Dicembre 2, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

Le griffe di moda preferiscono gli allegati LifeStyle dei quotidiani al resto dell’editoria

Prada-T-1-770x470

Miuccia Prada fotografata da Mario Sorrenti sulla cover di T

Gli allegati lifestyle dei quotidiani battono i magazine della moda. Le riviste patinate delle grandi testate internazionali, infatti, sembrano rappresentare una delle poche voci fuori dal coro della crisi editoriale. Business Of Fashion segnala come alcuni allegati prendano le distanze dal calo pubblicitario che caratterizza il mercato e, anzi, prosperino in termini di advertising e pubblicazioni. How to spend it, allegato dal 1995 alThe Financial Times, è passato da quadrimestrale a essere stampato 32 volte l’anno, aggiungendo all’edizione inglese quella americana e pubblicando anche in Asia e Italia. Wsj del Wall Street Journal è stato lanciato nel 2008 in America contando circa 50 inserzionisti, e oggi la testata è un mensile da 250 inserzionisti compresi Gucci, Louis Vuitton ed Hermès. Lo scorso anno ha ottenuto un +18% nella raccolta pubblicitaria. Il New York Times ha lanciato T come espansione delle pagine dedicate a moda e cultura all’interno del quotidiano.

Sembra che i supplementi godano di un’audience maggiore e anagraficamente superiore rispetto a mensili del settore moda come Elle o Vogue, vantando inoltre una ricchezza culturale maggiore, caratteristiche molto apprezzate dai luxury brand. Inoltre, i magazine possono fare affidamento sulla reputazione dei quotidiani e, soprattutto, non devono convincere il potenziale lettore ad essere acquistati perché legati o, spesso, in regalo con il quotidiano.

sure-com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: