Novembre 27, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

LA GUERRA DELLE VALUTE E’ FINITA OGGI?

Schermata 05-2456436 alle 16.50.11

L’EUROPA OSTAGGIO  DEI BANCHIERI “MIOPI” NON AGGANCIA LA RIPRESA SCHIACCIATA DALLE POLITICHE “SPECULATIVE IN VALUTA” USA E GIAPPONE. SERVIREBBE UNA BCE PIU’ AUTONOMA E CORAGGIOSA MA SAPPIAMO BENE CHI DECIDE. SE ALMENO AVESSIMO          UN’ ITALIA PIU’ FORTE POLITICAMENTE, FORTE SOPRATUTTO DELLE SUE POTENZIALITÀ CHE SONO MOLTISSIME SOLO GLI ITALIANI SONO CONVINTI DEL CONTRARIO SOPRATUTTO I POLITICI.

Alessandro Sicuro

 

DRAGHI FINISCE NELLA TENAGLIA STAMPA-MONETA DI BERNANKE-KURODA – LA PROPOSTA TEDESCA DI UN’EUROPA A PIU’ STRATI.

Le Banche centrali di Stati Uniti e Giappone continuano a stampare soldi mentre la Bce resta (ferma) nel mezzo – Berlino lavora ad un riassetto federale a partire dalle finanze e dalla vigilanza bancaria sotto la Bce – I paesi del sud, Italia compresa, staranno in una fascia intermedia di questa Europa a più strati?

Stefano Cingolani per “Il Foglio

ben bernanke-mario draghi-tim geithnerBEN BERNANKE-MARIO DRAGHI-TIM GEITHNER

“L’inflazione? Semmai è un po’ troppo bassa”. La dichiarazione di Ben Bernanke, ieri di fronte al Congresso, deve aver fatto ribollire il sangue a Jens Weidmann, presidente della Bundesbank che domenica scorsa, in un’intervista alla Bild, aveva messo in guardia dai rischi inflazionistici di un costo del denaro vicino a zero e di un eccesso di liquidità. Le due sponde dell’Atlantico non potrebbero essere più lontane.

 

Banchieri Centrali Shirakawa Bernanke Trichet Draghi KingBANCHIERI CENTRALI SHIRAKAWA BERNANKE TRICHET DRAGHI KING

La Federal Reserve continuerà a stampare moneta e aspetta di leggere gli ultimi dati sulla congiuntura prima di decidere se rallentare il Quantitative easing; l’exit strategy però non sembra vicina e le Borse salgono. La Banca del Giappone si muove sulla stessa linea, ma è più radicale. Ieri il governatore Haruhiko Kuroda ha confermato la politica ultraespansiva, che sta avendo effetti molto efficaci sia sulla finanza sia sulla produzione (l’ha confermato anche Bernanke). Tra l’uno e l’altro sta Mario Draghi, presidente Bce.

 

 

Haruhiko Kuroda governatore della banca centrale giapponeseHARUHIKO KURODA GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE GIAPPONESE

Nonostante le resistenze tedesche, ha seguito una politica accomodante e ha detto che continuerà a farlo. Nemmeno in Europa ci sono problemi d’inflazione, qui la disoccupazione è troppo alta e, a differenza dagli Stati Uniti, l’economia resta in recessione.

Ieri si è riunito il consiglio direttivo Bce, ma eventuali decisioni di politica monetaria verranno prese il 6 giugno. Il governo tedesco, intanto, alla vigilia del mini vertice europeo su evasione fiscale ed energia, ha continuato ad agitare le acque con la sua proposta di riforma dei trattati.

 

ANGELA MERKEL

ANGELA MERKEL

Berlino vuole un’unificazione delle politiche fiscali come pendant e sostegno dell’Unione bancaria; vuole procedere verso un assetto federale cominciando dalle finanze e dalla vigilanza bancaria sotto la Bce. La Bce, così, sarebbe affiancata da un eurogruppo trasformato. E’ una sfida anche per i paesi del sud, Italia compresa: sono pronti a entrare o staranno in una fascia intermedia di questa Europa a più strati?

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: