Ottobre 21, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

La poesia della notte

ctb65eswyaaseo1

Si chiama amore, ma la parola
non depone. Si direbbe anzi
che di tutto alla fine resti solo
un’allusione a quel che s’insegue
o si rincorre, a scale scese
a corsa o semafori lisciati
dalla fretta.

Se poi t’imbatti nel tuo fantasma
o sembiante, a lui puoi chiedere
di te cosa sia stato, dopo tutta
quella ipocrisia sui nomi da dare
alle cose, che poi restie lo sono
per davvero.

Sembra un dispetto: la donna se ne va,
il filo di fumo recide l’orizzonte,
la serietà si smorza in risate fuori
luogo e noi perfino inteneriti
al capezzale del morente,
quando anche la ferita
è un marchio per vendere profumi.

           Alessandro Tempi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: