Settembre 19, 2021

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

VENEZIA IL RED CARPET DI NUOVO ANIMATO DALLE STAR DEL CINEMA

Vestita con un abito Chanel bianco e nero, l’attrice premio Oscar Penelope Cruz ha guidato il ritorno delle star del cinema sul tappeto rosso del Festival del cinema di Venezia nella sua serata di apertura mercoledì, come spera il cinema scrollarsi di dosso le tenebre della pandemia di coronavirus.

                                 Penelope Cruz

A differenza della rivale Cannes, il festival cinematografico più antico del mondo non ha saltato l’edizione 2020 a causa della crisi sanitaria ma è solo quest’anno che le celebrità stanno tornando in forze sul lungomare del Lido, in una dimostrazione di sostegno a un’industria martellata dai lockdown.

Gli organizzatori puntano su un rigoroso protocollo anti-COVID per aiutare a mantenere la maratona di film di 11 giorni senza problemi.

I membri della giuria di Venezia, il regista Bong Joon-ho, il regista Saverio Costanzo, l'attore Virginie Efira, l'attore Cynthia Erivo, l'attore Sarah Gadon, il regista Alexander Nanau, la regista Chloe Zhao e Alberto Barbera posano per una foto di famiglia il primo giorno del 78° Festival Internazionale del Cinema di Venezia, a Venezia, Italia, 1 settembre 2021. REUTERS/Yara Nardi

I teatri funzionano a metà della capacità e un muro blocca la vista sul tappeto rosso per impedire alle folle di radunarsi fuori dalla sede principale. Per partecipare alle proiezioni sono necessarie mascherine e un pass sanitario o un test COVID negativo e ci saranno meno feste a tarda notte.

“Stanno prendendo le misure molto seriamente. Tutti sono molto attenti, molto responsabili. Penso che sia fantastico per l’industria che le cose possano iniziare a tornare indietro”, ha detto Cruz a Reuters prima della cerimonia di apertura.

“Sono felice che stia accadendo. È una celebrazione del cinema ma dà anche lavoro a molte persone in tutto il mondo”.

Cruz recita in “Parallel Mothers”, il film di apertura del festival del regista spagnolo Pedro Almodovar. Anche le star di Hollywood Kirsten Dunst, Timothee Chalamet, sono tra coloro che hanno fatto finora il viaggio a Venezia.

L'attore e regista Maggie Gyllenhaal e l'attore Peter Sarsgaard arrivano il giorno prima dell'inizio della 78a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, a Venezia, Italia, 31 agosto 2021. REUTERS/Yara Nardi
                Peter Sarsgaard and Maggie Gyllenhaal 

L’attrice Serena Rossi, che ospiterà la cerimonia di apertura della 78° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, posa durante un photocall sulla spiaggia, a Venezia, Italia, 31 agosto 2021.

 

L'attrice Serena Rossi, che ospiterà la cerimonia di apertura della 78° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, posa durante un photocall sulla spiaggia, a Venezia, Italia, 31 agosto 2021. REUTERS/Yara Nardi

L’attrice Serena Rossi

 

“Tutti ovunque sono ansiosi di tornare, di riaprire, di ricominciare, di far uscire i film che sono rimasti sugli scaffali per un anno e mezzo o forse due”, ha detto a Reuters il direttore del festival Alberto Barbera.

Ha detto che la maggior parte delle anteprime mondiali che saranno proiettate al festival erano già esaurite e ha promesso che non mancheranno le celebrità, anche se i fan non saranno in grado di avvicinarsi a loro.

“Il tappeto rosso sarà uno dei più affollati degli ultimi anni perché tutti sono qui”, ha detto.

I titoli in lizza per il Leone d’Oro per il miglior film includono “The Power of the Dog” di Jane Campion, con Benedict Cumberbatch nei panni del proprietario di un ranch che tormenta una giovane vedova interpretata da Dunst, e il turno di Kristen Stewart nei panni della principessa Diana in “Spencer”.

Nella formazione principale c’è anche Gyllenhaal con il suo debutto come regista, di “The Lost Daughter”, basato su un romanzo di Elena Ferrante e interpretato da Olivia Colman e Dakota Johnson.

L’epopea medievale di Ridley Scott “The Last Duel” con Matt Damon e Ben Affleck, e l’attesissimo racconto di fantascienza di Denis Villeneuve “Dune”, con Chalamet e Zendaya, saranno entrambi proiettati fuori concorso.

Il festival è una vetrina per i contendenti all’Oscar con l’avvicinarsi della stagione dei premi, e il regista sudcoreano di “Parasite” Bong Joon-ho – che presiede la giuria – si è detto pronto a combattere con gli altri membri della giuria per scegliere i vincitori del premio.

“Come regista, non credo che il cinema possa essere fermato così facilmente. Il COVID passerà, il cinema continuerà”, ha affermato.

GALLERY

 

 

 

 

Alessandro Sicuro

0ccbdf6

imgres    facebook_318-136394    29zfzy6i   schermata-2017-01-16-alle-21-05-12

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: