GUCCI CRUISE 2018 E I CAPOLAVORI DEL RINASCIMENTO FIORENTINO

IL GUCCI DAY FIRENZE SI STA AVVICINANDO. DOMANI AL COSPETTO DEL PATRIMONIO MUSEALE TRA I PIU’ IMPORTANTI AL MONDO SFILERA’ TRA RAFFAELLO E BRONZINO, ANDREA DEL SARTO E TIZIANO, RUBENS E VAN DYCK, FINO AL CANOVA

Domani dalle 17:00 arriveranno gli invitati che saranno accompagnati attraverso le sale del Botticelli, agli Uffizi, proseguendo lungo il percorso del corridoio Vasariano, fino a Palazzo Pitti, dove si riuniranno sulla terrazza sopra al Rondo’ per un primo aperitivo. Verso le 19:00, quando i 400 invitati arrivati da tutto il mondo, prenderanno posto presso la sala Palatina, avrà inizio lo show della collezione  Gucci Cruise 2018, in uno scenario di bellezza incantata unico al mondo, raccontata a suon di dettagli ermetici e artistici dal direttore creativo Alessandro Michele regista di questa raffinatissima sceneggiatura.
Firenze e i suoi capolavori, saranno esaltati attraverso l’amplificazione della rete globale, dove si metterà all’attenzione di tutto il mondo la “Grande bellezza” ed il naturale connubio tra arte e moda.

E’ così che dopo diversi anni la storica maison fiorentina ritorna alle origini, che risalgono al 1921 quando tutto ebbe inizio. Oggi in un viaggio a ritroso Alessandro Michele, ripercorre, le varie location che hanno visto nascere il brand fiorentino, tra le quali la Boutique di Via Tornabuoni, oggi più grande e rinnovata. Il palazzo di Via Delle Caldaie, sede operativa per l’evento,  dove, in questi giorni, si sono fatte le prove per lo show, oltre al Museo Gucci, in fase di rilancio anch’esso.
18767079_10154466829156363_1071999686_oGrazie all’originale genialità di Alessandro Michele, al quale va il mio encomio personale, per aver così bene interpretato Firenze, realizzando un evento perfettamente correlato ai temi ricorrenti, e cointeressando tutte quelle attività artigianali e commerciali che ruotano intorno a una impresa come la Gucci.
La scatola rosa, il dono che gli ospiti si sono visti recapitare in albergo al loro arrivo, un manufatto dalle grafiche riconducibili alle stampe retrò, contenente un sacchetto stampato con rose e ispirato dai roseti dei giardini di Boboli, che nasconde un cappello di juta con un immagine raffigurante una farfalla ed il nome di ogni invitato ricamato in bella evidenza, un tocco di classe non c’è che dire.
Per continuare la serata, in programma il blindatissimo Garden Party presso le Serre Torrigiani, a due passi,  che faranno da coordinata cornice del ritrovo post sfilata per tutti gli invitati.

Alessandro Sicuro©


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...