GUAI PER I LAVORATORI STRANIERI IN GRAN BRETAGNA

Le parole della ministra Rudd sono state anticipate questa mattina dal Times di Londra, che ha aperto la prima pagina con un titolo allarmante: “Firms must list foreign workers”, le aziende dovranno fare liste dei lavoratori stranieri. Un’idea che Rudd ha precisato al congresso dei Tories: “Ci sono troppi lavoratori stranieri in Gran Bretagna”, ha detto, aggiungendo subito dopo che sono troppi anche gli studenti stranieri. Gli uni e gli altri tolgono posti, spazio e risorse ai cittadini britannici, sostiene la ministra. Per invertire la tendenza non basta, evidentemente, porre limiti all’immigrazione, come il Regno Unito si appresta a fare con Brexit, ovvero uscendo dall’Unione Europea e mettendo fine alla libertà di movimento dei lavoratori, anche pagando il prezzo dell’uscita dal mercato comne. Occore qualcosa di più: “Svergognare” le aziende che, perlomeno nella visione del governo, privilegiano le assunzioni di stranieri. Per questo, l’obbligo di pubblicare “liste” per nazionalità, in modo che l’opinione pubblica sappia quanti britannici e quanti non britannici vi lavorano: una pressione che, nelle intenzioni di Amber Rudd, spingerebbe le imprese ad assumere più britannici.

“Xenofobia pericolosa”, accusa il partito laburista. “Non sono razzista”, si difende la ministra – che forse, avendo preso il posto occupato per sei anni da Theresa May prima di conquistare Downing street, pensa di dover farsi notare per favorire il resto della sua carriera. Ma la Confindustria britannica e la City segnalano scontento, commentando che, senza gli stranieri, l’economia nazionale andrebbe in tilt. E sui social network esplode lo sdegno, anche da parte di molti italiani di Londra, increduli all’idea di poter finire in una “lista”, identificati come diversi: un’iniziativa che risveglia i peggiori fantasmi del passato europeo. Del resto Liam Fox, uno dei tre “ministri per Brexit” nominati da Theresa May, afferma tranquillamente che gli europei residenti in Gran Bretagna, 3 milioni di persone, potrebbero essere usati “tatticamente” come merce di scambio al tavolo della trattativa fra governo britannico e Ue sui termini del divorzio. Anche questa una proposta che suscita proteste e indignazione, peraltro smentita dalla premier May secondo cui i diritti degli europei residenti nel Regno Unito saranno protetti finché lei è a

capo del governo, seppure aggiunga subito “a patto che i britannici ricevano protezione analoga in Europa”. Insomma, per quanto appaia incredibile, il grido che si insinua nella capitale multietnica, cosmopolita e globalizzata d’Inghilterra è “non passa lo straniero”.

sure-com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.