Settembre 30, 2022

FREE PRESS AND CULTURE ON-LINE

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

NICOLAS GHESQUIÈRE PRESENTA LA SUA LOUIS VUITTON AUTUNNO-INVERNO 2022 DA DONNA AL MUSEE D’ORSAY.

Questo lunedì da Vuitton: sartoria voluminosa sorprendentemente fresca; di ritorno dall’attitudine Varanasi e una grande serie di stampe fotomontaggio della giovinezza ideale.

Collezione Louis Vuitton Autunno/Inverno 2022 – Louis Vuitton

 

Queste si sono rivelate essere immagini che David Sims aveva scattato a ragazzini negli anni ’90, all’inizio della carriera del fotografo.

Giovinezza in fiore che aveva appena raggiunto l’età adulta, che appariva in una dozzina di look: la scollatura degli abiti flower power; oppure cucita su raso rosso sopra un manto bianco matelassé che era esso stesso una stampa composta da foto della stessa giovinezza. I bambini magri ballavano su pullover stampati a tappeto pixellati o guardavano torvo su trench con paillettes.

Soprattutto, su un gruppo di maglie da rugby oversize a quadri giganti, l’ultima espressione dell’ossessione per la moda centrale di Ghesquière: unendo l’abbigliamento sportivo attivo con l’haute couture atletica. Metà dei suoi look indossati con pantaloni da jodhpur floreali sottili su dhoti stampati su carta da parati.

Un cast dall’aspetto super fresco. In qualche modo, che sia con Marc Jacobs o ora Ghesquière, Vuitton riesce sempre ad avere i migliori calchi a Parigi. “Questa collezione è dedicata ai giovani, nella speranza che possa conservare la poesia irrisolta dell’adolescenza come un indumento impeccabile – in tutto il suo vivido romanticismo, ispirando idealismo, speranza per il futuro, per un mondo migliore e i suoi sogni di perfezione”, ha spiegato il progettista. E, come spesso accade prima che Vuitton si impossessasse delle migliori posizioni, sottolineando il potere assoluto del marchio di lusso più redditizio di Francia. Questa stagione lo spettacolo è stato all’interno del Musée d’Orsay.

Il museo d’arte del XIX secolo e il suo pianterreno pieno di statue erano l’ambiente ideale per Ghesquière e il suo stile di assemblaggio d’epoca. Con un’altra mossa intelligente, la casa ha anche potuto riservare L’Orangerie per le stagioni future. Lo spettacolo è iniziato con proporzioni un po’ esagerate: pantaloni larghi e larghi, giacche da aviatore in pelle, camicie militari e una serie di cravatte floreali. Eppure erano tutti molto disinvolti e preminentemente parigini. Una certa confusione in seguito anche sui gilet peplo con enormi tentacoli realizzati in quello che può essere descritto solo come bouclé di lana Chanel. Detto questo, la collezione tutta insieme è stata una dichiarazione audace e memorabile.

Laddove la novità più importante è stata la presa di volume di Nicolas, che è riuscito a fare molto suo. Blazer del proprietario della tenuta di Cocoon Wasp abbinati a gilet oversize, tutti con revers della major league. E un quartetto di abiti in maglia di lurex e lana con profonde tasche laterali portati a polo da forno erano tutti must-have. Celebrando ciò che Ghesquière ha definito: “L’impermanenza e la bella volatilità dell’adolescenza. “La casa potrebbe aver dovuto chiudere tutti i suoi negozi in Russia, ma l’atmosfera era di tranquilla fiducia in se stessi durante lo spettacolo, quando Ghesquière ha fatto un lungo inchino. Supportato da una vivace colonna sonora elettronica con Far Away di Julianne Wolf, che sembrava un buon titolo per questa raccolta. Per questo era di gran lunga la collezione più inaspettata di Parigi, un marchio gigante dove un designer continua a sperimentare. In effetti, dovrebbe farlo.

GALLERIA
CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRE

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: