Ottobre 25, 2021

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

CHI ERA HALSTON IL PRIMO COUTURIER AMERICANO CHE HA VESTITO LE CELEBRITIES NELL’EPOCA DISCO

ROY HALSTON FROWICK, MEGLIO NOTO COME HALSTON

DES MOINES, 23 APRILE 1932 – SAN FRANCISCO, 26 MARZO 1990

 

Halston ha ridefinito il concetto di fashion star. Irresistibile per i media e il Fashion System, ha collegato l’alta moda con il basso, oltre a produrre una gamma di profumi, una linea di diffusione ed estensioni di marchi in licenza che portano il suo nome.
All’alba degli anni ’60, le vecchie regole erano già state infrante dal nuovo rinascimento e Halston ha contribuito a inaugurare i cambiamenti radicali che seguirono. Negli anni ’70, aveva creato uno stile che parlava della libertà e dell’energia giovanile della generazione dei clubs, diventando lo “stilista per eccellenza del decennio”, afferma Patricia Mears, vicedirettore del Museo presso il Fashion Institute of Technology (FIT) in New York.

Ma “Halston” mostra anche come, nel suo megalomane desiderio di “vestire tutta l’America”, lo stilista si sia sbrogliato per mano dei poteri della moda e degli affari che non poteva piegare alla sua volontà – e per mano dei suoi vizi.
La Mears ha dichiarato che è stato il primo stilista di moda superstar americano, che ha portato in passerella una diversità senza precedenti di origini razziali e forme del corpo, ha offerto un “racconto cautelativo”.
“Era la grande stella  della moda negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, ma si è anche perduto molto rapidamente”, afferma Mears, che ha curato il lavoro dello stilista nel Museo alla mostra FIT 2015, “Yves Saint Laurent + Halston: Fashioning the anni ’70”.

           Halston, Cher, Yves Saint Laurent

 

“Le cose che vediamo oggi – designer che si uniscono a grandi conglomerati o fanno crescere le loro aziende per un valore di miliardi di dollari – (sono) probabilmente rese più facili grazie agli sforzi pionieristici di Halston. È stato il primo a costruire davvero un business negli Stati Uniti a quel livello , ed è stato il primo a schiantarsi davvero e bruciare “.

Durante gli anni ’70, Halston è stato spesso affiancato da un team di modelli e celebrità, tra cui Anjelica Huston, Bianca Jagger e Liza Minnelli. Le donne che indossavano le creazioni di Halston ricordavano la sua capacità di utilizzare un unico pezzo di tessuto e trasformarlo in una forma accattivante che si muoveva sul corpo di chi lo indossava.
“I suoi vestiti hanno ballato con te!” dice Liza Minelli che ha trascorso decenni come intima amica e confidente di Halston.

          Da sx: Halston, Bianca Jagger, Liza Minnelli, Andy Warhol

Halston aveva disegnato il cappello che Jackie Kennedy indossava all’inaugurazione presidenziale del marito. All’inizio dei 40 anni, aveva contribuito a spezzare il dominio globale della moda francese con la famosa sfilata di moda Battaglia di Versailles del 1973, che vedeva i migliori stilisti americani come Halston e Oscar de la Renta contro famosi colleghi francesi tra cui Saint Laurent e Christian Dior.

 

          Il cappello a tamburello di Jackie Kennedy disegnato da Halston

 

Attraverso acrobazie da prima pagina – è stato il responsabile di Bianca Jagger che cavalcava un cavallo bianco allo Studio 54 al culmine della notorietà del nightclub – ha cementato la sua posizione di designer più noto d’America. Eppure Halston ha continuato a gestire al minimo il suo impero, disegnando a mano abiti indossati da tutti, dalle ragazze scout americane, di cui ha ridisegnato le divise ufficiali, ai lavoratori dell’autonoleggio Avis e agli atleti statunitensi alle Olimpiadi del 1976.

Democratizzare la moda
Halston è stato come un aspirante, una figura alla Tom Ripley, la cui ascesa dall’oscurità è stata resa possibile da una serie di maschere dietro le quali si nascondeva, proteggendo la sua vera identità con eccentricità e un talento per lo spettacolo. Un democratizzatore della moda che sognava di rompere il grande abisso di classe per portare eleganza alla donna comune americana (la cui dignità e potere aveva visto nella propria madre del Midwest).
Nonostante il suo profilo pubblico un tempo enorme, Halston per lo più ha tenuto nascosta la sua storia. Nelle interviste, ha ripetutamente respinto le domande sul suo passato: “Il passato non mi interessa così tanto”, si dimena in una scena. In realtà, proveniva da una casa della classe operaia a Des Moines, Iowa, e ha trascorso la sua giovinezza nelle città di provincia del Midwest prima di trovare lavoro come modista presso i grandi magazzini Bergdorf Goodman di New York. Il suo lavoro è culminato nel già citato cappello a forma di scatola di pillole di Jackie Kennedy, una forma radicalmente pulita che ha ispirato copie in tutti gli Stati Uniti.
Ma è stato dopo aver lasciato Bergdorf che Halston, seguendo le orme di modiste trasformate in stiliste come Coco Chanel e Jeanne Lanvin, ha compiuto quello che Mears chiama il suo “salto quantico” nel disegnare abiti.

Models: Margaret Donohue, Karen Bjornson, Pat Cleveland, and Shirley Farro in floral-inspired dresses from Halston’s 1981 resort collection on Park Avenue in New York City.

 

Ha ottenuto i primi successi creando la mania degli hot pants e disegnando abiti “Ultrasuede”, che sono diventati best-seller per una generazione emergente di giovani donne professioniste. Ha quindi iniziato a sviluppare il suo stile personale.
“Gli anni ’70 erano incentrati sulla giovinezza, sulla danza, sull’essere sexy (e) spensierati”, afferma Mears.
“E il suo stile di vita, così come i suoi vestiti, lo incarnavano. Ma ha anche mantenuto un forte elemento di eleganza. I suoi vestiti non erano mai disordinati. “Sempre puliti, sempre dall’aspetto molto moderno. Allo stesso tempo, i vestiti erano pensati per essere indossati spesso senza reggiseni: erano spesso allacciati al collo o tagliati, quindi si vedeva la pelle e si vedeva anche molto del corpo femminile molto chiaramente sotto i vestiti.”

Un’eredità duratura
Secondo il critico di moda del Washington Post Robin Givhan, l’impatto di Halston è chiaramente visibile nel lavoro di designer come Tom Ford, il cui glamour della fine degli anni ’90 porta la sua influenza. Rendendo lussuosi gli abiti di tutti i giorni, è stato anche uno dei primi pionieri dell'”athleisure”, aggiunge Mears. Inoltre, il suo impero commerciale ha stabilito un modello per gli ambiziosi designer di oggi.
Nel 1973, firmò un accordo con il conglomerato alimentare Norton Simon, che possedeva anche i cosmetici Max Factor, dandogli un enorme sostegno finanziario (sebbene l’accordo significasse che non possedeva più il proprio nome). Poi, nel 1982, fece un affare da 1 miliardo di dollari con JCPenney, il grande magazzino a prezzi accessibili dove aveva fatto acquisti da bambino. Oggi le collaborazioni tra i principali designer e i marchi di alta moda come H&M sono comuni, ma all’epoca era una notizia importante. La decisione ha portato la sua etichetta a essere cacciata dai negozi di alta moda tra cui Bergdorf Goodman, che gli aveva dato il via.
La modella Alva Chinn, uno del suo gruppo di cosiddetti “Halstonettes”, dice a Tcheng che l’accordo JCPenney ha trasgredito i confini dell’esclusività che la moda ha ferocemente protetto.

Perdendo il suo nome, perse il controllo della sua eredità. Il marchio, ora noto come Halston Heritage, è stato venduto ripetutamente nel 21° secolo, con l’ex presidente Sarah Jessica Parker e il precedente comproprietario Harvey Weinstein tra coloro che non sono riusciti a riconquistare la magia.
“In un certo senso, lo vediamo come un racconto tragico”, afferma Mears. “Ma è anche una bella storia, credo, da raccontare.
“Spero che in mezzo a tutto questo non dimentichiamo che è stato anche un grande designer pionieristico. Non è diventato famoso solo perché  bravo nell’autopromozione: è diventato un grande designer e rimane un grande designer nelle menti di molti, perché era così rivoluzionario.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: