LA MORTE DELLA LETTURA STA MINACCIANDO IL NOSTRO FUTURO

Schermata 2018-08-19 alle 18.43.57

Ora, molti degli uomini di successo se non tutti, leggono come dei forsennati: Bill Gates legge 50 libri all’anno, Mark Zuckerberg legge almeno un libro ogni due settimane, Elon Musk è cresciuto leggendo due libri al giorno, ci sarà un motivo…

“La morte della lettura sta minacciando l’anima” è il titolo di un famoso articolo del Washington Post.  Ma è una minaccia  anche per il nostro lavoro e per la vita in generale.

ecco l’articolo di Philip Yancey :
 

Sto attraversando una crisi personale. Mi piaceva leggere. Sto scrivendo questo blog nel mio ufficio, circondato da 27 scaffali alti carichi di 5.000 libri. Nel corso degli anni li ho letti, li ho marcati e ho registrato le annotazioni in un database di computer per potenziali riferimenti nella mia scrittura. In larga misura, hanno formato la mia vita professionale e spirituale.

I libri aiutano a definire chi sono. Mi hanno accompagnato in un viaggio di fede, mi hanno fatto conoscere le meraviglie della scienza e del mondo naturale, mi hanno informato su questioni come la giustizia e la razza. Ancora più importante, sono stati una fonte di gioia, avventura e bellezza, aprendo finestre a una realtà che altrimenti non avrei saputo.

La mia crisi consiste nel fatto che sto descrivendo il mio passato, non il mio presente. Leggevo tre libri a settimana. Un anno ho dedicato una serata ogni settimana a leggere tutte le commedie di Shakespeare (Okay, a causa di interruzioni mi ci sono voluti due anni). Un altro anno ho letto le principali opere di Tolstoj e Dostoevskij. Ma oggi sto leggendo molti meno libri e ancora meno libri che richiedono un duro lavoro.

Internet e i social media mi hanno insegnato a leggere un paragrafo o due e poi a guardarmi intorno. Quando leggo un articolo online dell’Atlantico o del New Yorker, dopo alcuni paragrafi guardo verso la barra di scorrimento per giudicare la lunghezza dell’articolo. La mia mente si allontana e mi ritrovo a cliccare sulle barre laterali e sui collegamenti sottolineati. Presto sono finito su CNN.com leggendo gli ultimi tweet di Donald Trump ei dettagli dell’ultimo attacco terroristico, o forse controllando il tempo di domani.

Peggio ancora, cado in preda alle piccole scatole che mi dicono: “Se ti piace questo articolo [o libro], ti piacerà anche …” Oppure guardo la parte inferiore dello schermo e scruto i teaser per ottenere dei suggerimenti più coinvolgenti: 30 Fatti Amish che faranno strisciare la pelle; I 10 malfunzionamenti del guardaroba delle celebrità; Le fotocamere Walmart hanno catturato queste foto divertenti. Una dozzina o più clic dopo ho perso interesse per l’articolo originale.

I neuroscienziati hanno una spiegazione per questo fenomeno. Quando impariamo qualcosa di veloce e nuovo, otteniamo una scarica di dopamina; le scansioni cerebrali con risonanza magnetica funzionale mostrano i centri del piacere del cervello che si accendono. In un famoso esperimento, i ratti continuano a premere una leva per ottenere quella scarica di dopamina, scegliendola sul cibo o sul sesso. Negli esseri umani, le e-mail soddisfano anche quel centro di piacere, così come Twitter, Instagram e Snapchat.

Il libro di Nicholas Carr “The Shallows” analizza il fenomeno, e il suo sottotitolo dice tutto: “Ciò che Internet sta facendo al nostro cervello”. Carr spiega che la maggior parte degli americani, e specialmente i giovani, mostrano un brusco calo della quantità di tempo trascorso a leggere Dice: “Una volta ero un subacqueo nel mare delle parole. Ora salgo lungo la superficie come un ragazzo su una Jet Ski. “Un rapporto Nielsen del 2016 calcola che l’americano medio dedica più di 10 ore al giorno a consumare i media, inclusi radio, TV e tutti i dispositivi elettronici. Ciò costituisce il 65 percento delle ore di veglia, lasciando poco tempo per il lavoro molto più difficile della concentrazione concentrata sulla lettura.

In “Le Elegie di Gutenberg”, Sven Birkerts lamenta la perdita della “lettura profonda”, che richiede un’intensa concentrazione, un abbassamento consapevole delle porte della percezione e un ritmo più lento. Il suo libro mi ha colpito con la forza della convinzione. Continuo a rimandare “A Secular Age” di Charles Taylor e guardo il mio scaffale pieno di libri di teologia di Jürgen Multmann con una sensazione di nostalgia: perché non sto leggendo libri come quelli adesso?

Un articolo di Business Insider ha studiato pionieri come Elon Musk, Oprah Winfrey, Bill Gates, Warren Buffett e Mark Zuckerberg. Molti di loro hanno in comune una pratica che l’autore chiama la “regola delle 5 ore”: mettono da parte almeno un’ora al giorno (o cinque ore alla settimana) per l’apprendimento deliberato. Ad esempio:

• Bill Gates legge 50 libri all’anno.
• Mark Zuckerberg legge almeno un libro ogni due settimane.
• Elon Musk è cresciuto leggendo due libri al giorno.
• Mark Cuban legge più di tre ore al giorno.
• Arthur Blank, un co-fondatore di Home Depot, legge due ore al giorno.

Quando gli è stato chiesto del suo segreto del successo, Warren Buffett ha indicato una pila di libri e ha detto: “Leggi 500 pagine come questa ogni giorno. Ecco come funziona la conoscenza. Si accumula, come l’interesse composto. Tutti voi potete farlo, ma garantisco che non molti di voi lo faranno … “Charles Chu, che ha citato Buffett sul sito web di Quartz, riconosce che 500 pagine al giorno sono fuori portata per tutti, tranne poche persone. Ciononostante, la neuroscienza dimostra ciò che ognuna di queste persone indaffarate ha trovato: richiede in realtà meno energia per concentrarsi intensamente che per passare da un’attività all’altra. Dopo un’ora di contemplazione, o lettura profonda, una persona finisce per essere meno stanca e meno esaurita dal punto di vista neurochimico, quindi più capace di affrontare le sfide mentali.

Se non riusciamo a raggiungere l’alta barra di lettura di Buffett, qual è un obiettivo realistico? Charles Chu calcola che con una velocità di lettura media di 400 parole al minuto, sarebbero necessarie 417 ore in un anno per leggere 200 libri, meno delle 608 ore che l’americano medio spende sui social media, o le 1.642 ore che guardano la TV. “Ecco la semplice verità dietro la lettura di molti libri”, dice Quartz: “Non è così difficile. Abbiamo tutto il tempo di cui abbiamo bisogno. La parte spaventosa – la parte che tutti noi ignoriamo – è che siamo troppo dipendenti, troppo deboli e troppo distratti per fare ciò che tutti sappiamo essere importante “.

La sola forza di volontà non è sufficiente, dice. Abbiamo bisogno di costruire quella che lui chiama “una fortezza di abitudini”. Mi piace quell’immagine. Recentemente ho controllato il sito web dell’autore Annie Dillard, in cui afferma: “Non posso più viaggiare, non posso incontrare estranei, non posso firmare libri ma firmo etichette con SASE, non posso scrivere su richiesta, e non posso lettere di risposta. Devo leggere e concentrarmi. Perché? Mi batte. “Ora quella è una fortezza.

Ho concluso che l’impegno nella lettura è una battaglia in corso, un po ‘come la battaglia contro la seduzione della pornografia su Internet. Dobbiamo costruire una fortezza con mura abbastanza forti da resistere alle tentazioni di quella potente ondata di dopamina e allo stesso tempo fornire riparo a un ambiente che permetta alla lettura profonda di prosperare. I cristiani hanno soprattutto bisogno di uno spazio rifugio, perché la meditazione silenziosa è una delle discipline spirituali più importanti.

La cultura moderna presenta ostacoli formidabili alla cultura della spiritualità e della creatività. Come scrittore di fede nell’era dei social media, pubblico una pagina Facebook e un sito web e scrivo un blog occasionale. Trent’anni fa ho ricevuto molte lettere dai lettori e non si aspettavano una risposta per una settimana o più. Ora ricevo e-mail, e se non rispondono tra due giorni scrivono di nuovo: “Hai ricevuto la mia e-mail?” La tirannia delle folle urgenti intorno a me.

Se cedo a quella tirannia, la mia vita si riempie di confusione mentale. La noia, dicono i ricercatori, è quando la creatività accade. Una mente errante vaga in posti nuovi e inaspettati. Quando mi ritirerò in montagna e scollego per qualche giorno, qualcosa di magico ha luogo. Vado a letto sconcertato da un posto di blocco nella mia scrittura, e la mattina dopo mi sveglio con la soluzione cristallina, qualcosa che non succede mai quando passo il mio tempo libero a navigare sui social media e su Internet.

Trovo che la poesia aiuti. Non puoi ingrandire la poesia; ti costringe a rallentare, pensare, concentrare, assaporare parole e frasi. Ora cerco di iniziare ogni giornata con una selezione di George Herbert, Gerard Manley Hopkins o RS Thomas.

Per una lettura approfondita, sto cercando un’ora al giorno in cui l’energia mentale è al massimo, non un pezzetto di tempo recuperato da altri compiti. Mi metto le cuffie e ascolto musica rilassante, escludendo le distrazioni.

Deliberatamente, non scrivo. Ero imbarazzato quando ho tirato fuori il mio telefono cellulare antiquato, che mia moglie dice dovrebbe essere donato a un museo. Ora me lo metto in tasca con una specie di orgoglio perverso, dispiaciuto per gli adolescenti che controllano i loro telefoni in media 2000 volte al giorno.

Siamo impegnati in una guerra e la tecnologia utilizza le armi pesanti. Il recente libro di Rod Dreher, “L’opzione del Benedetto”, spinge le persone di fede a ritirarsi dietro i muri monastici come hanno fatto i Benedettini – dopo tutto, hanno preservato l’alfabetizzazione e la cultura durante una delle epoche più oscure della storia umana. Non sono completamente d’accordo con Dreher, anche se sono convinto che la conservazione della lettura richiederà qualcosa di simile all’opzione di Benedetto.

Sto ancora lavorando su quella fortezza dell’abitudine, cercando di far risorgere il ricco nutrimento che la lettura mi ha fornito da tempo. Se solo potessi resistere cliccando sul link 30 Amish Facts That’ll Make Your Skin Crawl …

Philip Yancey è l’autore di diversi libri, tra cui “The Jesus I Never Knew” e “What’s So Amazing About Grace?” 
Philip Yancey

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: