Dicembre 5, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

UN MILIARDO E MEZZO DI EURO ALL’ANNO PER QUESTI RISULTATI MI PARE TROPPO

Schermata 2013-11-15 alle 12.30.05

CAMERA E SENATO COSTANO UN MILIARDO E MEZZO DI € L’ANNO E I “TAGLI” SONO UNA PRESA PER I FONDELLI

Una torre d’avorio, una casta di intoccabili: parlamentari, dipendenti e pensionati costano 1.054 milioni (Camera) e 505 milioni (Senato) – I “tagli”? Ridicoli: il 2,2% per Montecitorio e il 4,4% per Palazzo Madama – La Camera ha anche il “tesoretto”! Un avanzo di amministrazione di 237 milioni…

ecco un articolo di : Fabio Pavesi per IlSole24Ore.com

È stata annunciata con enfasi come una svolta copernicana. Epocale. Per la prima volta da decenni la Camera dei deputati rinuncia a 50 milioni di contributo dello Stato, scendendo da una dotazione di 993 milioni a “soli” 943 milioni. Ma più che di una rivoluzione copernicana si tratta di un piccolo maquillage, che non cambia la struttura di un bilancio tuttora salatissimo per il contribuente.

Banchi con deputati del M S alla Camera jpeg                                            BANCHI CON DEPUTATI  ALLA CAMERA 

Anche quest’anno infatti Montecitorio spenderà 1,054 miliardi con un risparmio vero di solo il 3% sul 2012. E come uscite di cassa (quelle che contano) la cura dimagrante sarà di appena 26 milioni (il 2,2%) su una bolletta che nel 2012 è costata 1,185 miliardi. Un taglietto impercettibile viste le condizioni in cui versa il Paese. E soprattutto comodo e senza grandi sacrifici. Pochi sanno che la Camera (ma anche il Senato) dispone di un tesoretto cumulato e accresciuto negli anni che vale oggi 237 milioni.

Sono gli avanzi di amministrazione (se fosse un’impresa sarebbero gli utili) che sono lievitati nel tempo. Questi soldi non spesi erano solo 102 milioni nel 2002 e sono sempre progressivamente saliti anno su anno più che raddoppiando nel decennio. Facile, fin troppo facile rinunciare solo oggi a 50 milioni di contributi dello Stato. Il tesoretto seppur più ridotto (14 milioni) c’è anche nella cassaforte del Senato che ha rinunciato già dal 2012 a 21 milioni (il 4%) di dotazione statale oggi a quota 505 milioni. Sia per Montecitorio che per Palazzo Madama più che un sacrificio in nome dell’austerità si tratta di una facile rinuncia.

camera dei deputatiCAMERA DEI DEPUTATI

Spese esponenziali
Si poteva fare di più, molto di più e da molto tempo prima. Alla Camera si è cumulato un tesoro, una riserva di cassa di 237 milioni che poteva essere restituita o vedere un taglio oggi più consistente, dato che l’iniezione di denaro pubblico per il funzionamento di Montecitorio è stata esponenziale. Si è passati infatti tra il 2001 e il 2010 da 755 milioni a 993 milioni con un aumento del 31,5%.

Solo ora si scende a 943 milioni. Magra consolazione. Stesso film al Senato dove la dotazione pubblica è salita dal 2004 al 2011 di ben 80 milioni (da 442 milioni a 526 milioni con un +19%) e ora viene riportata a 505 milioni. Sempre tanti per far funzionare le fabbriche delle leggi. Del resto tagliare seriamente è quasi impossibile.

CAMERA DEI DEPUTATI                                                                                              CAMERA DEI DEPUTATI

Stipendi e pensioni d’oro
Perché solo alla Camera gli stipendi di deputati e dipendenti più le pensioni degli uni e degli altri si portano via ogni anno 770 milioni, il 74% dell’intero bilancio. Al Senato è ancora peggio. Stipendi e pensioni a parlamentari e dipendenti costano 429 milioni. Su poco più di 1,5 miliardi che costa ogni anno l’intero Parlamento, ben 1,2 miliardi servono solo a pagare stipendi (lautissimi) e pensioni d’oro a un piccolo esercito dai ricchi privilegi, ora solo intaccati lievissimamente. Del resto come scalfire, solo per fare un esempio, la casta dei dipendenti della Camera?

senato ansaSENATO 

Sono 1.490 lavoratori, protetti da 11 sigle sindacali, (ognuna rappresenta poco più di 100 persone) che si spartiscono una torta retributiva che vale nel 2013 270 milioni. Ciascuno di loro dal commesso al barbiere, al documentarista, fino al segretario generale di Montecitorio costa ai contribuenti 181mila euro l’anno. Carriere automatiche, lavoro sicuro e incrementi copiosi anno su anno. Un segretario di Montecitorio parte da 34mila euro l’anno appena assunto e giunge a 156mila euro a fine carriera. Un operaio parte da 30mila e arriva a 136mila euro, mentre un consigliere parte da 64mila euro e dopo 40 anni gode di uno stipendio di 358mila euro. Una manna, il Paese di Bengodi che dura anche dopo la cessazione del lavoro.

madama                                                                                                                                            MADAMA

I dipendenti in pensione della Camera costano tuttora 227 milioni di euro. I lavoratori e i pensionati del Senato costano alla collettività 246 milioni di euro, la metà del bilancio di Palazzo Madama. Altro che sacrifici. È una torre d’avorio intoccabile.

Palazzo Madama

PALAZZO MADAMA
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: