Dicembre 1, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

☛ Cold nuclear fusion where we stand with the prototypes.

Cold nuclear fusion where we stand with the prototypes.

If all this were feasible, and it looks to be, by July we will market the first pocket-size reactors will produce clean energy, low cost, it seems the miracle of the century.

Constantly follow developments in cold fusion during these years was like venturing into a maze with no exit: and the news that you are susseguendo by early 2012 merely confuse the issue even more, but it seems that we really are.

E-Cat, the prototype ready 

Cold fusion and LENR talking incessantly from way back in 1989 and, with some touch of pride chauvinistic, Italy has always done everything to join the ranks of advanced countries in terms of research on this technology.
We have repeatedly addressed this issue especially since the demonstration by Focardi and Rossi from the University of Bologna E-Cat (a catalyst of energy that would be able to fuse the nuclei of hydrogen and nickel atoms), had given hope for a 2012 full of news about the practical realization of what the other hand is increasingly becoming a myth that even the majority of the scientific community has stopped believing.

It is because, aside from the obvious advantages of cold fusion, the events that have accompanied it did not have favored certain practical developments. Before the divorce engineer Rossi by Greek company that would produce the E-Cat, the Defkalion, then in January 2012, the termination by the University of Bologna agreement of the experimental device for non-payment of 500,000 Euros owed by the company of Andrew Rossi institution Bologna, and finally the notorious but plausible unwillingness to submit the E-Cat under review by the scientific community because they can certify the functionality previously only declared.

What has happened since then? The engineer Rossi goes on its way and, less than a month ago, during an interview with Oilprice.com, said that he is working with Siemens to turn heat into electricity generated by the E-Cat and models 1MW are under development and will soon be ready for the USA.

Meanwhile, the latest news shows that competition seems to be getting tougher and, during the International Workshop of the ‘International Society for Condensed Matter Nuclear Science, held in Siena in recent days, Mr. Francis Piantelli (former colleague of Rossi and Focardi) has announced the birth of a cold fusion reactor. The reactor would be able to produce 91 watts from 20 required (71 Watts of net gain) to sustain the reaction between the nickel and hydrogen (the same one used by Rossi), even if the researcher Sienese states with confidence of being able to increase the energy productivity and to design a reactor self-sustainable.

As throughout the history of cold fusion, they just alternating periods of silence and looming high-sounding proclamations. The hope is always that soon we can get the marketing of a home technology, but the constant delays and the lack of scientific confirmation do nothing but raise the level of skepticism about the “myth”.

Luigi Gaudio
The evolution of the history of E-cat by Rossi and competitors

We were a little ‘forbidden: all this talk of relationships, alliances and collaborations between Andrea Rossi, and some universities, including that of Bologna, seemed suspicious. The Italian engineer, in fact, has always sought to gain credibility in channels other than simply academic way. Not to be missed university sponsors the E-Cat – the role of the teacher. Sergio Focardi is known, for example – but no institutional contact was never taken too seriously by Rossi.

For this reason there has not at all surprised to read this recent response in the Journal of Nuclear Physics Blog, held by the Rossi

“I do not understand all the fuss around the issue of Bologna University: we, the people working on the E-Cat, do research and development consultants, helpers, partners and universities chosen each time for specific objectives and is not interested in all ‘ public information. What matters to him is that our products work correctly. As always, the “puppet snakes” are making so much noise about nothing, with the help of a first lady (or would-be). ”

This judgment, was so dry it displaced some of the most loyal fans. In practice, the relationship with the University of Bologna, assuming – as it sounds – it is real, is not intended to prove anything in the world and that a partnership would not be important in the context of the development of cold fusion reactor.

The authors of E-Cat World have commented a little ‘annoyed and definitely regret:

” ing. Rossi does not seem to understand that many people are trying to find out as much as possible about his invention, the potential to change the world.”

For our part, however, we believe that these are precisely the most appropriate responses to the character Andrea Rossi. And the reference, a must that was missing for too long, the “snakes” – handled by some journalists, according to Rossi, to put a spoke in the wheel – it reminds us that the engineer is combative and determined to leave no room to criticism and skepticism.
WHEN THE DEBUT OF THE REACTOR.

E-Cat debut soon on the U.S. market. Declares the engineer Andrea Rossi. In an interview, the inventor of E-Cat has made it known that the production version of the machine 1MW market for the stars and stripes is close to complete. The first plant will also be open to the public. News from home Defkalion: Greek society should start sales of Hyperion in July 2012, he blurted an anonymous source.

Rossi has also provided some details regarding the construction and operation of E-Cat, machine wrapped in a sort of aura of mystery. It is made of a heater, said the engineer. “It uses a catalyst secret to melt the nickel and hydrogen to form copper. Copper has a state of energy less than nickel, and the excess energy is released in the form of a gamma ray. The gamma ray hits a wall of lead where it is absorbed and converted into heat. The entire process is extremely efficient and can heat any liquid that passes through the machine, “said Rossi. New information, therefore, useful to shed some ‘light on a plan greeted with skepticism by many and, in some cases, even with derision. “I always expected some form of resistance from people who are not willing to accept change, but this is the case in all areas of life, not only in physics,” he highlighted the engineer. The scientific world has shown interest so the invention of Rossi, but it has spared to express skepticism. “It was hard to believe that I had finally produced an example of LENR,” Rossi said in this regard, pointing out that it paid Sergio Focardi, physicist and professor emeritus at the University of Bologna, “to try to convince me that I was wrong, and relieve me of my obsession with LENR. Eventually I ended up convincing him, and he decided to work with me in the development of E-Cat. ” Rossi has finally promised that the Cat-E plants from 1MW will be linked together to create large power plants.

We just have to twist your fingers and hope that world  greedy and operated by lobbying interests do not overshadow the nth time the discoveries of brilliant scientists as it did 100 years ago Nicola Tesla. Or brilliant as the first discoverers of cold fusion Fleishman & Pons 1989, up to our Andrea Rossi.

A. S.

——————————————————-

italian version:

Fusione nucleare fredda quanto dobbiamo attendere per i prototipi

Se tutto questo fosse realizzabile e pare proprio di si, entro luglio avremo in commercio i primi reattori tascabili che produrranno  energia pulita e a basso costo, sembra il miracolo del secolo.

Seguire costantemente gli sviluppi sulla fusione fredda in questi anni è stato  come avventurarsi in un labirinto senza uscita: e le notizie che si stanno susseguendo da inizio 2012 non fanno che intricare ancor più la questione, ma sembra che ci siamo davvero.

E-Cat, il prototipo pronto



Di fusione fredda e LENR si parla incessantemente dal lontano 1989 e, con qualche punta d’orgoglio sciovinistico, l’Italia ha sempre fatto di tutto per far parte del novero dei paesi più all’avanguardia in termini di ricerca su questa tecnologia.
Noi abbiamo più volte affrontato l’argomento soprattutto perchè la dimostrazione da parte di Rossi e Focardi presso l’Università di Bologna dell’E-Cat (un catalizzatore di energia che sarebbe in grado di fondere nuclei di idrogeno ed atomi di nichel), aveva fatto sperare in un 2012 pieno di novità riguardo la realizzazione pratica di quello che invece sta sempre più diventando un mito cui anche la maggior parte della comunità scientifica ha smesso di credere.

Si perchè, a parte gli indubbi vantaggi della fusione fredda, le vicende che l’hanno accompagnata non ne hanno certo favorito gli sviluppi pratici. Prima il divorzio dell’ingegner Rossi dalla ditta greca che avrebbe dovuto produrre l’E-Cat, la Defkalion, poi a gennaio 2012 la rescissione da parte dell’Università di Bologna del contratto di sperimentazione del congegno per il non pagamento di 500 mila Euro dovuti dalla società di Andrea Rossi all’istituzione bolognese; infine la notoria ma plausibile indisponibilità a sottoporre l’E-Cat al vaglio della comunità scientifica perché ne possa certificare le funzionalità finora solo dichiarate.

Cosa è successo da allora? L’ingegner Rossi va avanti sulla sua strada e, meno di una mese fa, nel corso di un’intervista ad Oilprice.com, ha affermato che sta lavorando insieme a Siemens per trasformare il calore generato dall’E-Cat in elettricità e che i modelli da 1MW sono in fase di sviluppo e saranno presto pronti per gli USA.

Nel frattempo, dalle ultime notizie emerge che la concorrenza sembra farsi sempre più agguerrita e, nel corso del Workshop Internazionale dell’ International Society for Condensed Matter Nuclear Science, tenutosi a Siena nei giorni scorsi, l’ingegner Francesco Piantelli (ex collega di Rossi e Focardi) ha annunciato la nascita di un reattore a fusione fredda. Il reattore sarebbe in grado di produrre 91 Watt dai 20 necessari (71 Watt di guadagno netto) per sostenere la reazione tra il nichel e l’idrogeno (la stessa utilizzata da Rossi), anche se il ricercatore senese afferma con sicurezza di poterne incrementare la produttività energetica e di poter progettare un reattore auto-sostenibile.

Come lungo tutta la storia della fusione fredda, non fanno altro che alternarsi periodi di incombente silenzio e proclami altisonanti. La speranza è sempre che presto si possa arrivare alla commercializzazione di una tecnologia domestica, ma i continui rinvii e la mancanza di conferme scientifiche non fanno altro che innalzare il livello dello scetticismo intorno al “mito”.

Luigi Gaudio

 L’evoluzione della storia di E-cat di Rossi e dei concorrenti

Eravamo rimasti un po’ interdetti: tutto questo parlare di rapporti, alleanze e collaborazioni stabili fra Andrea Rossi e alcune Università, fra cui quella bolognese, era sembrato sospetto. L’ingegnere italiano, infatti, ha sempre ricercato di ottenere credibilità sotto canali diversi dalla semplice via accademica. Non che siano mancati sponsor universitari all’E-Cat – il ruolo del prof. Sergio Focardi è noto, ad esempio – ma nessun contatto istituzionale è stato mai preso troppo sul serio da Rossi.

Per questo motivo non ci ha sorpreso affatto leggere questa recente risposta sul Journal of Nuclear Physics Blog, tenuto dallo stesso Rossi:

«Non capisco tutta questa agitazione attorno alla questione Università di Bologna: noi, la gente che lavora sull’E-Cat, facciamo ricerca e sviluppo con consulenti, aiutanti, partner e università scelti volta per volta per specifici obiettivi e questo non interessa all’informazione del pubblico. Ciò che importa a quest’ultimo è che i nostri prodotti funzionino correttamente. Come sempre i “puppet snakes” stanno facendo tanto chiasso per nulla, con l’aiuto di qualche primadonna (o sedicente tale).»

Questa sentenza così secca ha spiazzato anche alcuni dei più fedeli fan. In pratica, il rapporto con l’Università di Bologna, ammesso – come sembra – che sia reale, non ha lo scopo di dimostrare alcunché al mondo e non sarebbe che una partnership importante nel contesto dello sviluppo del reattore a fusione fredda.

Gli autori di E-Cat World hanno commentato un po’ indispettiti e sicuramente dispiaciuti:

«Rossi sembra non capire che molta gente sta cercando di scoprire quanto più possibile riguardo la sua invenzione, potenzialmente in grado di cambiare il mondo».

Dal canto nostro, però, riteniamo che siano proprio queste le risposte più consone al personaggio Andrea Rossi. E il riferimento, un must che mancava all’appello da troppo tempo, agli “snakes” – giornalisti manovrati da qualcuno, secondo Rossi, per mettergli i bastoni fra le ruote – ci ricorda quanto l’ingegnere sia combattivo e deciso a non lasciare spazio a critiche e scetticismi.

A QUANDO IL DEBUTTO DEL REATTORE TASCABILE.

E-Cat debutterà a breve sul mercato statunitense. Dichiara l’ingegnere Andrea Rossi. In una intervista, l’inventore di E-Cat ha reso noto che la realizzazione della versione della macchina da 1MW per il mercato a stelle e strisce è prossima a completarsi. Il primo impianto, inoltre, sarà aperto al pubblico. Novità anche da casa Defkalion: la società greca dovrebbe avviare le vendite di Hyperion a partire da luglio 2012, ha spifferato una fonte anonima.

Rossi ha fornito altresì alcuni dettagli in merito alle caratteristiche e al funzionamento di E-Cat, macchina avvolta da una sorta di alone di mistero. Si tratta di fatto di un riscaldatore, ha spiegato l’ingegnere. «Si utilizza un catalizzatore segreto per fondere l’idrogeno e il nichel per formare rame. Il rame ha uno stato di energia inferiore al nichel, e l’eccesso di energia viene rilasciato sotto forma di un raggio gamma. Il raggio gamma colpisce una parete di piombo dove viene assorbito e trasformato in calore. L’intero processo è estremamente efficiente e può riscaldare qualsiasi fluido che passa attraverso la macchina», ha detto Rossi. Nuove informazioni, quindi, utili a gettare un po’ di luce su un progetto da più parti accolto con scetticismo e, in alcuni casi, anche con scherno. «Mi sono sempre aspettato una qualche forma di resistenza da parte di persone che non sono disposte ad accettare il cambiamento, ma questo è il caso in tutti i settori della vita, non solo in fisica» ha evidenziato l’ingegnere. Il mondo scientifico ha mostrato sì interesse per l’invenzione di Rossi, ma non ha lesinato di palesare scetticismo. «Era difficile credere che avevo finalmente prodotto un esempio di LENR», ha commentato Rossi a tal proposito, ricordando di aver pagato Sergio Focardi, fisico e professore emerito presso l’Università di Bologna, «per cercare di convincermi che mi sbagliavo, e alleviare me della mia ossessione per le LENR. Alla fine ho finito per convincerlo, ed egli ha deciso di lavorare con me nello sviluppo dell’E-Cat». Rossi ha infine promesso che gli impianti E-Cat da 1MW saranno collegati fra loro allo scopo di creare grandi centrali elettriche.

Non ci resta che intrecciare le dita e sperare che il mondo avido e manovrato da interessi lobbistici non offuschi per l’ennesima volta le scoperte di geniali scienziati come è successo 100 anni fa con Nicola Tesla e come i primi geniali scopritori della fusione fredda  Fleishman & Pons 1989, fino al nostro Andrea Rossi.

A. S.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: