OBAMA CI PENSA E POI CI RIPENSA TROPPE ANALOGIE CON ALTRI CONFLITTI.

alg-obama-assad-jpg– DAMASCO COME SAIGON? OBAMA HA CAPITO CHE E’ MEGLIO UN ASSAD AZZOPPATO AL CAOS DI UN GOVERNO DEI “RIBELLI” –

Per gli Usa l’obiettivo della guerra sarebbe indebolire il regime ma tenerlo a galla: il rischio è passare dalla padella alla brace, dando campo libero alle frange jihadiste dei ribelli – Un attacco troppo pesante scatenerebbe la reazione di Russia e Iran – Barack si è auto-intrappolato…

Bernardo Valli per La Repubblica

war obamaWAR OBAMA

L’operazione siriana si annuncia come un intervento chirurgico di alta precisione, sul piano politico e militare. È presentata come un attacco “limitato”, non solo nel tempo ma anche nelle intenzioni. L’obiettivo non è infatti di abbattere il regime di Assad.

 

obama war

 

OBAMA WAR

Gli americani e i loro stretti alleati inglesi si propongono di infliggere al rais di Damasco una lezione, affinché non osi più compiere stragi di suoi connazionali con il gas nervino come è accaduto nella pianura della Ghouta.

 

Obama war x

OBAMA WAR X

Dunque si tratta di un’azione punitiva e dissuasiva. Ed è definita anche di “principio”: la violazione delle norme internazionali non può restare senza risposta. Inoltre è in gioco la credibilità del presidente americano, impegnatosi un anno fa a reagire nel caso venisse superata la ” linea rossa”, ossia fossero impiegate armi tossiche. Gli Stati Uniti ripetono con insistenza che non vogliono entrare nella guerra civile siriana, che non è nelle loro intenzioni schierarsi con una delle parti a confronto.

La precisazione suona ambigua, perché l’ostilità americana, e quella occidentale in generale, al regime di Assad è stata proclamata da tempo, ed è stata accompagnata da aiuti (purtroppo insufficienti) alle organizzazioni moderate, laiche, della ribellione. In realtà la precisazione rivela il timore che una volta abbattuto il rais di Damasco gli subentrino al potere i jihadisti, i fondamentalisti, ispirati o imitatori di Al Qaeda, o per semplicità indicati con quella sinistra etichetta.

obamaswarOBAMASWAR

È difficile infatti stabilire quanto pesino quest’ultimi nell’opposizione rispetto all’Esercito siriano libero, una forza laica in cui gli occidentali ripongono la loro fiducia pur non giurando sulla sua capacità di imporsi.

Secondo questa visione la guerra civile siriana, in cui sono implicati quasi tutti i Paesi vicini, non è alimentata da due soli schieramenti contrapposti. Nell’opposizione si scontrano diverse correnti. Da qui la necessità di non abbattere Assad per non creare un vuoto in cui si installerebbe un potere islamista. Lo si deve indebolire, abbastanza per indurlo a comportarsi meglio nella repressione e magari a trattare, ma non troppo perché potrebbe crollare.

I quattro incrociatori della US Navy al largo della costa siriana dovrebbero lanciare i loro Tomahawk con la precisione appunto di un chirurgo impegnato in un intervento in cui oltre al bisturi è indispensabile il microscopio. I missili dovranno essere intelligenti: indebolire Assad ma non favorire Al Qaeda.

Navi UsaNAVI USA

È un lavoro fine, da diplomatici di qualità. I Tomahawk dovranno ubbidire ai principi di Clausewitz ed essere, in quanto strumenti di guerra, una continuazione della politica: quindi colpire nella sanguinosa mischia seguendo i sottili calcoli degli strateghi occidentali, che hanno lasciato ingrandire il tumore siriano e che adesso sono scandalizzati per l’uso dei gas nervini e in preda al panico davanti a una metastasi. In realtà quei missili sono destinati a salvare le coscienze.

Hanno una missione dimostrativa. E ci si deve augurare che per vendicare le centinaia di morti del 21 agosto non se ne facciano mille di più. Ma se l’esito dell’intervento mirato appare incerto, un non intervento avrebbe a questo punto effetti disastrosi sulla credibilità di Barack Obama, per via del famoso e incauto annuncio della “linea rossa”. Insomma tutto questo assomiglia a una trappola. Il regime degli Assad cominciato più di quarant’anni fa, era probabilmente destinato a un giusto naufragio.

missile tomahawk cruiseMISSILE TOMAHAWK CRUISE

L’avrei salutato con sollievo, pensando alle migliaia di vittime fatte da Hafez, il padre defunto, e da Bashar, il figlio salvato dall’Iran. La teocrazia fondata da Khomeini si è intromessa nella guerra civile siriana facendone un terreno di scontro del più ampio conflitto tra sciiti e sunniti. Assad jr, considerato un laico, è stato ed è tenuto a galla dagli ayatollah di Teheran.

ASSADASSAD

Ed anche dai vecchi rapporti con la Russia, che ha in Siria il suo solo porto sul Mediterraneo, quello di Tartus. Non una base militare vera e propria, ma un attracco amico dove la flotta russa, proveniente dal Mar Nero e diretta a Gibilterra, trova un’incondizionata assistenza. È quel che resta dei tempi in cui la flotta sovietica spadroneggiava tra Alessandria e Algeri. Per l’Iran e per la Russia la Siria è un alleato irrinunciabile. La caduta di Assad, appartenente a una setta sciita (quella degli Alawiti), significherebbe l’isolamento per gli ayatollah di Teheran.

DAMASCOarticle B E DC xDAMASCOARTICLE B E DC X

I sunniti al potere a Damasco sarebbero alleati preziosi per i sunniti dell’Iraq, dove già sono in lotta aperta con gli sciiti (a Bagdad si contano decine di morti quotidiani). E i contatti tra l’Iran e gli Hezbollah libanesi, punta di lancia sciita contro Israele e stretti alleati di Assad, sarebbero molto più difficili. Quando gli americani insistono sul carattere “limitato” della loro eventuale operazione siriana, pensano alle reazioni russe e iraniane.

ESERCITAZIONE MILITARE RUSSA

ESERCITAZIONE MILITARE RUSSA

Nel caso la punizione inflitta dalla Sesta flotta si rivelasse troppo pesante, Mosca potrebbe aumentare gli aiuti militari che già fornisce al regime di Damasco, e Teheran potrebbe moltiplicare gli iraniani che già combattono a fianco delle truppe di Assad. Invece di risultare indebolito, Assad uscirebbe rafforzato dalla lezione impartitagli dagli americani.

ESERCITAZIONE MILITARE RUSSAESERCITAZIONE MILITARE RUSSA

Gli Hezbollah si dedicherebbero con maggior zelo al terrorismo in Libano. Sul piano strettamente militare, quali obiettivi colpire con i Tomahawk? I bersagli di cui si parla non sono certamente quelli che saranno presi di mira. Non si rivelano al nemico i piani della battaglia imminente. È comunque assai improbabile che vengano colpiti gli stabilimenti in cui si preparano i gas nervini. Il pericolo di inquinamento lo sconsiglia, secondo gli esperti.

Teheran testa un missile a lungo raggioTEHERAN TESTA UN MISSILE A LUNGO RAGGIO

E le varie intelligence non escludono che unità ribelli, in particolare jihadiste, ne siano entrate in possesso. Aeroporti, caserme, comandi militari sono obiettivi vulnerabili. Ma il regime di Damasco ha avuto tutto il tempo di creare scudi umani e domani potrebbe denunciare la strage. Invece di correre il rischio di aggiungere morti ai morti, si possono appesantire seriamente le sanzioni contro i dirigenti siriani; si può affrontare diplomaticamente con decisione la Russia, affinché allenti l’aiuto a Assad; si può negoziare con l’Iran.

Ma soprattutto si devono dare infine all’opposizione siriana laica le armi necessarie per difendersi, ed anche l’appoggio per imporsi ai jihadisti. E tracciare un piano per il dopo Assad. Non c’è soltanto la politica delle cannoniere, che nella collera può essere approvata e sollecitata. Ma non con la ragione.

 

One thought on “OBAMA CI PENSA E POI CI RIPENSA TROPPE ANALOGIE CON ALTRI CONFLITTI.

  1. iT’s a shame that President Obama wants to get the United States involved in yet another conflict this time in the middle east. and he’s finding it difficult to muster support for this military action. and not only on Capitol HIll. and among many American citizens. We are just beginning troop reductions from other military involvements (especiually where there has been much loss of life) and he still wants us involved in yet another. Also, it would appear that if we do get involved with the issues in Syria, that may lead to more problems between the US and Russia (not to mention potentially other allies).

    THis is a well written and informative piece and the author makes excellent points.

    THank you so much.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.