Dicembre 1, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

☛ THE ECONOMIC SITUATION SCENARIO:

 

 

 

 

THE ECONOMIC SITUATION SCENARIO:

Germany and Greece sank bags. Monday burned 120 billion

Rome, May 14 – Greece and Germany scared the wits out of European markets. The spectrum of the output from the euro in Athens, which fails to form a unity government ‘National, and the electoral defeat of the German chancellor, Angela Merkel, in North Rhine-Westphalia, have dragged down the bags and sent to ‘air spreads on government bonds. The eyes are on Greece where President Karolos Papoulias of trying to reach a compromise in estremis with PASOK, New Democracy and the Democratic Left for a caretaker government to avert new elections, but also to avoid the country’s economic abyss, hanging from a mega loan-EU and International Monetary Fund of 130 billion euros.

It is expected tomorrow morning a new round of consultations in Athens and Brussels will ‘Ecofin, Eurogroup after today, to engage in chaos greek. The EU Commission has insisted again today sulal its position in support of the estate of Greece in the Euro, but now the markets seem to bet on the contrary. In the meantime, however, ‘and is’ made to feel the effect Germany: Merkel’s policy of rigor and ‘was also rejected by the German Chancellor who gave up land in the most’ populous country, the North Rhine Westphalia. Tomorrow Merkel, still out of tune in a vote that has plunged the consent of the CDU at 26.3% against 35% in 2010, will see ‘the new French president Hollande that, among other things, ask’ the revision of the fiscal compact Europe. Meanwhile, the bag only today has burned about 120 billion euros, with the Stoxx index which closed down 1, 80% and all major markets of the Old Continent in fall: Milan Stock Exchange lost 2.74%, London the 1, 97, Paris, 2.29%, the Frankfurt 1, 94%.

Wall Street and ‘game also weighed down by the resignation of the head of the investment arm of JPMorgan, Ina Drew. Tensions on the finance markets are reflected in government securities. The spread between BTPs and German Bunds, the Reuters platform, and ‘totaled 444 points, after reaching a maximum of 451 points. On Bloomberg and the spread ‘to 428 points, after a top at 435 points. The performance of the year and ‘at 5.88% on the Reuters platform. The spread is calculated on the Spanish Bonos and totaled 481 points.

 

_______________________________________

 

RELIABILITY ‘:

Moody’s cuts rating of 26 Italian banks it at 0:35.

The press agency: “The crisis and recession weigh»

MILAN – Moody’s cut its rating of 26 Italian banks, 5 of which are large groups. “The ratings of Italian banks are among the lowest among the advanced economies in Europe and this reflects the vulnerability of institutions in a difficult situation in Italy and Europe,” the analysts say in a statement the company’s credit rating, highlighting the difficulties in “recession and austerity in Italy are reducing demand in the short term.”

THE CUT – Moody’s cut its rating of 10 banks one step, two steps at eight, three steps for another six and four steps for the other two institutions. “The extent of the downgrade was limited by several factors,” including the liquidity provided by the ECB, which has “significantly reduced the risk of default in the short term. Furthermore, many banks have strengthened their capital levels. ” “Italian banks – Moody’s says – are particularly vulnerable to adverse operating conditions, which are likely to cause a further deterioration in asset quality, earnings pressure and limited market access. These risks are exacerbated by investors’ concerns about sustainability “of the Italian debt that has contributed to difficult financing conditions for banks.

BANKS INVOLVED – Among the banks involved in cutting the ratings are the three main groups of Italian banks Intesa San Paolo, Unicredit and Monte dei Paschi di Siena. In detail, for Unicredit the downgrade is a notch from A2 to A3. Even for Intesa Sanpaolo is downgraded from A2 to A3. For Banca Monte dei Paschi has downgraded two notches, from Baa1 to Baa3. Banco Popular is to downgrade from Baa2 to Baa3.

 

———————————————

THE POSITION OF THE EU

“Junker, we will do everything to save Greece ‘

Meeting of the Eurogroup, Juncker: just threats to Athens
can be an extension of time for complying with the commitments

Jean-Claude Juncker, chairman of the Eurogroup (EPA)

MILAN – The partners want to keep Greece in the eurozone single currency. “We will do everything to make it happen, and an output of Athens from the euro today (Monday, ed) is absolutely not spoken,” said the chairman of the Eurogroup Jean-Claude Juncker at the end of the meeting of European finance ministers. The items on the expulsion of Athens by the single currency is a “nonsense”, “propaganda” Juncker said, criticizing the “way to provoke the Greeks” and “treat them with constant threats.”

The euroministri compared

GROWTH – The Eurogroup president also spoke of growth, the issue raised, among others, the Italian Prime Minister Mario Monti and on which also the Minister of Development Corrado Passera has invited the EU to do more (see video). It is “now time” to have a “substantive debate” on growth, Juncker said after the meeting. The discussion, he added, will grow in the coming weeks.

HYPOTHESIS EXTENSION – Overall, it was a day of high voltage to Monday in Brussels. With rumors of possible exit of Greece and the euro, while the ‘”impasse” politics in Athens, scheduled until Thursday, which was prevented from taking effective decisions.
In this regard, if Greece will form the government and will seek to implement the recovery program agreed with the partners of the Euro, “can not be excluded a priori, in the event of dramatic changes in the situation, an extension of time” for compliance commitments made by Athens, Juncker said. The Eurogroup president also recalled that two years the partners have already paid 148 billion euro to support Greece: “We are aware of the efforts that people have already done – he said – but this is not the time to relax the effort for reform: Strongly encourage Athens to continue this path. ”

NEGOTIATIONS – More than to give assurances that no longer can give, the Greek Finance Minister Filippos Sachinids he was in Brussels, to see if there is no room for maneuver, though beyond the official statements which fell from many capitals and many Eurozone ministers, there is scope to facilitate ongoing discussions between the parties that the Greeks might result in a majority.

THE POSITION – During the afternoon there was no difference of opinion between the different countries about what might happen if Greece came out from the monetary union (output for which there are no rules, not being provided by the EU Treaty). The German Schaeuble believes that monetary union is fully capable of supporting the farewell of Greece, Belgium’s Didier Reynders, Minister of Foreign Affairs of Belgium, speaks of “catastrophe,” the Spaniard De Guindos fears for Spain.

“EUROPE CAN ‘DO MORE'” – From the White House, finally, comes the comment of the spokesman for Barack Obama: “The Europeans have already taken important steps. But of course we need to do more. ” And again: “We are in regular contact with European countries at the highest levels.”

 

————————————————– ——-

 

Imaginable scenario

 

IF GREECE IS OUT OF THE EURO, WHAT COULD HAPPEN?

I know, some EU markets. They pulled the rope for months, Germany more ‘of all, is now one step away from cracking. The exasperation of Greece is in full swing in Europe and around the specter of his exit from the euro. Matter of time and political will. At these times you try the agreement for a new government. Whatever happens, it will be the new executive to decide whether to stay in the Eurozone. Abandonment is now provided on the list of possible options.

WHAT COULD HAPPEN, LOOKING TO CREATE A SCENARIO POSSIBLE:

“The assumption has become realistic when the spreads of EU countries have started to become well above zero. A differential higher than the yield of the German Bund, in fact, includes a small chance of a big event called devaluation. This probability, for Greece, has always been high. ”

The very fact that investors prediligano the titles, is an indication that the possibility that the event is perceived as real posters. “The other titles serving the hypothesis because of the devaluation of Greece, in the mind of the market, this event is realizable and would result in the contamination of other countries.” In essence, “fear that after the abandonment of Athens, the others follow suit; collapse at that point, the euro and the EU, while the spread of all countries would increase, except those of Germany, where the Moreover, the mark will appreciate. ”

EURO-ZONE IN WHAT IS HAPPENING.

Everything rests on a precarious balance: “It is believed that it is very difficult for a country to change the old currency to the euro accounts. At the same time, however, in which this occurs, all it would make immediately aware of the fact that the passage is technically fattibilissimo! For Greece, as for all other countries. ” In the immediate future, here’s what would happen: “We would develop a process similar to that of Argentina. When he defaults, he left the marital relationship with the dollar. There were two strong years of recession due to the chaos caused by redistribution of wealth, in turn, by the redefinition of the contracts between creditors and debtors. Similarly, in Greece would lead to a period of great social unrest, arbitrary redistribution of income, where the only ones who would enrich the lawyers. ” But, as has happened with Argentina, currently among the most competitive countries of Latin America, not all evil would be a silver lining. “The Greek coin, then, would be devalued so much. But, as is known, a greatly devalued the drachma would restore competitiveness across the huge export industry of Greece. And, like Argentina, would recover in a few years. Moreover, there are a lot of European economies that live very well without the euro. ” I do not think a tragic end, if this scenario, the assemblassimo Italy.

 

Alessandro Sicuro

 

————————————————–

Italian Version:

LA SITUAZIONE ECONOMICA:

Germania e Grecia affondano borse. Bruciati 120 miliardi nel lunedi’ nero 

Roma, 14 mag. – La Grecia e la Germania spaventano a morte i mercati europei. Lo spettro dell’uscita dall’euro di Atene, che non riesce a formare un governo di unita’ nazionale, e la sconfitta elettorale del cancelliere tedesco, Angela Merkel, nel Nord Reno-Westfalia, hanno trascinato verso il basso le borse e mandato all’aria gli spread dei titoli di stato. Gli occhi sono puntati sulla Grecia dove il presidente Karolos Papoulias sta tentando d raggiungere in estremis un compromesso con Pasok, Sinistra Democratica e Nea Dimokratia per un governo tecnico che scongiuri nuove elezioni, ma soprattutto che eviti il baratro economico del Paese, appeso a un mega-prestito di Ue e Fondo monetario internazionale di 130 miliardi di euro.

Si attende domani mattina un nuovo round di consultazioni ad Atene mentre a Bruxelles sara’ l’Ecofin, dopo l’Eurogruppo di oggi, a dedicarsi al caos greco. La Commissione Ue ha insistito anche oggi sulal sua posizione a sostegno della tenuta della Grecia nell’Euro, ma ormai i mercati sembrano scommettere sul contrario. Nel frattempo pero’ si e’ fatto sentire anche l’effetto Germania: la politica di rigore della Merkel e’ stata bocciata anche dagli stessi tedeschi che hanno mollato la cancelliera nel land piu’ popoloso del Paese, il Nord Reno Westfalia. Domani la Merkel, ancora stonata dal voto che ha fatto piombare il consenso della Cdu al 26,3% contro il 35% del 2010, vedra’ il nuovo presidente francese Hollande che, tra l’altro, chiedera’ anche la revisione del fiscal compact europeo. Intanto la borsa solo oggi ha bruciato circa 120 miliardi di euro con l’indice Stoxx che ha chiuso in calo dell’1,80% e tutte le principali borse del Vecchio Continente in ribasso: Piazza Affari ha perso il 2,74%, Londra l’1,97, Parigi il 2,29%, Francoforte l’1,94%.

Anche Wall Street e’ partita in calo appesantita anche dalle dimissioni del capo della divisione investimenti di JPMorgan, Ina Drew. Le tensioni sulle piazze finanziare si sono riflesse anche sui titoli di stato. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi, sulla piattaforma Reuters, si e’ attestato a 444 punti, dopo aver toccato un massimo di 451 punti. Sulla piattaforma Bloomberg lo spread e’ a 428 punti, dopo un top a 435 punti. Il rendimento del decennale e’ al 5,88% sulla piattaforma Reuters. Lo spread calcolato sui Bonos spagnoli si e attestato a 481 punti.

 

_______________________________________

 

L’AFFIDABILITA’ :

Moody’s taglia il rating di 26 banche italiane alle ore 0.35 it.

Il comunicato dell’agenzia: «Crisi e recessione pesano»

MILANO – Moody’s ha tagliato il rating di 26 istituti di credito italiani, 5 dei quali sono dei grandi gruppi. «I rating delle banche italiane sono fra i più bassi fra le economie avanzate europee e questo riflette la vulnerabilità degli istituti in un contesto difficile in Italia e in Europa», affermano in una nota gli analisti della società di rating, sottolineando le difficoltà legate alla «recessione e all’austerity che in Italia stanno riducendo la domanda nel breve termine».

IL TAGLIO – Moody’s ha tagliato il rating di 10 banche di un gradino, di due gradini per otto, di tre gradini per altre sei e di quattro gradini per altri due istituti. «La portata dei downgrade è stata limitata da alcuni fattori», fra i quali la liquidità offerta dalla Bce, che ha «ridotto significativamente il rischio default nel breve termine. Inoltre molte banche hanno rafforzato i loro livelli di capitale». «Le banche italiane – spiega Moody’s – sono particolarmente vulnerabili alle condizioni operative avverse, che causeranno probabilmente un ulteriore deterioramento della qualità degli asset, pressione sugli utili e limitato accesso al mercato. Questi rischi sono esacerbati dai timori degli investitori sulla sostenibilità» del debito italiano che ha contribuito alle difficili condizioni di finanziamento delle banche.

LE BANCHE COINVOLTE – Fra le banche coinvolte nel taglio del rating ci sono i tre principali gruppi di credito italiani Intesa San Paolo, Unicredit e Monte dei Paschi di Siena. In dettaglio, per Unicredit il downgrade è di un notch da A2 ad A3. Anche per Intesa Sanpaolo il downgrade è da A2 ad A3. Per Banca Monte dei Paschi il declassamento è di due notch, da Baa1 a Baa3. Per Banco Popolare il downgrade è da Baa2 a Baa3.

 

———————————————

LA POSIZIONE DELLA  U.E.

« Junker, faremo di tutto per salvare la Grecia»

Riunione dell’Eurogruppo, Juncker: basta minacce ad Atene,
possibile una proroga dei tempi per il rispetto degli impegni

Jean-Claude Juncker, presidente dell’Eurogruppo (Epa)

MILANO – I partner dell’Eurozona vogliono mantenere la Grecia nella moneta unica. «Faremo di tutto perché questo accada e di un’uscita di Atene dall’euro oggi (lunedì, ndr) non si è assolutamente parlato» ha detto il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker al termine della riunione dei ministri finanziari europei. Le voci sulla cacciata di Atene dalla moneta unica sono un «non senso», «propaganda» ha aggiunto Juncker, criticando il «modo di provocare i greci» e di «trattarli con continue minacce».

Gli euroministri a confronto

CRESCITA – Il presidente dell’Eurogruppo ha parlato anche di crescita, tema sollevato, tra gli altri, dal premier italiano Mario Monti e su cui anche il ministro dello Sviluppo Corrado Passera ha invitato l’Ue a fare di più (guarda il video). È «arrivato il momento» di avere un «dibattito sostanziale» sulla crescita, ha detto Juncker al termine della riunione. La discussione, ha aggiunto, si svilupperà nelle prossime settimane.

L’IPOTESI PROROGA – Nel complesso, è stata una giornata di alta tensione quella di lunedì a Bruxelles. Con le voci sulla possibile uscita della Grecia dall’euro e, al contempo, l’«impasse» politica ad Atene, prevista fino a giovedì, che ha impedito di prendere decisioni effettive.
A questo proposito, se la Grecia formerà il governo e punterà a realizzare il programma di risanamento concordato con i partner dell’Euro, «non si può escludere a priori, in caso di drammatici cambiamenti della situazione, una proroga dei tempi» per il rispetto degli impegni presi da Atene, ha detto Juncker. Il presidente dell’Eurogruppo ha ricordato anche che da due anni i partner dell’euro hanno già versato 148 miliardi per sostenere la Grecia: «Siamo consapevoli degli sforzi che i cittadini hanno già fatto – ha detto – ma non è questo il momento di allentare lo sforzo per le riforme: incoraggiamo Atene a continuare con fermezza questo percorso».

TRATTATIVE – Più che per dare garanzie che ormai non può dare, il ministro delle finanze greche Filippos Sachinids è stato anche lui a Bruxelles, per capire se ci sono spazi di manovra, se al di là delle dichiarazioni ufficiali piovute da molte capitali e da molti ministri dell’Eurozona, ci sono margini per facilitare la discussione in corso tra i partiti greci che potrebbero dar vita a una maggioranza.

LE POSIZIONI – Nel corso del pomeriggio sono emerse differenze di valutazione tra i diversi Paesi su che cosa potrebbe accadere nel caso in cui la Grecia uscisse dall’unione monetaria (uscita per la quale non ci sono regole, non essendo prevista dal Trattato Ue). Il tedesco Schaeuble ritiene che l’unione monetaria sia perfettamente in grado di sostenere l’addio della Grecia, il belga Didier Reynders, ministro degli Esteri del Belgio, parla di «catastrofe», lo spagnolo De Guindos teme per la Spagna.

«L’EUROPA PUO’ FARE DI PIU’» – Dalla Casa Bianca, infine, arriva il commento del portavoce di Barack Obama: «Gli europei hanno già fatto passi importanti. Ma ovviamente c’è bisogno che facciano di più». E ancora: «Siamo in regolare contatto con i Paesi europei ai massimi livelli».

 

———————————————————

 

SCENARIO IPOTIZZABILE

 

SE LA GRECIA VA FUORI DALL’EURO, COSA POTREBBE ACCADERE? 

I mercati e alcuni Stati lo sanno. Hanno tirato la corda per mesi, la Germania piu’ di tutti,  ora è a un passo dallo spezzarsi. L’esasperazione della Grecia è al culmine e in Europa si aggira lo spettro della sua uscita dall’euro. Questione di tempo e di volontà politica. In queste ore si cerca l’accordo per un nuovo governo. Comunque vada, spetterà al nuovo esecutivo decidere se restare nell’Eurozona. L’abbandono è ormai contemplato nel novero delle opzioni possibili.

COSA ACCADREBBE, VEDIAMO DI REALIZZARE UNO SCENARIO POSSIBILE:

«L’ipotesi è diventata realistica nel momento in cui gli spread dei Paesi dell’Unione europea hanno iniziato a diventare nettamente superiori allo zero. Un differenziale alto rispetto al rendimento dei Bund tedeschi, infatti, ingloba una piccola probabilità di un grande evento chiamato svalutazione. Tale probabilità, per la Grecia, è sempre stata elevata».

Il fatto stesso che gli investitori prediligano i titoli tedeschi, secondo il professore, è indice del fatto che l’eventualità che l’evento si manifesti viene percepita come reale. «Gli altri titoli scontano l’ipotesi della svalutazione della Grecia perché, nella mente dei mercati, tale evento è concretizzabile e determinerebbe il contagio degli altri Paesi». In sostanza, «temono che dopo l’abbandono di Atene, seguano a ruota gli altri; crollerebbero, a quel punto, l’euro e l’Unione, mentre gli spread di tutti i paesi aumenterebbero, salvo quelli della Germania, dove, del resto, il marco si apprezzerebbe».

IN EURO-ZONA COSA STA ACCADENDO.

Tutto si regge su un precario equilibrio: «Si ritiene che sia molto difficile per un Paese cambiare i conti correnti dall’euro alla vecchia valuta. Nel momento stesso, tuttavia, in cui questo dovesse capitare, tutti si renderebbero immediatamente conto del fatto che il passaggio è tecnicamente fattibilissimo! Per la Grecia, come per tutti gli altri Paesi». Nell’immediato, ecco cosa accadrebbe: «Si svilupperebbe un processo simile a quello dell’Argentina. Quando fece default, abbandonò l’unione di fatto con il dollaro. Ci furono due anni di forte recessione dovuti al grande caos di ridistribuzione della ricchezza provocato, a sua volta, dalla ridefinizione dei contratti tra creditori e debitori. Analogamente, anche in Grecia si determinerebbe un periodo di forte tensione sociale, di ridistribuzione arbitraria del reddito, dove gli unici ad arricchirsi sarebbero gli avvocati». Ma, come è successo all’Argentina, attualmente tra i Paesi più competitivi dell’America Latina, non tutto il male verrebbe per nuocere. «La moneta greca, a quel punto, si svaluterebbe moltissimo. Ma, come è noto, una dracma fortemente svalutata restituirebbe enorme competitività a tutta l’industria di export della Grecia. E, come l’Argentina, in pochi anni recupererebbe. D’altronde, ci sono un sacco di economie europee che vivono benissimo senza l’euro». A me non pare una fine tragica, se tutto questo scenario lo assemblassimo all’Italia.

Alessandro Sicuro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: