La poesia della notte

ctb65eswyaaseo1

Si chiama amore, ma la parola
non depone. Si direbbe anzi
che di tutto alla fine resti solo
un’allusione a quel che s’insegue
o si rincorre, a scale scese
a corsa o semafori lisciati
dalla fretta.

Se poi t’imbatti nel tuo fantasma
o sembiante, a lui puoi chiedere
di te cosa sia stato, dopo tutta
quella ipocrisia sui nomi da dare
alle cose, che poi restie lo sono
per davvero.

Sembra un dispetto: la donna se ne va,
il filo di fumo recide l’orizzonte,
la serietà si smorza in risate fuori
luogo e noi perfino inteneriti
al capezzale del morente,
quando anche la ferita
è un marchio per vendere profumi.

           Alessandro Tempi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...