EVENTO ARKIWINE 2016

schermata-2016-11-08-alle-14-10-38

 ARKIWINE A VILLA CINTOIA

UNA CORNICE STORICA E PAESAGGISTICA DI PRIM’ORDINE

UN EVENTO RICERCATO E DI “BUON GUSTO”

UNA LOCATION PERFETTA PER QUESTO TIPO DI MANIFESTAZIONI

Ho intervistato l’organizzatrice di questo evento L’Architetto Elena Maria Petrini, presidente dell’associazione culturale no profit ARKIWINE

schermata-2016-11-08-alle-16-02-00 Il cinque novembre è finalmente arrivato, e l’evento sulla civiltà agropastorale prima di Roma e l’incontro tra due civiltà: Etrusca ed Italica, si è svolto nella Villa di Cintoia a Greve in Chianti, di proprietà di Francesco Calamai, ma gestita dalla società Chiantishire.


schermata-2016-11-11-alle-12-48-27P
rotagonisti di questo evento sono stati due libri molto interessanti presentati dal giornalista de La Nazione Paolo Pellegrini: “Viteliù. Il nome della libertà” di Nicola Mastronardi (Giornalista, Accademico dei Georgofili, collaboratore di linea verde Rai1 da molti anni), il primo romanzo storico sulla epopea italica. Edito da Itaca Edizioni. Una novità nel panorama letterario perché racconta la storia per la prima volta dalla parte dei popoli italici, in particolare sanniti e marsi.

schermata-2016-11-10-alle-01-58-30Mentre il secondo “Il Bardiccio! Non fatevi infinocchiare” di Alessandro Sarti (Scrittore ed ha ricoperto cariche istituzionali come assessore alla cultura del Comune di Pontassieve- Firenze, impegnato da sempre su progetti di cooperazione internazionale) Edizioni Polistampa, narra le “gesta” di un insaccato tipico toscano. Dal disegno in copertina di Sergio Staino, si intuisce che é una sorta di salsiccia; prodotto povero a base di parti suine meno pregiate, come cuore, polmoni, fegato e altro ancora, ingentiliti dal finocchio selvatico.

schermata-2016-11-10-alle-02-04-19Questo libro ha già ricevuto un premio importante “segnalato Giubbe Rosse” dello storico caffè letterario di Firenze che é stato consegnato pochi giorni fa in Palazzo Bastogi dal Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, che ha partecipato all’evento dando un contributo culturale attraverso un’intervista che andrà in onda su Toscana Cultura.

schermata-2016-11-08-alle-17-37-28Invece la new entry sul vino chiamato come il libro omonimo, Viteliù, dell’Enologo Valentino Cirulli di Ficulle in provincia di Terni, é stato presentato dal Sommelier Ais Maurizio Tafani, che fa parte dello staff del Catering Lo Scalco di Sandro Baldi di Firenze.

schermata-2016-11-11-alle-17-39-16

Questo vino, a suo dire, é la sintesi del territorio sannitico; la scelta delle uve infatti proviene da tre territori diversi: dalla Campania per l’Aglianico, dall’Abruzzo per il schermata-2016-11-11-alle-17-41-40Montepulciano e dal Molise per la Tintilia. Una vinificazione separata e successivo assemblaggio e 18 mesi di affinamento in legno.
L’enologo, proprietario dell’Azienda, Valentino Cirulli, é stato in grado di tenere ben distinte le caratteristiche dei tre vitigni che ritroviamo nel bicchiere, come la forza dell’Aglianico, il tannino dolce del Montepulciano e il colore della Tintilia unito alla liquorizia e marasca.

Abbiamo consigliato alcuni percorsi gustativi con abbinamenti tra questo meraviglioso vino, Viteliù, ed il caciocavallo di Agnone dell’Azienda Di Nucci Antonio e Franco, ma io l’ho trovato ideale anche per i salumi di cinta e grigio casentinese della Macelleria Fracassi.

schermata-2016-11-11-alle-17-48-47dsc_1259-copiaPrima di passare alle altre degustazioni vorrei parlare del piacere avuto nell’ascoltare il Prof...RobertoBaraledell’Università di Pisa, Dipartimento di Biologia, Sezione Genetica, che ha illustrato con taglio scientifico i percorsi sensoriali del gusto, oltre ad eseguire un test davvero interessante e stimolante per la conoscenza delle propriecapacitàsensoriali.L’aperitivo  ha dato  avvio alla seconda parte del  Convegno dove abbiamo potuto degustare due “bollicine” rosate toscane delle aziende Colle Bereto  (pinot in purezza) e Tenuta Maiano (Malvasia nera), entrambi bio, abbinati a tartine e Dry snack.

dsc_3413-copiaÉ seguito un ricco buffet del Catering Lo Scalco, di Sandro Baldi, che ha visto l’alternarsi di abbinamenti ai vini delle aziende sponsor, come la Ribollita, la zuppa di ceci con i vini dell’Aziendadsc_3432 Le Vigne – Fulghesu, oltre al Carbonaione dell’Azienda Poggio alle Scalette della Famiglia dell’Enologo di fama internazionale Vittorio Fiore, che abbiamo abbinato anche alla battuta di chianina al coltello.della.Macelleria Fracassi; mentre per il Bardiccio della Macelleria Fabbrini di Pontassieve – Firenze, abbiamo scelto l’altro vino molisano: Opalia,  una Tintilia in purezza creato da c094d205-8e64-4d49-aff4-282f5c53a366Antonio Valerio, proveniente da un unica vigna nella zona in localitá Miranda, nel comune di Pesche in provincia di Isernia. La Tintilia di Campi Valerio si differenzia da tutte le altre Tintilie per il colore, per la potenza dell’alcol, lasciando spazio alla freschezza ed alla complessità della frutta matura in prevalenza a bacca nera, dove si ritrovano sentori di liquorizia e vaniglia. Ottimo anche con i salumi della macelleria di Simone Fracassi, molto sorprendente, invece, in abbinamento con i prodotti al cioccolato della Pasticceria Aquila di Andrea, Leonardo, Gessica e Laura. Con la loro pasticceria secca abbiamo assaggiato questo nettare: Zoli, un moscato strepitoso!

dsc_3437-copiaOltre alla degustazione del vino grande importanza va data all’unico olio sponsor che abbiamo abbinato alla ribollita, zuppa di ceci, ed alla battuta di chianina al coltello della Macelleria Fracassi, per l’eccellenza dell’ olio Exentia gocce d’oro dell’Azienda Matrix srl di Giovanni Donnini, selezione delle olive della Fattoria Paiatici condotta dalla Sig.ra Marcellina Tussardi Donnini, che ha ricevuto molti premi internazionali, già nel 2013-2014 e come quello ricevuto a maggio 2016 la “Gold Medal Award” all’Olive Japan, International extra Virgin olive oil competition, un riconoscimento per questo oro liquido da numero uno.

dsc_3610-copia
dsc_4049-copia-2Una selezione di questo olio é stato donato alla Principessa Hisako cugina dell’Imperatore giapponese; e lo possiamo travaserà presso i ristoranti stellati come La Tenda Rossa a Cerbaia, PS di Stefano Pinciaroli a , Pavarotti And Friends a St. Moritz ed a La Palma a Capri, oltre che essere stato inserito nella guida 2016 Flos Olei di Marco Oreggia che raccoglie i migliori 450 oli del mondo.

 

dsc_1231-copia

dsc_1006-copiaLe insalate dell’Azienda Podere i Bassi, la salanova che col loro seme olandese, con aspetto floreale e molto decorativo sono state condite oltre che con l’oro liquido di Matrix Srl anche con la salsa “chili secret” (peperoncino, sale marino, aceto di mele, curcuma, pepe e limone tutti                                                   bio) ed altri insaporitori dell’Azienda La Peperita di Bibbona- Livorno.

dsc_3701-copia-2Abbiamo poi approfondito, per mezzo di alcune interviste, ledsc_3467-copia tematiche promosse dall’Associazione Culturale Arkiwine – Taste Architecture, sui risvolti salutistici del cibo e della nutraceutica, con la nutrizionista Valentina Guttadauro, che ci ha raccontato quanto il cibo possa avere un effetto benefico per l’organismo se impariamo ad utilizzarlo nelle giuste modalità e a fare le perfette associazioni alimentari nel nostro piatto al fine di coniugare nutrimento e gusto, perché la salute non é una taglia ma uno stile di vita;

schermata-2016-11-10-alle-02-47-39l’analisi sensoriale, con l’intervento dell’aromatiere e direttore scientifico dell’AIRO Donato Creti, con l’augurio di arrivare presto a manifestazioni come queste con Sommelier dell’olio, oltre all’importanza degli abbinamenti cibo-vino coordinati dalla FISAR con il relatore Giampaolo Zuliani e con il vicepresidente nazionale Filippo Franchini. infine, Giuseppe Pandolfo, Relatore ANAG, Assaggiatore Nazionale Grappe ed Acquaviti, che ci ha trasmesso l’importanza della degustazione e deliziato con abbinamenti dei distillati dell’Azienda Bonollo con la cioccolata della Pasticceria Aquila di Scandicci – dsc_1283-copiaFirenze.
Un plauso ai Sommelier Fisar per la grandissima professionalità dimostrata durante tutto il servizio, in supporto al buffet del catering Lo Scalco di Sandro Baldi. 

dsc_1445Da sottolineare l’importanza del territorio dove si é svolto il convegno, dove il Granduca Cosimo III de’ Medici, per la prima volta ha disciplinato e individuato, col Vandi del 24 settembre 1716, le zone di produzione del Chianti, del Pomino, del Valdarno di Sopra e del Carmignano. Il bando costituisce uno dei  primi esempi al mondo di delimitazione di zona di origine dei vini  in chiave moderna e trae origine da una lunga serie di esperienze commerciali che avevano ormai consolidato il valore qualitativo dei prodotti enologici di quei territori. Nello stesso periodo storico in ambito europeo si gettano le fondamenta per la nascita di denominazioni destinate a posizionarsi ai vertici dell’enologia mondiale.

dsc_3716-copia-3Si é creata, quindi, sinergia tra associazioni, autoritá, cone il Sindaco di Greve in Chianti, Paolo Sottani, il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, il Magnifico Rettore Paolo Blasi, Docenti dell’Universitá di Firenze, Medici, ed altri professionisti non solo del settore enogastronomico, per una finalitá benefica a favore della realizzazione di un dispensario medico infantile in Madagascar, che come riporta l’Arch. Giovanni Aquila, Presidente dell’Associazione “Speranza Futura” Onlusdsc_3517-copia ancoraoggi, nonostante sia una nazione in via di sviluppo, purtroppo, c’é una mortalità infantile elevata.

Questo bellissimo evento è stato possibile realizzarlo attraverso il contributo dellle aziende agroalimentari come:  Tenuta Maiano, Colle Bereto, Podere Poggio alle Scalette, Campi Valerio, Cirulli Viticoltori, Le Vigne Fulghesu, Matrix srl, Podere i Bassi, La Peperita, Fisar, Architetto Francesca Finocchi, Bonollo, Macelleria Fracassi, Macelleria Fabbrini, Di Nucci, Pasticceria Aquila, Anag, ma anche Damiani che ha esposto i suoi meravigliosi gioielli in luminose vetrine collocate in una
saletta esclusiva; anche l’azienda Legend, che realizza costruzioni in legno ad alta tecnologia impiantistica e

domotica;
Fabio..GiannariniGlobalFamilyBankerdiBancaMediolanum;laCarrozzeria..Primavera..diFirenze e non solo anche servicemeccanica e centro gomme per le principali case automobilistiche di prim’ordine, tra le quali Ferrari, Maserati, Toyota, Alfa Romeo, Fiat, BMW, Audi. Due Imprese edili Carlo Corsi ed Edilvivoli, Toscana Cultura, Chianti-shire Spa e Speranza Futura Onlus.

……………………………………………………………………………………………………………………
Conclude infine Elena Maria Petrini, presidente dell’Associazione Culturale no profit ARKIWINE
“Un ringraziamento particolare a chi ha collaborato per rendere possibile la realizzazione di questo evento: alla Chiantishire Spa, Paolo Fresco, Gianni Aquila, Stefano Carrai, Francesca Mazzetti, oltre a tutti i relatori in programma, a Vittorio Frabetti, ed agli operatori di Toscana Cultura, Fabrizio Borghini, Alberto Risaliti, Lucia Raveggi, ed altri collaboratori come Spartaco Silei, Sandro Baldi, Salvatore Guarnuccio, Maurizio Tafani. Ed  in fine Alessandro Sicuro che ha curato il concept & design e la comunicazione social media.

clicca su foto per slideshow:

 

sponsor:

schermata-2016-11-11-alle-16-33-09

Alessandro Sicuro

0ccbdf6

imgres        facebook_318-136394        29zfzy6i      schermata-2017-01-16-alle-21-05-12    256px-youtube_icon-svg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...