Ottobre 24, 2021

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

ALEXANDER MCQUEEN PER LA SS-2022 SI AFFIDA A PAOLO ROVERSI E ALLE DECORAZIONI DI WILLIAM BLAKE

Sfumature di fantasia e sfumature di colore sono state il filo conduttore dell’ultima collezione uomo di Alexander McQueen per la stagione Primavera/Estate 2022. I pezzi erano circondati da un alone di fantasia e simboli che celebravano e rendevano omaggio all’opera del poeta, pittore e incisore inglese William Blake, oggi venerato per il suo universo letterario e artistico ricco di immaginazione e la sua ampia versatilità.

                         Alexander McQueen

E così, con la loro ultima proposta, presentata mercoledì 21 luglio, la direttrice creativa Sarah Burton e il suo team hanno intrapreso un viaggio nell’immaginario dell’artista nato a Londra nel 1757. “Attingendo al concetto di immaginazione come pura forma di evasione, è incentrato sulla leggerezza, l’aria e l’acqua, sulla bellezza che emerge dall’oscurità”, ha scritto il marchio a proposito delle ispirazioni della collezione, in una breve nota che accompagna il lookbook che mostra i suoi ultimi modelli.

                                                        Paolo Roversi

Scattata da Paolo Roversi, la collezione si apre con un look discreto fedele alla caratteristica sartorialità del brand britannico – un abito in lana nera, reinventato attraverso l’applicazione di zip argentate, che si attorcigliano intorno alla giacca e definiscono i fianchi dei pantaloni . Questa silhouette è reinterpretata altrove nella collezione con un abito in lana rosa, che presenta doppie zip lungo la parte anteriore della giacca e segue un gilet aderente in cotone bianco, decorato con una fantastica illustrazione di Blake riprodotta in un sorprendente ricamo nero.

                                   Alexander McQueen

L’influenza dell’artista romantico e appassionato di mitologia si può vedere anche in un grande cappotto jacquard color avorio, che funge da tela per la visione di Dante di Blake, una stampa che ritorna in una gamma di pantaloni e giacche da abito diversi impreziositi da volute sognanti . Fa anche la sua comparsa in un memorabile abito con corpetto ricamato e ampia gonna di tulle e organza, in cui varie sfumature di blu si confondono e si insinuano l’una nell’altra. Quest’ultimo pezzo propone una mascolinità alternativa che si allontana dalla sartoria e strizza l’occhio alle radici punk del marchio di proprietà di Kering.

                          Alexander McQueen

La collezione è completata da un elegante smoking nero, dove la giacca scambia le maniche per una cresta asimmetrica di volant strutturati che creano un effetto peplo. Questo stile trova eco in una camicia bianca in popeline, che presenta anche pennellate dantesche e sottili ondulazioni diagonali, così come in un imponente soprabito doppiopetto con volant di seta nera.

Per quanto riguarda le calzature, punta su classici stivali slim, mocassini neri e sneakers in pelle bianca, che contrastano con l’esuberanza dell’abito centrotavola della collezione. In termini di accessori, i gioielli portano un tocco glam rock con fantastiche catene e ciondoli in argento, doppi anelli e grossi orecchini. Questi riferimenti alternativi e sovversivi riflettono lo spirito ribelle del marchio, che è ancora vivo e vegeto, come dimostra la sua più recente campagna di guerriglia marketing, che ha conquistato le strade e i sistemi di trasporto delle capitali mondiali della moda con i graffiti firmati “McQueen”, una strategia vuole attirare l’attenzione sull’ultima capsule collection del marchio.

 

 

 

 

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: