Settembre 19, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

☛ RATHER AN OBJECTIVE ASSESSMENT OF POLITICAL & MACROECONOMIC SCENARIO.

RATHER AN OBJECTIVE ASSESSMENT OF POLITICAL & MACROECONOMIC SCENARIO.

Analyzed through the points of view of some observers, non-aligned policy or finance officer.

The blue car did not help growth.

Nicola Porro  (Giornalist)

Everyone, absolutely everyone, calling for growth. The funny thing is that with greater force to invoke the very people who are blocking it. Economic growth comes from rising consumption or investment. It consumes more if you have two coins in his pocket (the so-called disposable income), and is invested with greater force if you have the confidence to have a good profit in the years to come. The private sector is the engine of economic growth: mica Santa Claus. It is they who spending create wealth by investing and make their businesses more competitive and successful in the markets. 
 If the politicians and the government were invited to result from their growth, they should simply take a step back. Instead they take a step forward. The government has decided to spend ten million to buy 400 cars blue will have its good technical and organizational reasons. But at the same time has established more than three billion fiscal tightening on the car (with petrol from road tax, the deductibility of local taxes) used by individuals. It is a government that proclaims as its goal the growth, but reduces the disposable income and investment through taxation. The game is not zero sum. We presume to think that a dollar spent by an individual is more productive than that spent by the public that has no incentive to efficiency and competitiveness, simply because it operates outside the market. 
 The Sicily Region has decided in recent days to stabilize 22 thousand precarious. Workers of the public who often send on for years local authorities. Were often for electoral reasons, deceived. But in the meantime, tens of thousands of businesses will not survive the new property tax that the government has also placed on shops and farms. Tens of thousands of Italians lose their jobs because of this. The selection, too often, is not made by the inability of these sectors to compete in the market, but the inability to withstand a much higher tax rate compared to international competitors. With these moves will reduce private consumption and investment income and paid the civil service. The game is not zero-sum, is once again negative. 
 The government has launched a package of liberalization and simplification that, according to initial statements Mountains, our GDP would increase by 10 percent in ten years. Only a few days ago we saw the real numbers: we will bring a paltry 2.4 per cent over the next nine (Def estimates, Table II.14). Little, too little to offset the biggest barrier to entry that exist in the Italian economy: confiscatory taxation.

————————————-

Tax Shield: Off the names!

By Beppe Grillo

If two signs are proof, one can say with confidence that the Tax Shield was also used to clean up campaign finance and accounts of political parties. Luigi Lusi, the treasurer of the unconscious Rutelli of the Margherita, made them return from Canada. Gianluca Pini, parliamentarian and leader of the League in Emilia Romagna, has made a transfer closer, the Republic of San Marino, of 400,000 euros to the tax deducted. Laws if they vote and if they sing 
 Before increasing taxes sullla home with the IMU, the IMU and a SUPER IMU, to control in farm receipts in the mountains, to increase the tax burden on salaries of workers and employees , to raise the tax on consumer goods such as food, to move the pension until the hour of our death, to increase the price of bills, gasoline, carries off the first of the new municipal and regional taxes. Before dying literally of hunger with the lowest wages in Europe and the highest taxes of any civilized country. Here, first of all, before bringing the country to save the spread misery and waste of huge parties in the last two decades that have given us two trillion national debt, I would like to know names, surnames and addresses of those who took advantage Tax Shield for tens of billions. It ‘s my right to a taxpayer is entitled to all Italians who pay their taxes without a remission of 5%. It ‘a right of those who have always honored its commitments before the tax authorities without a murmur. 
 It’ possible that other parliamentarians and lobbyists connected to the parties have enjoyed the Tax Shield. Out of the names then, all the names, to eliminate any shadow. The Tax Shield has been wanted by both the PDL that PDminusL. D’Alema to the question about his lack of presence in the classroom to vote on the unconstitutionality of the Tax Shield said it (video): “Yes, I was away, because I had a demonstration and I had not been explained well that was an important vote.” Rigor Montis must publish the names of scudati. If we go to the slaughter Social least we should know who brought us! There we go alone. Out of the names of the piranhas of the State, and soon!

———————————

A LOOK AT THE ECONOMIC FUTURE:

THE ECONOMIC SITUATION OF ITALY AND THE DEFAULT IMMINENT

by Loretta Napoleoni

Greece has already failed for months, but they tell us only now. Instead, we continue our race to the bottom: the stratagem of the ECB to safeguard the Italian debt will not last. Markets continue to distrust of our country.

Europe was already fully aware of the default of Greece from June, but has concealed the news. What is the situation in the country today?

“Technically speaking, a country goes into default when it can not repay the entire debt. Early June it was decided that Greece would have restructured its debt with the private sector, and this is technically already a default situation, in fact, Greece did not has access to more capital market, it needs help from both the ECB and the IMF, which needs a restructuring currently underway, with private creditors, so that they transform the old debt into new debt much lower .
It is still unclear what the nature of this default, if a default will be controlled or if a disorderly default. The default is checked what they are trying to achieve, convincing the private sector, ie banks, finance, hedge funds, to accept a reduction in credit by 50%. Merkel has imposed this type of strategy, because the IMF and the ECB are priority creditors, which means that the debt held by these institutions will all pay off, while the debt renegotiation occurs only in the private sector. But if Greece fails to achieve this reduction will go into a default uncontrolled, disordered, the market will turn his back completely to the country, and we have a situation like Argentina. In that case, Greece would not be able to guarantee the debt to the IMF and the ECB also, and found itself in a crisis of liquidity, which could escalate the situation on the market and bring in the Euro default other countries, like Italy.

The care Monti has really taken to safety?

“I continue to be quite skeptical about the situation in Italy. The spread of ten years, which is indicative spread, ranging between 6.50 and 7%, a rate too high. Spreads are those that have fallen short of the period, 6 months, one year, maximum three years, and decreased from December onwards, the ECB ensures that all banks that subscribe to these securities exchange. This means that the bank buys these securities immediately after the secondary market will swaps with the ECB that the grant lines of credit in return. trickery by which the ECB is able to support the public debt of Italy and Spain.
The indicator to watch, however, has not changed at all. Currently, the Italian debt buyers are only the Italian banks, debt buyers are only Spanish Spanish banks and this is a clear index of confidence of the markets towards these two countries. ”

It speaks to curb the excessive power of the three best-known rating agencies with the establishment of European credit rating agency. What do you think?

I do not think we need another rating company. Must understand that it is in the interest of these companies (Standard & Poor’s, Moody’s and Fitch rating agencies are the largest in the world) have a catastrophic situation in Europe , because 50% of their customers are located in Europe, since Europe has a 50% world market share of the banking system. So, the idea that Moody’s, Fitch or Standard & Poor’s, make a deliberately negative rating in against a European bank, is a misconception. In fact, the opposite is true: These are organizations that live off the sale of research to the banking system, which have an almost incestuous relationship with the world banking system, of which the EU has the more important.

——————————–

>> My  Conclusion: it is not nice ‘positivistic be the bearer of doom, but unfortunately the situation is this are here. The public debt accumulated by years of misrule, together with the loss’ of competitiveness has been reduced in this country, now the international crisis is giving us the coup de grace, be entered in a single currency does not help us so much support because interest payments for that currency is greater than the benefits. The question is: we can continue to put our heads in the ground like ostriches ?
A.S.

———————————————————————————

italian version:

UNA VALUTAZIONE PIUTTOSTO OBIETTIVA DELLO SCENARIO POLITICO & MACROECONOMICO.

Analizzata attraverso  i punti di vista di alcuni osservatori non allineati alla politica o alla finanza ufficiale.

Le auto blu non aiutano la crescita.

Di Nicola Porro

Tutti, ma proprio tutti, invocano la crescita. La cosa singolare è che a invocarla con maggiore forza sono proprio coloro che la bloccano. La crescita economica nasce dall’aumento dei consumi o da quello degli investimenti. Si consuma di più se si hanno due spiccioli in tasca (il cosiddetto reddito disponibile); e si investe con maggiore forza se si ha la consapevolezza di poter avere un buon profitto negli anni a venire. I privati sono il motore della crescita economica: mica Babbo Natale. Sono loro che spendendo creano ricchezza e investendo rendono le proprie imprese più competitive e vincenti sui mercati.
Se la politica e i governi fossero conseguenti al loro invito alla crescita, dovrebbero semplicemente fare un passo indietro. Al contrario fanno un passo avanti. Il governo ha deciso di spendere dieci milioni per comprare 400 auto blu: avrà i suoi buoni motivi tecnico-organizzativi. Ma nel contempo ha stabilito più di tre miliardi di stretta fiscale sulle auto (dal bollo alla benzina, dalla detraibilità alle tasse locali) utilizzate dai privati. È un governo che proclama come suo obiettivo la crescita, ma riduce il reddito disponibile e gli investimenti attraverso la leva fiscale. Il gioco non è a somma zero. Abbiamo la presunzione di pensare che un euro speso da un privato sia più produttivo di quello speso dal pubblico che non ha alcun incentivo a efficienza e competitività, semplicemente perché opera al di fuori del mercato.
La Regione Sicilia ha deciso nei giorni scorsi di stabilizzare 22mila precari. Lavoratori del pubblico che spesso mandano avanti da anni gli enti locali. Sono stati, spesso per motivi elettorali, ingannati. Ma nel frattempo decine di migliaia di imprese non sopravviveranno alla nuova tassa immobiliare che il governo ha posto anche sulle botteghe e le aziende agricole. Decine di migliaia di italiani perderanno il lavoro per questo motivo. La selezione, troppo spesso, non è fatta dall’incapacità di questi settori di competere sul mercato, ma dall’impossibilità di resistere con un tasso di fiscalità decisamente superiore rispetto ai competitor internazionali. Con queste mosse si riducono consumi e investimenti privati e si pagano i redditi del pubblico impiego. Il gioco non è a somma zero, è ancora una volta negativo.
Il governo ha varato un pacchetto di liberalizzazioni e semplificazioni che, secondo le prime dichiarazioni di Monti, avrebbe incrementato il nostro Pil del 10 per cento in dieci anni. Solo nei giorni scorsi abbiamo visto i numeri veri: ci porterà un misero 2,4 per cento nei prossimi nove (stime del Def, tabella II.14). Poco, troppo poco, per compensare la più grande barriera all’entrata che esista nell’economia italiana: la fiscalità espropriativa.

——————————————————

Scudo Fiscale: fuori i nomi!

di Beppe grillo

Se due indizi fanno una prova, si può dire in tutta tranquillità che lo Scudo Fiscale è stato usato anche per ripulire i finanziamenti elettorali dei partiti e i conti dei politici. Luigi Lusi, il tesoriere della Margherita dell’inconsapevole Rutelli, li ha fatti rimpatriare dal Canada. Gianluca Pini, parlamentare e leader della Lega in Emilia Romagna, ha fatto un bonifico più ravvicinato, dalla Repubblica di San Marino, di 400.000 euro sottratti al fisco. Le leggi se le votano e se le cantano
Prima di aumentare le tasse sullla casa con l’IMU, l’IMU bis e il SUPER IMU, di controllare gli scontrini in agriturismi negli alpeggi, di incrementare la pressione fiscale sugli stipendi di operai e impiegati, di alzare l’IVA sui beni di consumo come gli alimentari, di spostare le pensioni fino all’ora della nostra morte, di incrementare il prezzo della bolletta, della benzina, prima della falcidia delle nuove tasse comunali e regionali. Prima di morire letteralmente di fame con gli stipendi più bassi d’Europa e le tasse più alte di qualunque Paese civile. Ecco, prima di tutto ciò, prima di portare il Paese alla miseria per salvare lo spread e gli sprechi immani dei partiti nell’ultimo ventennio che ci hanno regalato duemila miliardi di debito pubblico, vorrei sapere nomi, cognomi e indirizzi di chi si è avvalso dello Scudo Fiscale per decine di miliardi. E’ un mio diritto di contribuente, è un diritto di tutti gli italiani che pagano le tasse senza un condono del 5%. E’ un diritto di chi ha onorato sempre i suoi impegni di fronte al Fisco senza fiatare.
E’ possibile che altri parlamentari e lobbisti legati ai partiti abbiano goduto dello Scudo Fiscale. Fuori i nomi allora, tutti i nomi, per eliminare qualunque ombra. Lo Scudo Fiscale è stato voluto sia dal Pdl che dal Pdmenoelle. D’Alema alla domanda sulla sua mancata presenza in aula al voto sulla incostituzionalità dello Scudo Fiscale rispose così (video): “Si, ero assente, perché avevo una manifestazione e non mi era stato spiegato bene che era un voto importante“. Rigor Montis deve pubblicare i nomi degli scudati. Se andiamo al macello sociale dobbiamo sapere almeno chi ci ha portato! Non ci andremo da soli. Fuori i nomi dei piranha dello Stato, e presto!

——————————————————————–

UNO SGUARDO AL FUTURO ECONOMICO:

LA SITUAZIONE ECONOMICA E IL DEFAULT IMMINENTE DELL’ITALIA

di Loretta Napoleoni

La Grecia è già fallita da mesi, ma ce lo dicono soltanto adesso. Noi, invece, continuiamo la nostra corsa verso il baratro: lo stratagemma della Bce per salvaguardare il debito italiano non durerà. I mercati continuano a non fidarsi del nostro Paese.

L’Europa era a conoscenza già da Giugno del default della Grecia, ma ha tenuto nascosta la notizia. Qual è la situazione del Paese, oggi?

“Tecnicamente parlando, un Paese va in default quando non può ripagare tutto il debito. Già da giugno si era deciso che la Grecia avrebbe ristrutturato il proprio debito con il settore privato, e questa è tecnicamente già una situazione di default, infatti la Grecia non può accedere più al mercato dei capitali, ha bisogno di un aiuto da parte sia del Fondo Monetario che della Bce e ha bisogno di una ristrutturazione, attualmente in atto, con i creditori privati, affinché questi trasformino il vecchio debito in nuovo debito molto più basso.

Resta da capire quale sarà la natura di questo default, se sarà un default controllato o se sarà un default disordinato. Il default controllato è quello che stanno cercando di perseguire, convincendo il settore privato, ovvero banche, finanziarie, hedge funds, ad accettare una riduzione del credito del 50%. La Merkel ha imposto questo tipo di strategia, perché il Fondo Monetario e la Bce sono creditori prioritari, il che significa che il debito detenuto da queste istituzioni verrà tutto ripagato, mentre la rinegoziazione del debito avviene solamente nel settore privato. Se invece la Grecia non riesce a ottenere questo tipo di riduzione andrà in un default incontrollato, disordinato, il mercato girerà le spalle completamente al Paese, e avremo una situazione tipo Argentina. In quel caso, la Grecia non sarebbe in grado di garantire il debito al Fondo monetario ed anche alla Bce, e quest’ultima si troverebbe in una situazione di crisi di liquidità, che potrebbe far degenerare la situazione sul mercato dell’Euro e portare in default altri paesi, come l’Italia.

La cura Monti ci ha davvero messo al sicuro?

“Continuo ad essere abbastanza scettica sulla situazione dell’Italia. Lo spread decennale, che è lo spread indicativo, oscilla tra il 6,50 e il 7%, un tasso troppo elevato. Gli spread che sono scesi sono quelli del brevissimo periodo, a 6 mesi, a un anno, massimo 3 anni, e sono diminuiti, da dicembre in poi, perché la Bce garantisce a tutte le banche che sottoscrivono questi titoli lo scambio. Ciò significa che la banca acquista questi titoli immediatamente, dopo sul mercato secondario li scambia con la Bce che le concede linee di credito in cambio. Uno stratagemma attraverso il quale la Bce riesce a sostenere il debito pubblico dell’Italia e della Spagna.

L’indicatore da guardare tuttavia non è cambiato affatto. Al momento chi compra il debito italiano sono solamente le banche italiane, chi compra il debito spagnolo sono solo le banche spagnole e questo è un indice chiaro della sfiducia dei mercati nei confronti di questi due Paesi.”

Si parla di arginare lo strapotere delle tre agenzie di rating più note con l’istituzione di un’agenzia di rating europea. Lei che ne pensa?

“Non credo che ci sia bisogno di un’altra società di rating. Bisogna capire che non è nell’interesse di queste società (Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch sono le società di rating più grosse al mondo) presentare una situazione catastrofica in Europa, perché il 50% della loro clientela è ubicato in Europa, dal momento che l’Europa detiene il 50% del mercato mondiale del sistema bancario. Quindi, l’idea che Moody’s, Fitch o Standard & Poor’s, facciano un rating volutamente negativo nei confronti di una banca europea, è un’idea sbagliata. Anzi, è vero il contrario: queste sono organizzazioni che vivono della vendita di ricerca al sistema bancario, che hanno un rapporto quasi incestuoso con il sistema bancario mondiale, di cui quello europeo è il più importante.

————————————————————

>>Conclusioni: non è carino ne’ positivistico essere portatore di sventure, ma la situazione purtroppo è questa quà. Il debito pubblico maturato da anni e anni di malgoverno, insieme alla perdita’ di competitività ha ridotto il paese in questo stato, adesso la crisi internazionale ci sta dando il colpo di grazia, essere inseriti in una moneta unica non ci aiuta più tanto perché sostenere il pagamento degli interessi per avere tale divisa è maggiore dei benefici. La domanda è dobbiamo continuare a fare gli struzzi infilando la testa sotto la sabbia oppure vogliamo guardare in faccia la realtà? >>

A.S.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: