LO SHOW CHIRURGICO DI GUCCI

 

ALESSANDRO MICHELE STUPISCE ANCORA

 

Lo show di oggi è stato una delle rappresentazioni oniriche di A. Michele più vere. La sala operatoria surreale che come lui stesso ha ammesso durante l’intervista subito dopo la sfilata, rappresenta la sua mente creativa, quell’officina operativa sempre pronta a sfornare nuove idee, sala chirurgica dove si creano i cyborg, rifacendosi al manifesto Cyborg di D.J. Haraway. Alessandro Michele crea così la sua visione adattandola a questo personaggio, punto di confluenza tra maschile e femminile, giorno e notte,  normale e alieno. Dalla sala operatoria dove il direttore creativo del marchio ha ambientato il fashion show escono dunque creature surreali, al di là di definizioni e regole, che indossano con naturalezza la loro affascinante diversità e un eclettismo veramente interessante. Un’altro tassello di un mosaico viene creato  all’insegna di complessi equilibrismi, che solo il visionario Michele riesce a rendere possibili, armoniosi e desiderabili, nuovi classici per una generazione in divenire. Si spazia dagli anni Venti agli Ottanta, dal folk al pop e alle atmosfere British, dai cartoon giapponesi agli abiti talari, dal logo della squadra di baseball New York Yankees a perline, ruche e paillette. Capita infatti che al posto della bag del momento, modelli e modelle portino in mano una testa mozzata, realizzata da chi si occupa di effetti speciali per Cinecittà – oppure un cucciolo di drago addormentato e coccolato da un novello San Giorgio, o ancora il serpente, uno degli emblemi dello stile Gucci. Il capo è spesso coperto da un foulard come quelli delle contadine russe, ma anche da un turbante indiano, un passamontagna, un velo che può arrivare ad avvolgere l’intera figura.
Chi si aspettava merletti e antiche decorazioni barocche è rimasto deluso. Alessandro Michele è uscito con una scenario agghiacciante, una sala operatoria e la spettralità delle mura verdi a fare da cornice a questo spettacolare contesto. Un messaggio forte e chiaro che la vita è anche questo? beh se voleva colpire c’è riuscito. Per lo stile e gli outfit, tanta genialità come al solito.

Alessandro Sicuro

0ccbdf629zfzy6i   schermata-2017-01-16-alle-21-05-12

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...