centrale della democrazia italiana .

Ma prima che la regione Lombardia centralizzasse la sua comunicazione giovedì e sembrasse mettere la museruola ai dottori e alle infermiere che parlavano delle condizioni, sono emerse inquietanti immagini della vita all’interno delle trincee contro l’infezione.

Schermata 2020-03-17 alle 02.14.22

La foto di un’infermiera, Elena Pagliarini, che è crollata a faccia in giù con la maschera in un ospedale nella città di Cremona, dopo 10 ore di lavoro consecutive, è diventata il simbolo di un sistema sopraffatto.

“Siamo alle nostre ultime gambe, fisicamente e fisiologicamente”, ha detto Francesca Mangiatordi, una collega che ha scattato la foto alla televisione italiana mercoledì, esortando le persone a proteggersi per evitare di diffondere il virus. “Altrimenti la situazione crollerà, a condizione che non lo abbia già fatto.”

Questa settimana un medico in un ospedale di Bergamo ha pubblicato sui social media un resoconto grafico dello stress sul sistema sanitario da parte del numero schiacciante di pazienti.

“La guerra è letteralmente esplosa e le battaglie sono ininterrotte giorno e notte”, ha scritto il dottore Daniele Macchini, definendo la situazione un “disastro epidemiologico” che ha “travolto” i medici.

Fabiano Di Marco, capo di pneumologia all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove ha iniziato a dormire nel suo ufficio, ha detto giovedì che i dottori letteralmente “tracciano una linea per terra per dividere la parte pulita dell’ospedale da quella sporca , “Dove tutto ciò che toccano è considerato contagioso.

Personale medico in equipaggiamento protettivo all'interno dell'area di isolamento dell'ospedale Amedeo di Savoia di Torino.
Credit…Alessandro Di Marco/EPA, via Shutterstock

Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, ha affermato che in alcuni casi in Lombardia il divario tra le risorse e l’enorme afflusso di pazienti “ha costretto i medici a decidere di non intubare alcuni pazienti molto anziani”, essenzialmente lasciandoli morire.

“Se ci fossero più unità di terapia intensiva”, ha aggiunto, “sarebbe stato possibile salvare più vite”.

Il Dott. Di Marco ha contestato la richiesta del suo sindaco, affermando che tutti hanno ricevuto assistenza, sebbene abbia aggiunto, “è evidente che in questo momento, in alcuni casi, potrebbe accadere che abbiamo una valutazione comparativa tra i pazienti”.

Giovedì, Flavia Petrini, presidente del Collegio Italiano di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva, ha dichiarato che il suo gruppo ha pubblicato delle linee guida su cosa fare in un periodo che rasenta la “medicina della catastrofe” in tempo di guerra.

“In un contesto di grave carenza di risorse sanitarie”, affermano le linee guida, dovrebbe essere data una terapia intensiva ai “pazienti con le migliori possibilità di successo” e quelli con la “migliore speranza di vita” dovrebbero essere prioritari.

Le linee guida affermano inoltre che “nell’interesse della massimizzazione dei benefici per il maggior numero”, potrebbero essere posti limiti alle unità di terapia intensiva per riservare scarse risorse a coloro che, in primo luogo, hanno “maggiore probabilità di sopravvivenza e, in secondo luogo, che hanno più anni potenziali della vita.”

“Nessuno viene espulso, ma stiamo offrendo criteri di priorità”, ha detto il dottor Petrini. “Queste scelte sono fatte in tempi normali, ma ciò che non è normale è quando devi aiutare 600 persone contemporaneamente”.

Giulio Gallera, funzionario lombardo alla guida della risposta alle emergenze, ha dichiarato giovedì di sperare che le linee guida non debbano mai essere applicate.

Ha anche detto che la regione stava lavorando con l’agenzia di protezione civile italiana per studiare la possibilità di utilizzare uno spazio espositivo abbandonato da convenzioni annullate come reparto di terapia intensiva da 500 posti letto.

Ma, ha detto, la regione aveva bisogno di medici e respiratori.

“The outbreak has put hospitals under a stress that has no precedents since the Second World War,” said Massimo Galli, the director of infectious diseases at Milan’s Sacco University hospital, which is treating many of the coronavirus patients. “If the tide continues to rise, attempts to build dams to retain it will become increasingly difficult.”

 

The Policlinico San Matteo in Pavia.
Credit…Andrea Mantovani for The New York Times

Dr. Galli pointed out that while the government’s emergency decrees had sought to boost the hiring of thousands of doctors and health workers — including medical residents in their last years of medical school — it took time to train new doctors, even those transferred from other departments, who had little experience with infectious diseases. Doctors are also highly exposed to contagion.

Matteo Stocco, the director of the San Paolo and San Carlo hospitals in Milan, said 13 members of his staff were home after testing positive for the virus. One of his primary emergency room doctors was also infected, he said, “after three weeks of continuous work, day and night on the field.”

Dr. Puoti, of Niguarda hospital, said the doctors kept distance from one another in the cafeteria, wore masks during staff meetings and avoided gathering in small rooms. Still, he said, some had been infected, which created the risk of greater personnel shortages.

“We’re trying to keep a humanly sustainable level of work,” he said. “Because this thing is going to last.”

He said the hospital was trying to buy more respirators and preparing for the possibility that patients would come not only from the surrounding towns, but because of a wave of infections in Milan.

Dr. Stocco said that moment had already arrived.

Fifty people showed up in the emergency room on Thursday afternoon with respiratory problems, he said. The hospital had already canceled surgeries and diverted beds and respirators to coronavirus patients, and doubled its intensive care capacity.

“The infection is here,” he said.

Carlo Palermo, president of the association representing Italy’s public hospital doctors, said the system had so far held up, despite years of budget cuts. It also helped, he said, that it was a public system. Had it been an insurance-based system, there would have been a “fragmented” response, he said.

 

Nuovi letti in arrivo il mese scorso in un ospedale di Codogno, vicino a Lodi, nel nord Italia.
Credit…Luca Bruno/Associated Press

He said that since about 50 percent of the people who tested positive for the virus required some form of hospitalization, there was an obvious stress on the system. But the 10 percent needing intensive care, which requires between two and three weeks in the hospital, “can saturate the capacity of response.”

Many experts have noted that if the wealthy and sophisticated northern Italian health care system cannot bear the brunt of the outbreak, it is highly unlikely that the poorer south would be able to cope.

If the virus spread south at the same rate, Dr. Palermo said, “the system won’t hold up, and we won’t be able to assure care.”

0:17Italian Police Tell Residents to Curtail Movements
Police warn residents of Cutro, southern Italy, against unnecessary movements. Credit…Annarachele, via Twitter

Many experts have warned that Italy is about 10 days ahead of other European countries in the development of its outbreak. Chancellor Angela Merkel of Germany has raised the alarm that about 70 percent of Germans could get the virus.

And reports of the overwhelmed Italian system have resonated in the United States, where President Trump closed flights to foreigners coming from Europe on Wednesday night.

“La malattia italiana sta diventando una malattia europea e Trump, con la sua decisione, sta cercando di evitare che questa diventi una malattia americana”, ha dichiarato Romano Prodi, ex primo ministro italiano e presidente della Commissione dell’Unione Europea.

“In ogni caso, penso che il coronavirus sia già un problema americano”, ha aggiunto, aggiungendo che, a causa della differenza nel sistema sanitario, “potrebbe essere più grave di quello europeo”.

Ringraziamenti … Andrea Mantovani per il New York Times 

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: