Luglio 2, 2022

FREE PRESS AND CULTURE ON-LINE

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

PER LA MFW PREVISTE 23 SFILATE UOMO E DONNA, GRANDE RITORNO DI GUCCI E BOTTEGA VENETA

Un calendario della fashion week maschile (14-18 gennaio) che prevede 23 sfilate e 24 presentazioni in presenza, mentre gli eventi digitali si riducono a nove. Ma anche ritrovare sulle passerelle milanesi, dopo una serie di show itineranti, Gucci e – novità  di oggi – Bottega Veneta, in occasione della settimana della moda donna di febbraio.

Sono queste le buone notizie annunciate stamattina durante una conferenza stampa a Palazzo Parigi da Carlo Capasa, presidente di Camera Moda, che insieme alla conferma di una previsione di chiusura d’anno a +20,5% fanno intravedere per il 2022 la piena ripresa dell’industria della moda.

L’edizione della Milano Fashion Week Men’s Collection dedicata alle collezioni della Fall-winter 2022/2023 sarà aperta da Zegna (la prima sfilata post quotazione in Borsa, prevista a Wall Street entro fine anno) e vedrà sei brand presenti per la prima volta nel calendario sfilate tra cui JW Anderson (il marchio di Jonathan Andersonn, direttore creativo di Loewe) e 1017Alyx9SM, il progetto fondato da Matthew Williams (direttore creativo di Givenchy) con Luca Benini di Slam Jam.

Tra i debuttanti sulle passarelle milanesi ci saranno anche 44 Label Group, Federico CinaJustin Gall e Jordanluca, a cui si aggiungono cinque nomi presenti per la prima volta nel calendario presentazioni fisiche: Ardusse, CanakuFamily FirstDhruv Kapoor e Jet Set.

«Milano sta diventando sempre di più un hub di riferimento che riunisce i big, i nuovi talenti e i creativi indipendenti, mostrandosi come città d’elezione per favorire non solo la creativitàm, ma anche per accelerare l’evoluzione commerciale delle collezioni, vista la presenza in città delle più importanti showoroom multimarca globali», ha commentato il presidente di Cnmi menzionando la recente partnership siglata con Csm (Camera Showroom Milano) e White, per accrescere la presenza dei buyer internazionali durante la fashion week.

Tornando al calendario della fashion week, sono previsti molti eventi che arricchiranno il calendario, tra cui il 50esimo anniversario di Cp Company, mentre Gucci ospiterà il concerto della band australiana Parcels.

Questa edizione, che vedrà anche la riconferma della partnership tra Camera Nazionale della Moda Italiana e il Fashion Film Festival Milano, è per Capasa il preludio di una settimana della moda donna che si preannuncia la più forte delle ultime stagioni, «grazie al coinvolgimento di Maison Valentino, che lancerà un programma di sostegno ai giovani talenti, e al ritorno di show di primissimo piano come quelli di Gucci e Bottega Veneta».

La moda, che è saldamente la seconda industria del Paese, sta quindi provando a reagire con tutte sue forze, sulla scia di dati economici che sono tornati incoraggianti. «La moda italiana è sempre più vicina ai numeri pre-Covid», ha detto Capasa sulla base degli ultimi aggiornamenti dei FetFashion Economic Trends.

Dopo un semestre a +24% e un terzo quarter che ha registrato un +8,6% sul 2020, si stima che i 12 mesi si chiuderanno per la moda e i settori collegati (occhialeria, gioielleria e cosmesi) a 82,8 miliardi di euro di fatturato, mettendo a segno un incremento del 20,5% sull’anno precedente. «Siamo ancora 8 miliardi sotto i livelli del 2019, ma il dato 2020 resta incoraggianta», ha assicurato Capasa (nella foto, scattata durante l’incontro di stamattina con la stampa).

 

 

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: