Novembre 24, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

AZIENDE GUIDATE DA STRUMENTI ANALITICI PER PREVEDERE IL COMPORTAMENTO DEI CLIENTI

L’approccio basato sui dati è diventato essenziale per i Brand del Fashion, Luxury & Design, soprattutto per innescare un percorso di crescita costruendo in parallelo un rapporto forte e fidelizzato con i clienti. Perseguire tale visione significa farsi guidare dai numeri e da fattori oggettivi che aiutano l’organizzazione a prendere decisioni obiettive in grado di dare un significato a tutti i passi di una roadmap aziendale.

 

Il Marketing è indubbiamente l’area in cui la trasformazione data-driven è oggi più rilevante. L’obiettivo consiste nel prevedere i comportamenti dei clienti e aumentare le vendite, personalizzando le proposte sulle singole preferenze dei clienti. E’ proprio dalla valorizzazione dei dati, dalla loro raccolta, analisi ed elaborazione che diventa possibile interagire con il cliente in maniera coerente e personalizzata in tutte le fasi della relazione. Il customer journey, come ben sappiamo, è multicanale, si snoda fra store fisici e online: l’unico modo per identificare il cliente, sapere come si comporta, quali sono le sue preferenze, la sua capacità di spesa o i like sulle pagine social del Brand è sfruttare, in maniera intelligente e mirata, l’uso delle informazioni e dei dati. Un lavoro approfondito sulle “buyer personas” è dunque il primo passo per ottenere la Single Customer View ed essere precisi ed efficaci nelle attività di marketing.

I vantaggi di una strategia data-driven sono evidenti: campagne effettuate con strumenti di marketing automation su segmenti di clienti profilati ottengono conversioni molto più elevate rispetto a campagne generiche, effettuate su target del tutto sconosciuti. Inoltre è possibile scatenare azioni automatizzate in real-time, sulla base delle interazioni del contatto, in un’ottica Event Driven, attraverso l’interazione con sistemi terzi scelti dal cliente.

Dal punto di vista tecnologico, gestire una vasta mole di dati manualmente, oltre che comportare un costo esorbitante sia in termini di tempo che di lavoro, potrebbe risultare pressoché impossibile. Per questo motivo bisogna approfittare della tecnologia che si ha a disposizione. Tutti questi dati, strutturati e non, provenienti da varie sorgenti (e-commerce, Pos, campaign management, customer database, carte loyalty, attività sui social, etc.) convergono in un datalake, come CX Commerce eXperience – piattaforma digitale omnicanale diventata il riferimento del mercato per alcuni tra i Brand più innovativi del Made in Italy – un abilitatore importante in questo genere di progetti, grazie alla sua tecnologia omnichannel, flessibile e aperta.

Un altro tassello tecnologico cruciale è il Customer Master Data Management (CX CMDM) che centralizza, consolida e deduplica in un unico database le informazioni provenienti da fonti eterogenee come Point of Sales, Shop on Line, CRM, Mobile Apps, Strumenti di Marketing/Social, mantiene aggiornati in real-time una serie di KPI e rende disponibili questi dati in tempo reale a tutti gli strumenti operativi aziendali, inclusi Customer Analytics, Clienteling App, piattaforme di Digital Marketing e Marketing Automation.


 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: