Settembre 19, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

KERING SI AFFIDA AL POTENTE SHOP ON LINE JD.COM PER VENDERE IN CINA

KERING  VUOLE ENTRARE NEL MERCATO CINESE E SI AFFIDA AL POTENTE PORTALE DI E-SHOP JD.COM

Kering Eyewear, nel cui portafoglio spiccano brand di occhiali come GucciBottega Veneta Saint Laurent, si affida al potente e-tailer asiatico JD.com per vendere in Cina. Roberto Vedovotto: «Il nuovo online flagship si concentrerà nel fornire alla clientela locale una shopping experience unica». Il colosso cinese dell’e-commerce offrirà a 292 milioni di potenziali clienti una selezione di montature da vista e da sole griffati con i marchi deluxe nell’orbita di Kering Eyewear, che oltre ai brand già citati include anche CartierAlexander McQueenStella McCartneyBrioniAltuzarraAlaïaBoucheronPomellatoPuma , McQChristopher Kane e Tomas Maier, diventandone distributore ufficiale.
Richard Liu, presidente e amministratore delegato di JD.com, ha elogiato «l’impegno per la qualità e l’eleganza senza tempo» della società, con l’idea di «massimizzare il suo potenziale in Cina», mentre Roberto Vedovotto, presidente e a.d. di Kering Eyewear, ha dichiarato che «la Cina è un mercato in forte espansione per le vendite di e-commerce e una regione con un alto potenziale di crescita nel segmento del lusso. Collaborare con questo player affidabile e innovativo è stata una scelta naturale». Kering ha iniziato a gestire direttamente il business dell’eyewear a partire dal 2014, con una divisione ad hoc guidata appunto da Vedovotto (ex ceo di Safilo). Dall’anno successivo Villa Zaguri, nei pressi di Padova (nella foto), ne è diventata il quartier generaleIn occasione della pubblicazione dei risultati annuali, il gruppo del lusso d’Oltralpe ha reso noto anche il fatturato del business degli occhiali della controllata Kering Eyewear, pari a 352 milioni di euro. Le attività nell’eyewear contribuiscono ai ricavi totali per 272 milioni, se si escludono le vendite infragruppo e le royalty pagate ai brand di proprietà, e alla crescita organica complessiva per 2,2 punti percentuali, a cambi costanti. Come sottolineano dal big francese, la licenza per le montature Gucci è operativa da gennaio 2017.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: