VIA FRANCIGENA SYMBOL OF CULTURAL, RELIGIOUS & HUMANIST INHERITANCE OF EUROPE

schermata-2012-08-09-a-03-08-392-3

The Via Francigena is a symbol of cultural, religious and humanist inheritance of Europe, whose values ​​are always present in its heritage, have embedded within the life of society the central role of the person.


The Via Francigena from Canterbury to Rome is a highway once traveled by thousands of pilgrims going to visit the graves and the site of the martyrdom of Saints Peter and Paul. It was the most important of the main routes connecting Europe that sailed in the Middle Ages: it was especially at the beginning of the second millennium that its territory was crossed by a multitude of people in search of its roots religious and mystical. It owes its name to the fact that it was used as an access road to the side of the Alps by the Franks, who made the most important link between the environment of Central European and Mediterranean regions. The Francigena has testified and revealed the importance of pilgrimage since medieval times onwards, which, to emphasize the importance of the route and the symbolic meaning of the journey was made mostly on foot (for penitential reasons) and bore him a key devotional aspect and with the knowledge to move into a large-scale cultural circuit. It must be said that the pilgrimage routes, and the Francigena in particular because of its extremely wide area of ​​distance and stimulating, were at the same time intense trading routes that were traveled by the armies and their movements: the peculiar feature to be both a way of conquest, knowledge, and therefore the market as a vehicle for ideas, costumes, art, people and things in the Western world makes it particularly attractive from the point of view of tourism and culture. The Francigena is primarily a “street area” more than just a street, through which they circulated the historical and political foundations that have characterized Europe. In this sense, the Way has been a great testimony to the ancient roots of European cultural identity. The itinerary of the Francigena was therefore a real bundle of courses, consisting of sections of ancient Roman roads, which remained in use, and new tracks. These remarkable credentials, joined to the high road journey through the centuries, have  knows that the road has been recognized as a cultural route approved by the Council of Europe, by joining an interregional research project sponsored by the Presidency of the Council of Ministers .

The itinerary in one of the most beautiful stretches of the Via Francigena.

A “Social Trek” to explore the rolling hills of Siena, Colle di Val d’Elsa to Monteriggioni through Abbazia Isola and touching places that have witnessed the transition, over the centuries, thousands of travelers and pilgrims, but especially of monks and Templars.

☛ News, Via Francigena: the stretch opened San Gimignano – Monteriggioni ❑


It was recently inaugurated the first stage of the Via Francigena from San Gimignano in Tuscany that comes to Monteriggioni (step number 10) changing from “Colle Val d’Elsa.” It is, as mentioned above, the first in a series of steps that can be built in 2014, renewing it and attrezzandolo for us users, across the Via Francigena, Tuscany, it will be a new offer, unique, sustainable tourism great suggestion and economic potential that will reach the distance of 400 km.

Even though Italy is still lagging behind many European countries on the development of communication networks that allow to move without the use of motor vehicles along certain routes as possible and safe, with integrated maps, road book, navigation systems, GPS tracks, this initiative, the first in Italy, you go in a direction very current.

The step-San Gimignano Monteriggioni, in addition to the beauty of the course in environmental, historical and cultural, has now, as a result of interventions, safety features and services that make it a role model for the remaining 14 stage along the Tuscany and, more generally, for the entire route of the Via Francigena of  Sigerico.

The Tuscany, is crossed by a large number of historically important routes the best known of which is the Via Francigena, on whichthe region is particularly active. The complex phase of infrastructure route sees the Tuscany Region and local governments engaged in an endless series of interventions spread over a very long path.

The Tuscany you find along the trail is less crowded but no less noble art cities. The slow walk allows us to see
sights and roads impossible to drive out; perceive different smells and noises and slow down run run daily. Those who visit our area now seeks reasons, not only destinations, the recovery of the Francigena goes exactly in this direction, to create the conditions for realization of a dream; together cultural, spiritual identity, linked to the landscape.

The stage starts at 9 Gambassi Terme and comes to San Gimignano, covering about 13.4 km that is complete in about 3 hours               a  brief, interesting for the beauty of the ridges of the Val d’Elsa, dotted with castles and abbeys, originated by the passage of the Via Francigena. A hill you can find historic buildings, civil and ecclesiastical important as a mystic and architecture, in fact this is the city that gave birth to Arnolfo di

Cambio, here is its tower, the tower of the humanist Lorenzo Lippi. The cathedral where Cosimo Gherardesca, related to the family of the Medici, nephew of Pope Leo XI.

On 1 February 1612, he was elected Bishop of Colle, and he completed the construction of the Cathedral with the arrangement of the altar, the lectern .

Bought the lectern   received a gift from the Duchess of  “Giambologna” crucified. the city, have earned many titles during his historic path,including, as a result of merits earned in the field of battle, the most ‘important to the siege by the Duke of Calabria, allied with Florence against Siena, He was granted privileges to bear the title of city was granted the dignity of a bishopric.

You can visit the shrine of Pancole, before rising towards the village of Collemucioli, with a stretch of pavement, medieval, and from there to the church of Cellole.

Finally, you climb up the hill to soar the 15 towers of San Gimignano, one of the most popular destinations of Tuscany, its profile takes on a different flavor if it is reached on foot.

Along the way, interesting to see we have:

Gambassi Terme – in ancient times was a “ground up”, for the Etruscans, being the director and of Volterra, for the Romans, in relation to the Via Clodia between Siena and Lucca, and, in the Middle Ages, for travelers in particular for the pilgrims along the Via Francigena (Sigerico as Archbishop of Canterbury, in whose journey through Italy remembers, before 994, the Parish of Chianni).

San Gimignano – the location of the town hall that looks out on the “wrinkle teacher” of the city, the central street, corresponding to the urban layout of the Francigena, traveled by Sigeric of Canterbury after the job of Santa Maria in Chianni and before that of St. Martin to Fosci.

In the end we transcribe here a few historical essays collected in the Decalogue,

where he advised the traveler to the dictates of the spiritual journey and its benefits.

This handbook is given as the trace of a pilgrimage to one who, with the right motivation and desire for knowledge, is in looking

way, as far as possible, to observe and follow the advice of members, reliable source of spiritual enrichment and any cultural both his Way.

At the Via Francigena pilgrim

Consider that thousands of pilgrims from every class and condition have crossed your path for centuries. Even thou trample their footsteps, and after you others will do the same journey, you are part of a long history!

. He walks with a light luggage, a backpack and a water bottle enough, so in life, few things are needed and only a few are essential.

. Switch from hostel to hostel without prejudice or bias, in humility receive the hospitality, left without a house needs and practice the noble virtues of gratitude and cordial greeting, respect, brings joy to your insecurity.

. Experiment with all your soul and your whole body as in walking is walking. That fatigue every day you do not feel deprived of the joy of inner pilgrim, the path you fatigued, but your spirit is strengthened.

. So discover how, by the way, the way you shape, why would you walk in vain. You are also the way you do!

. Remember that during the journey that takes the unusual and saving! “Jesus went to a town called Nain …” “He went down to Capernaum” “It crossed some cornfields” “Back from the river Jordan entered a village,” “Coming down the mountain we stopped at a place up,” “Jesus himself came near and walked with them …” That could truly say: “I am the Way.”

. You know that the pilgrim is not a tourist or a vacationer, you know that being a pilgrim is to symbolize the release of your home, look what you return as you exit! It ‘s your own soul that walks.

. Walk with your eyes wide open ready to surprise and admiration of the world you travel, then do not rush, enjoy the walk, do not rush your steps, do not fret, cool off and pray.

. If you make along the way, do it tolerable, sing and make happy the steps of your classmates, make it easy to walk together, maybe you can make new friendships, strengthen those initiated, strengthens the bonds of friendship.

. Visit the shrines with devotion of the Way of Santiago during the specified path, seeking the remains of the trail, closer to the cemetery, to the market and town square, observe the local customs, monuments, know its history, its legends, its traditions, its water proof, his his bread and wine, chatting with the locals, the pilgrimage is also a cultural, literary, artistic, music, folklore and gastronomy.

. Search as much as possible to follow the old paths of pilgrimage: Crossing the old bridge, resting at the foot of that cross, drinking at the fountain, go down to the river, ascend to that church … and to practice their rites of pilgrimage.

. Think then, if all you’re experiencing in the way is not the end but a call from God inviting you to follow him for the “Great Way”, the Life of ..

Alessandro Sicuro

italian version:

“La Via Francigena è simbolo delle eredità culturali, religiose ed umanistiche dell’Europa, i cui valori, sempre presenti nel suo patrimonio, hanno ancorato nella vita della società il ruolo centrale della persona.

La Via Francigena che da Canterbury portava a Roma è una via maestra percorsa in passato da migliaia di pellegrini in viaggio per raggiungere le tombe e il luogo del martirio dei Santi Pietro e Paolo. Era la più importante delle grandi vie di collegamento che solcarono l’Europa nel Medioevo: infatti fu soprattutto all’inizio del secondo millennio che il suo territorio venne attraversato da una moltitudine di persone alla ricerca della proprie radici religiose e mistiche. Deve il suo nome al fatto di essere stata utilizzata come via d’accesso al di qua delle Alpi dai Franchi, che ne fecero il più importante collegamento tra l’ambiente mitteleuropeo e le regioni del Mediterraneo. La Francigena ha attestato e fatto emergere l’importanza del pellegrinaggio dall’epoca medioevale in poi, che, a sottolineare la rilevanza del percorso e il senso simbolico del viaggio, era compiuto prevalentemente a piedi (per ragioni penitenziali) e portava in sè un fondamentale aspetto devozionale e insieme la consapevolezza di muoversi all’interno di un circuito culturale di grande portata. Va detto che le vie di pellegrinaggio, e la Francigena in particolare a causa della sua area di percorrenza estremamente vasta e ricca di stimoli, erano allo stesso tempo vie di intensi scambi e commerci e che venivano percorse dagli eserciti nei loro spostamenti: la peculiare caratteristica di essere nel contempo una strada di conquista, di conoscenza, di mercato e dunque l’essere veicolo di idee, costumi, arte, uomini e cose nel mondo occidentale la rende particolarmente suggestiva dal punto di vista turistico e culturale. La Francigena è soprattutto un “area di strada” più che una semplice via, attraverso la quale hanno circolato i cardini storico-politici che hanno connotato l’Europa. In questo senso la Via ha rappresentato una grande testimonianza dell’antica radice dell’identità culturale europea. L’itinerario della Francigena era quindi un vero e proprio fascio di percorsi, costituito da tratti di antiche strade romane, rimaste in uso, e da nuovi tracciati. Queste notevoli credenziali, unite all’elevata percorrenza della strada nel corso dei secoli, hanno fatto si che la via sia stata riconosciuta quale itinerario culturale approvato dal Consiglio d’Europa, aderendo ad un progetto interregionale di ricerca promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

IL percorso itinerante in uno dei tratti più belli della Via Francigena.

Un “Social Trekking” alla scoperta delle dolci colline del Senese, da Colle di Val d’Elsa a Monteriggioni passando per Abbadia Isola e toccando i luoghi che hanno visto il passaggio, nei secoli, di migliaia di viandanti e pellegrini, ma sopratutto di monaci e Templari.

☛ News , Via Francigena: inaugurato il tratto San Gimignano – Monteriggioni ❑

Di recente è stata inaugurata la prima tappa della Via Francigena in Toscana che da San Gimignano arriva fino a Monteriggioni (tappa numero 10) passando da “Colle Val d’Elsa”. Si tratta, come detto sopra, della prima di una serie di tappe che nel 2014 consentiranno di realizzare, rinnovandolo e attrezzandolo per noi utenti, tutta la Via Francigena toscana; si tratterà di una nuova offerta, unica nel suo genere, di turismo sostenibile di grande suggestione e potenzialità economica che raggiungerà la distanza di 400 km.

Anche se l’Italia è ancora indietro rispetto a molti Paesi europei sullo sviluppo delle reti di comunicazione che consentano di muoversi senza l’uso di veicoli a motore lungo percorsi il più possibile certi e sicuri, integrati con mappe, road book, navigatori satellitari, tracce GPS, questa iniziativa, la prima in Italia, consente di andare in una direzione molto attuale.

La tappa San Gimignano-Monteriggioni, oltre alla bellezza del percorso in termini ambientali, storici e culturali, ha adesso, a seguito degli interventi realizzati, caratteristiche di sicurezza e servizi tali da renderla un modello da imitare per le rimanenti 14 tappe dell’itinerario toscano e, più in generale, per l’intero tracciato della Via Francigena di Sigerico.

La Toscana,  è attraversata da un vasto numero di itinerari storicamente importanti il più noto dei quali è la via Francigena, su cui la Regione è particolarmente attiva. La complessa fase di infrastrutturazione dell’itinerario vede la Regione Toscana e le amministrazioni locali impegnate in una innumerevole serie di interventi distribuiti su un percorso molto lungo.

La Toscana che scopriamo lungo il percorso è meno frequentata, ma non meno nobile delle città d’arte. Il lento camminare ci consente di osservare scorci e strade bianche impossibili da notare in macchina; percepire odori e rumori diversi e rallentare il corri corri giornaliero. Chi visita le nostre zone cerca oggi motivazioni, non solo destinazioni; il recupero della Francigena va esattamente in questa direzione, per creare le condizioni della realizzazione di un sogno; insieme culturale, spirituale, identitario, legato al paesaggio.

La tappa 9 parte da Gambassi Terme ed arriva sino a San Gimignano percorrendo circa 13,4 km che si completano in circa 3 ore

Un breve percorso, interessante per la bellezza dei crinali della Val d’Elsa, disseminati di castelli e abbazie, originati dal passaggio della Via Francigena. A Colle si possono trovare palazzi storici, civili ed ecclesiastici importanti sotto il profilo mistico e architettonico, infatti questa è la città che ha dato i natali a Arnolfo di Cambio, qui c’è la sua torre, la torre dell’umanista Lorenzo Lippi.  Il duomo ove Cosimo della Gherardesca, imparentato con la famiglia dei Medici, pronipote di Papa Leone XI.

Il 1º febbraio 1612 fu eletto vescovo di Colle, e portò a compimento la costruzione del Duomo con la sistemazione degli altari, della cattedra e del coro. Acquistò il Leggio del Tacca e ricevette in dono dalla Granduchessa il crocifisso del Giambologna. Colle, si è fregiata di tanti titoli durante il suo percorso storico, tra i quali,  in seguito a meriti guadagnati in campo di battaglia, la piu’ importante l’assedio da parte del Duca di Calabria, alleato con Siena contro Firenze, Gli furono concessi i privilegi di fregiarsi col titolo di città e gli fù concessa la dignità di sede vescovile.

Si può visitare il santuario di Pancole, prima di risalire verso il borgo di Collemucioli, con un tratto di selciato medievale, e da qui alla pieve di Cellole.

Infine si sale verso la collina dove svettano le 15 torri di San Gimignano, una delle mete più frequentate della Toscana, il suo profilo assume un sapore diverso se viene raggiunta a piedi.

Lungo il percorso d’interessante da vedere abbiamo:

Gambassi Terme – Era nei tempi antichi una “terra di passo”, per gli etruschi, trovandosi sulla direttrice e nel dominio di Volterra; per i Romani, in relazione alla via Clodia tra Siena e Lucca; e, nell’alto Medioevo, per i viaggiatori in particolare per i pellegrini che percorrevano la via Francigena, (come l’arcivescovo Sigerico di Canterbury, nel cui itinerario attraverso l’Italia si ricorda, prima del 994, la Pieve di Chianni).

San Gimignano – l’ubicazione del palazzo comunale che è prospiciente la “ruga maestra” della città, la strada centrale, corrispondente al tracciato urbano della Francigena, percorsa da Sigerico di Canterbury dopo la mansione di Santa Maria a Chianni e prima di quella di San Martino ai Fosci.

In fine trascriviamo quì un decalogo raccolto in alcuni saggi storici, dove si consiglia al viandante i dettami del cammino spirituale e i suoi benefici.

Questo decalogo, viene dato come traccia di pellegrinaggio a colui che, con le giuste motivazioni e con desiderio di conoscenza, si pone in cammino cercando, per quanto possibile, di osservare e di attenersi ai consigli iscritti,  fonte certa di arricchimento spirituale e culturale qualunque sia il suo Cammino.

Al Pellegrino della Via Francigena

Considera che migliaia di pellegrini di ogni classe e condizione hanno percorso il tuo stesso cammino durante secoli. Anche tu calpesterai le loro orme, e dopo di te altri faranno lo stesso cammino, fai parte di una lunga Storia!

Cammina con un bagaglio leggero, uno zaino ed una borraccia bastano, così nella vita, poche cose sono necessarie e solamente alcune sono imprescindibili.

Passa da ostello a ostello senza pregiudizi né preconcetti, ricevi con umiltà l’ospitalità, lasciati accogliere senza esigenze e pratica la nobile virtù della riconoscenza ed il saluto cordiale, il rispetto, porta con gioia la tua precarietà.

Sperimenta con tutta la tua anima ed in tutto il tuo corpo come, andando, si fa cammino. Che la stanchezza di ogni giorno non ti privi della gioia intima di sentirti pellegrino, il cammino ti affatica, però il tuo spirito si rinvigorisce.

E così scopri come, facendo il cammino, il cammino ti forma, perché mai si cammina invano. Tu sei anche il cammino che fai!

Ricorda che è durante il cammino che avviene l’insolito ed il salvifico! “Gesù andava ad un paese chiamato Nain…” “Scese a Cafarnao” “Attraversava alcuni campi seminati” “Di ritorno dal fiume Giordano entrò in un villaggio” “Scendendo dal monte si fermò in un posto piano” “Gesù in persona si avvicinò e si mise a camminare con loro…” Per questo ha potuto dire con verità: “Io sono il Cammino.”

Sai che il pellegrino non è un turista né un vacanziere, sai che essere pellegrino è simboleggiare la tua uscita di casa, guarda che non si ritorna come si è usciti! E’ la tua propria anima che cammina.

Cammina con gli occhi ben aperti pronti alla sorpresa ed alla ammirazione del mondo che percorri, allora non avere fretta, gioisci con il camminare, non affrettare i tuoi passi, non agitarti, tranquillizzati e prega.

Se fate il cammino assieme, fatelo tollerabile, canta e rendi felici i passi dei tuoi compagni, rendi facile il camminare insieme, forse puoi fare nuove amicizie, consolidare quelle iniziate, rafforza i legami di amicizia.

Visita con devozione i santuari del Cammino di Santiago indicati durante il percorso, cerca le vestigia del percorso, avvicinati al cimitero, al mercato ed alla piazza del paese, osserva gli usi locali, i monumenti, conosci la sua storia, le sue leggende, le sue tradizioni, prova la sua acqua, il suo vino ed il suo pane, conversa con la gente del posto, il pellegrinaggio è anche culturale, letterario, artistico, musicale, folclorico e gastronomico.

Cerca per quanto possibile di seguire i vecchi cammini del pellegrinaggio: Attraversare quel vecchio ponte, riposare ai piedi di quella croce, bere a quella fontana, scendere al fiume, ascendere a quella chiesetta… e praticare i riti propri del pellegrino.

Pensa infine, se tutto quello che stai sperimentando nel cammino non è in fondo se non una chiamata di Dio che ti invita a seguirlo per il “Gran Cammino”, quello della Vita…

Alessandro Sicuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.