Milano fw da Marni spettacolare ingresso di personaggi della moda

 

Marni – Primavera-Estate 2018 – Prêt-à-porter Donna – Milano –
 

PRIMA DELLA SFILATA DI MARNI IL CONSUETO DEFILE’ ALL’INGRESSO DELLO SHOWROOM

Versione italiana di Gianluca Bolelli

I vestiti allucinatori, surreali e talvolta bizzarri che ha presentato avevano tutto il potere emozionale e i colori esuberanti che da sempre si associano a Marni. Ma con un tocco più giovane e un certo senso di ottimismo.Francesco Risso ha anche fatto tornare l’impeto e lo slancio originario di Marni. Inizialmente il marchio è stato creato per realizzare una collezione di prêt-à-porter per la famiglia Castiglioni, il cui lavoro manifatturiero nella pellicceria era molto stimato. Guarda caso, le idee migliori di Risso sono state nelle pellicce: accappatoi da campioni di boxe in un mix di visone e volpe in colori pastello, intercalati da inserti di nylon e jacquard. Uno di essi, bianco, era punteggiato da fragoline fatte di tessuto. Le modelle li indossavano lasciando che le lunghe cinture di pelliccia fossero trascinate dietro di loro, come bellezze appena uscite vittoriose da un incontro di lotta pieno di fascino.

Ma è stato il coraggioso senso di fantasia di Francesco Risso a trovarsi al centro della collezione: bustini a forma di scacchiera, enormi motivi scozzesi, elefanteschi pantaloni indiani da maharajah e cappotti in pelle pieni di ardore, con grandi rose astratte.

Lo stilista non manca di coraggio. Il suo primo défilé per Marni aveva dato un’impressione di lavoro incompleto: questo ha dato l’idea di molta più sicurezza nei propri mezzi. Per molti versi si è trattato indubbiamente dell’evento più stimolante visto a Milano e della collezione che ha proposto le idee più innovative.

Presentato all’interno della sede sociale di Marni, in Viale Umbria, in un ambiente intelligentemente aggiornato ai nostri tempi, con panche in irsuta pelle bovina, il défilé è stato salutato da un applauso scrosciante. La prima ispirazione di Francesco Risso è stato un semplice scarabocchio e un sogno che si è concluso con una donna appollaiata su uno skateboard, con un look scultoreo stile anni ‘20.

“Volevo un cocktail bizzarro di eventi, di collisioni. Dunque ho chiamato questa collezione “Caccia al tesoro”. Si tratta di una donna che fruga in un baule pieno di tesori, li esamina, li ingrandisce e li adatta”, ha detto lo stilista.

0ccbdf629zfzy6i   schermata-2017-01-16-alle-21-05-12

 

 


Atreet style shoot by sure-com

Valentina Venni ph

Alessandro Sicuro ph

click on pic for slideshow

 


 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...