Settembre 24, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

L’ECONOMIA LOMBARDA VERSO LIVELLI DI PRECRISI

SERVONO COMUNQUE MOLTE COSE TRA LE QUALI LA RIAPERTURA DEL CREDITO ALLE PMI

L’ADEGUAMENTO FISCALE VERSO PARAMETRI PIU’  FLAT

L’economia lombarda torna a correre non solo nel settore dei servizi, ma anche nel campo industriale. È quanto emerge dall’Indagine congiunturale dell’industria e dell’artigianato manifatturieri in Lombardia per il quarto trimestre 2017, effettuata su un campione di oltre 2.700 aziende manifatturiere, suddivise in imprese industriali (oltre 1.500 imprese) e artigiane (quasi 1.200 imprese), presentata da Unioncamere Lombardia e realizzata in collaborazione con Confindustria Lombardia, Regione Lombardia, Confartigianato, Cna, Casartigiani e Claai – Confederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane.

In base ai dati, il 2017 si è chiuso con una produzione industriale cresciuta in media del 3,7% rispetto al 2016 e con una variazione dell’ultimo trimestre dell’anno del +5,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La crescita congiunturale ha sfiorato i due punti, progressione che ha portato l’indice della produzione regionale a quota 109,7, quasi 11 punti oltre la media nazionale, avvicinando la soglia pre-crisi di 113,2 toccata nel 2007. A trainare è il comparto siderurgico (+5,9%), ma performance positive arrivano anche dal settore pelli-calzature (+5,8%) seguito da legno-mobilio (+3,4%), mentre l’abbigliamento segna solo un +1,3%. In controtendenza, invece, il tessile a -0,8% che però, rassicura l’indagine, è vicino al punto di svolta.

Anche le imprese artigiane hanno visto una crescita media annua della produzione del 2,6% e una variazione del +3,1% che hanno interessato il territorio regionale e quasi tutti i settori produttivi con il tessile (+1,2%) e l’abbigliamento (+0,4%) in lieve miglioramento mentre le pelli-calzature hanno segnato un calo significativo (-4,4%).

Fondamentale per l’accelerazione della produzione si conferma l’export, che rappresenta il 40,1% dei fatturati dell’industria lombarda. Se le esportazioni cresciute nel 2017 del 5,2% continueranno ad aumentare, come prevede l’indagine, potrebbero crearsi nuovi posti di lavoro.

Le previsioni per il 2018 indicano un Pil lombardo in crescita dell’1,8% e la disoccupazione in calo del 6,2% grazie a un saldo che dovrebbe tornare positivo come effetto degli investimenti nell’industria 4.0.

0ccbdf629zfzy6i   schermata-2017-01-16-alle-21-05-12

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: