ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

TESSILE ITALIANO IN POSITIVO CON LE VENDITE ALL’ESTERO

 

IL TESSILE ITALIANO

La tessitura made in Italy archivia il 2018 con 7,86 miliardi di euro di ricavi, in calo dello 0,3% rispetto all’anno prima. In base alle stime del centro studi di Confindustria Moda, la lieve flessione è imputabile al rallentamento subentrato nel secondo semestre, che però non ha avuto ripercussioni sul livello di occupazione.

Le vendite all’estero sono aumentate nel caso dei Paesi extra-Ue (+2,9%), mentre sono scese nei mercati comunitari (-3,4%). Ne risulta un andamento dell’export leggermente positivo (+0,3%). La Cina (+3%), con Hong Kong al +6%, si conferma il primo mercato estero dei tessuti nazionali, ma performance positive si rilevano anche in Giappone (+8,6%), Bulgaria (+7,2%), Polonia (+4.9%) e Turchia (+3%).

Sostanzialmente stabile l’export in Francia (+0,2%), mentre diminuiscono gli acquisti di Stati Uniti (-12,6%), Spagna (-9,8%), Regno Unito (7,5%), Romania (-5,3%) e Germania (-2,1%). Il calo delle importazioni (-5,9%) ha permesso di aumentare l’attivo della bilancia commerciale del settore a 2,45 milioni di euro (+5,5%). Il trend positivo della tessitura ha interessato i comparti laniero, liniero e serico, nelle stime dei ricercatori, mentre il cotoniero nel 2018 ha proseguito in territorio negativo e la maglieria è passata dalla crescita del 2017 a una flessione (nella foto, tessuti della R Collection di Ratti per la primavera-estate 2020).

credit: Fashion Magazine

 

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro Youtube - Alessandro Sicuro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: