☞ SE LO DICE NICOLA PORRO CI CREDETE?!

5398505-cover-1

Sono felice che anche Nicola Porro, giornalista che io stimo,  la pensi come me. Inutile aver affidato il paese ai professoroni bocconiani per risanarlo e rilanciarlo e dopo un anno trovarlo con più danni di prima a parte il maledetto spread.

“Bravo Nicola,  non mollare!  se diventi un po’ piu cattivo è meglio e se ti cacciano ti assumo io al mio blog,  la paga è zero, ma l’ideale è cos’ì elevato, quello  di fare un servizio al paese,  che ci fa sentire migliori. ( e così mi sono messo contro anche lui e non se ne parla più)

Alessandro Sicuro

Ecco l’articolo:

Lo Stato italiano dovrebbe comportarsi con il buon senso di un bottegaio (termine che solo una furia sinistra ha voluto rendere dispregiativo, ignorando la sua grande tradizione). Se invece dei professori fossimo guidati da una buona pattuglia di bottegai, oggi non ci troveremmo con l’incubo contabile che mese dopo mese certificano al ministero delle Entrate. Saremmo in grado di comprarci un’auto, o un vestito, o un servizio per il semplice e banale motivo che lo Stato non ci avrebbe tolto le risorse per farlo. Da gennaio a novembre il Tesoro ha incassato “380 miliardi di euro”. Il dato ufficiale è stato reso pubblico ieri. Le entrate sono cresciute, rispetto all’anno precedente. Grazie all’introduzione di una nuova imposta (l’Imu) e all’incremento di alcune gabelle già esistenti. Ma la consistenza dell’entrata principe (l’Iva, l’imposta che grava su tutti i consumi di beni e servizi) è diminuita. Si badi bene: sono scesi gli incassi, nonostante essa sia stata percentualmente aumentata dal 20 al 21 per cento. Il motivo è molto semplice e appunto un bottegaio ve lo avrebbe spiegato in anticipo. Se bastoni con nuove e maggiori imposte i contribuenti, soprattutto in un momento di crisi economica, questi debbono stringere la cinghia. Pagheranno l’Imu, ma eviteranno la pizzeria. Per sfamare la bestia statale, i contribuenti mettono a stecchetto se stessi. In un circolo vizioso. Lo Stato incassa di più, il contribuente spende di meno, il cittadino chiede aiuti che sono graziosamente elargiti dallo Stato con le risorse recuperate dai contribuenti. Ma c’è qualcuno al mondo che possa ritenere questo circuito infernale ragionevole? Sì. Coloro che grazie a questa follia ottengono potere e ruolo: burocrati e politici.

Nicola Porro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.