Dicembre 4, 2021

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

HERON PRESTON PER CALVIN KLEIN: STAGIONE 2

La presentazione della seconda collaborazione di Heron Preston per Calvin Klein

“Questa stagione riguarda la stratificazione… e i materiali più caldi”, ha detto Preston, mentre mostrava quattro serie di look in un ambiente creato per sembrare un loft del centro in uno Zoom con gli editori. Il marchio ha anche pubblicato una nuova campagna pubblicitaria per Heron Preston per Calvin Klein: Season 2, che include Savion Glover, un asso del tap, che si muove con grande eleganza in una combinazione di denim caramello dalle ultime idee Calvin di Heron.

Dal momento che Calvin Klein non sfila più sulle passerelle a partire da settembre 2018, questo è il più vicino a un designer che presenta nuove idee Calvin Klein.

Con il suo sorriso pronto, Preston ha elogiato le giacche foderate di pile “così si sentono come un guanto di seta”; ha accuratamente indicato felpe con cappuccio affusolate alle caviglie e ha presentato con orgoglio pantaloni da carpentiere ne-look con cuciture centrali sul davanti e sul retro; anelli posteriori inclinati; chiusure con zip e bottoni in gomma.

“Abbiamo fatto un milione di prove per enfatizzare l’essere squadrati”, ha detto Preston, mentre guidava i redattori attraverso la collezione di genere neutrale, mostrata in quelli che chiamava “metagruppi” di modelli. Ricordando la sua giovinezza a San Francisco quando indossava magliette di cotone stile waffle, che lui stesso indossava di nuovo ora che il tempo è diventato un po’ autunnale.

Anche una collezione sostenibile, poiché molti look in denim sono stati realizzati con una miscela di poli riciclato, realizzata con bottiglie riciclate.

“Abbiamo ideato questa collezione dalla testa ai piedi – e abbiamo persino aggiornato i calzini in lana grossa – che puoi indossare in casa”, ha insistito il 38enne Preston, un DJ professionista che continua a disegnare la sua etichetta omonima all’interno del nuovo gruppo di guardie.

Uno dei migliori look erano i maglioni di alpaca sfocati che erano di nuovo in una miscela riciclata. Né il designer ha avuto paura di correre rischi nella tavolozza dei colori, sfoggiando canotte giallo pallido, reggiseni e pantaloncini da motociclista.

Tuttavia, ciò che più colpisce è stata la relativa semplicità del concetto. Sottolineato dall’entusiasmo di Heron per le sue felpe con cappuccio a doppio strato – cucite insieme per i giorni più freddi – e la fascia elastica leggermente più ampia utilizzata nella biancheria intima da uomo a coste Marky Mark e nelle mutandine per ragazze.

Nonostante la modesta novità della collezione, i manager del brand hanno chiaramente fiducia in questa collaborazione. Permettendo anche a Preston di sgranocchiare il logo e posizionarlo su una fascia arancione, come ha sottolineato con orgoglio, seduto accanto a Jacob  Jordan , capo commerciante globale di CK, responsabile della strategia di prodotto e delle nuove iniziative di prodotto.

“È stata una grande collaborazione con Heron”, ha insistito Jordan, anche se ha aggiunto, “ma mi piace l’idea che altre persone raccontino la nostra storia attraverso i loro occhi. Stiamo lavorando su alcune cose, ma dovrai solo aspettare e vedere. “

Alla richiesta di definire il DNA di Calvin Klein in tre parole, Preston ha risposto: “Sostenibile, confortevole ed ehm; ehm, ehm, e vediamo qual è la terza… senza tempo”, impiegando 10 secondi per trovare l’ultima parola.

“Traspirabilità” e “rompere i confini” sono state le parole che Preston ha sottolineato come le chiavi di questa collezione, che per il suo prezzo si rivolge ai consumatori CK.

Inoltre, lo Zoom amatoriale e la modesta novità dei vestiti sollevano ancora una volta la domanda, qual è esattamente la strategia di gestione per Calvin Klein? C’è stato un tempo in cui Calvin e il suo immediato successore Francisco Costa organizzavano sfilate di moda molto influenti. Potrebbero aver venduto solo in poche boutique, ma hanno sicuramente fissato un’agenda di moda e hanno contribuito a lucidare la reputazione del marchio minimalista per eccellenza d’America.

Questo approccio è andato in pezzi con Raf Simons, durante il cui mandato i piani ambiziosi di rivaleggiare con le principali case di passerelle europee con una catena di ammiraglie globali sono crollati quando i suoi progetti semplicemente non sono riusciti a trovare un pubblico.

Tuttavia, per aver rifiutato in seguito di nominare un successore e aver abbandonato la stagione delle passerelle di New York; poi consegnare le redini di una grande maison americana a commercianti e merchandiser, sembra francamente una reductio ad absurdum.

 

 

 

 

 

 

 

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

 

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: