Settembre 30, 2022

FREE PRESS AND CULTURE ON-LINE

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

L’AMAZZONIA VERSO LA CATASTROFE ORA EMETTE PIÙ CARBONIO DI QUANTO ASSORBE

L’Amazzonia, la più grande foresta pluviale della Terra, che rappresenta quasi un terzo della foresta primaria del mondo, era un tempo uno dei nostri più grandi pozzi di carbonio. Poiché abbiamo celebrato di recente la Giornata mondiale per la conservazione della natura il 28 luglio, dobbiamo affrontare le tristi conseguenze delle nostre azioni. L’Amazzonia ora pompa carbonio nell’atmosfera.

In un recente studio pubblicato da  Nature , apprendiamo che la dilagante distruzione delle foreste pluviali brasiliane, soprattutto sotto la presidenza di Jair Bolsonaro, significa che l’Amazzonia ora emette più carbonio di quanto ne assorbe. Alla fine dello scorso anno, l’Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale (INPE) ha riferito che la deforestazione amazzonica ha raggiunto il massimo degli ultimi 12 anni.

La deforestazione è in gran parte guidata dalla produzione di carne bovina, di gran lunga il più grande colpevole nella battaglia contro il cambiamento climatico, con la crescente domanda di hamburger e bistecche che trasforma radicalmente le dinamiche della deforestazione. Ma un’azione prudente può cambiare la nostra traiettoria. La prospettiva di un accordo di libero scambio UE-Mercosur, ad esempio, potrebbe comportare vantaggi globali.

Se ratificato, l’accordo di libero scambio UE-Mercosur rafforzerebbe le relazioni tra i due blocchi, rendendolo il più grande accordo commerciale dell’UE nella storia. Non dovrebbe sorprendere. L’Unione Europea è il partner commerciale e di investimento numero uno per il blocco commerciale sudamericano, a cui appartiene il Brasile, insieme ad Argentina, Paraguay, Uruguay e Venezuela.

Sfortunatamente, sembra che l’UE abbia chiuso un occhio sulla deforestazione amazzonica, comprese le vuote promesse del presidente Bolsonaro di salvare le foreste pluviali rimaste. In risposta a questa grave inosservanza del dovere, 450 organizzazioni della società civile hanno recentemente lanciato una coalizione “Stop EU-Mercosur” chiedendo ai leader di entrambe le sponde dell’Atlantico di impedire la ratifica dell’accordo.

Anche se questo è uno sforzo importante e prezioso, c’è di più che possiamo fare e più che dovremmo fare. Parte di ciò richiede di pensare fuori dagli schemi. Sebbene possa essere impossibile invertire la domanda dei consumatori di carne bovina (e altri prodotti), è possibile cercare di produrre questi beni in modi che non contribuiscano alla deforestazione.

Un recente studio dell’organizzazione no profit CDP ha rilevato che l’olio di palma, tra tutte le materie prime a rischio forestale, sta riuscendo ad affrontare efficacemente la deforestazione, soprattutto rispetto alla carne bovina e alla soia.

Questo è particolarmente vero in Malesia, il secondo produttore mondiale di olio di palma. Lì, l’industria dell’olio di palma ha introdotto uno schema di certificazione obbligatorio a livello nazionale, con sanzioni per la non conformità, noto come Malaysian Sustainable Palm Oil (MSPO). MSPO ha drasticamente ridotto il tasso di deforestazione del paese.

La certificazione MSPO richiede ai produttori di soddisfare gli standard che vietano la conversione delle foreste pluviali tropicali in piantagioni di olio di palma, insieme alle leggi che sanciscono i diritti e le protezioni del lavoro, nonché le protezioni per la fauna selvatica tropicale. Ora che circa il 90 percento dei produttori di olio di palma malesi è certificato MSPO, possiamo giudicare da soli l’efficacia di questo schema.

Uno studio del World Resources Institute ha rilevato una notevole diminuzione del tasso di perdita annuale di foreste primarie in Malesia dal 2016. Incredibilmente, i risultati mostrano che i livelli di deforestazione nel 2020 hanno raggiunto il livello più basso dal 2004. Questo dovrebbe essere un modello per come l’UE si avvicina al suo accordo di libero scambio con il Mercosur. L’UE ha adottato un approccio opposto.

L’UE ha invece deciso di vietare l’uso dell’olio di palma per i biocarburanti mentre persegue attivamente l’accordo con il Mercosur. Un boicottaggio di merci specifiche raramente porta al risultato sperato. Piuttosto, rischia di spostare la domanda verso paesi come la Cina con standard ambientali meno rigorosi. Data la preoccupazione dichiarata e spesso dimostrata dell’UE per l’ambiente, questa è una mossa miope.

Invece, l’UE dovrebbe spingere le industrie della carne bovina e della soia, specialmente, ma non solo, nel Mercosur, a essere all’altezza del tipo di standard sostenibili che MSPO impone e realizza per l’olio di palma. Ciò significa spingere per una certificazione trasparente e verificabile penalizzando i produttori che rifiutano di attenersi a tale certificazione.

Con la foresta pluviale amazzonica che non rallenta più gli effetti del riscaldamento globale, ma invece contribuisce ad esso, ora abbiamo una finestra ancora più ristretta in cui agire. Con la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) del 2021 a soli due mesi di distanza, il mondo non ha tempo da perdere se speriamo di evitare la più grave catastrofe climatica della storia umana.

 

 

Alessandro Sicuro

Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: