Febbraio 9, 2023

FREE PRESS AND CULTURE ON-LINE

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

PITTI UOMO E MILANO FASHION WEEK APRONO IL 2023 DELLA MODA

Si apre il nuovo anno con l’autunno-inverno 2023/24 con Pitti Uomo, dal 10 al 13 gennaio, e a seguire Milano Fashion Week dal 13 al 17 gennaio.

 

Pitti immagine Uomo riconosciuta a livello globale come la rassegna di riferimento per la moda maschile con 789 espositori, di cui 311 esteri e una serie di eventi incentrati per la maggior parte nella Fortezza da Basso, dove si terrà la manifestazione, oltre a progetti internazionali legati a Giappone, Nord Europa e Finlandia, attraverso la terza edizione di “Palazzo Finlandese” organizzata dalla fiera, questa volta con una serata “moda, musica e gastronomia” organizzata da Vain, label fondata nel 2019 da Jimi Vain, con un dark- spirito gotico.

Il programma include il designer belga Jan-Jan Van Essche, nato ad Anversa, laureato nel 2003 e che ha sempre sostenuto la moda genderless confortevole, sottolineando la ricerca di materiali e tecniche artigianali. Invitato come “progetto d’autore”, esporrà per la prima volta il suo marchio mercoledì 11 gennaio nel chiostro di Santa Maria Novella. Contemporaneamente, lo stesso giorno, il designer tolosanese Pierre-Louis Mascia, assiduo frequentatore di Pitti Uomo, invaderà Palazzo Antinori per svelare la sua nuova collezione con una speciale installazione.

Martine Rose , ospite d’onore a Pitti Uomo 2023

Ma la protagonista di questa 103esima edizione sarà l’ospite d’onore Martine Rose, che sfilerà il 12 gennaio nella Loggia del Mercato Nuovo, o “del Porcellino“, come era soprannominato questo antico mercato fiorentino del XVI secolo. Da quando il capo di Louis Vuitton Michael Burke è stato visto in prima fila alla sua sfilata londinese, il designer inglese di origine giamaicana, considerato uno dei migliori designer di oggi, è stato sotto i riflettori come potenziale candidato per succedere a Virgil Abloh alla Louis Vuitton Homme .

A 41 anni ha già una vasta esperienza. Si è laureata alla Middlesex University nel 2002 e dal 2007 sviluppa il proprio marchio di abbigliamento maschile, iniziando con una linea di camicie. Appassionata di volumi over da molto prima che diventassero di moda, con il suo stile sporty, street e workwear che attinge alle sottoculture e un pizzico di spirito anni Novanta, si avvicina molto allo stile di Virgil Abloh. Come l’americana, è anche popolare tra rapper e celebrità (Drake, ASAP Rocky e Rihanna per citarne alcuni), e ha stretto numerose collaborazioni con Nike . Il suo curriculum include anche un periodo di tre anni, tra il 2015 e il 2017, presso Balenciaga , come consulente per il prêt-à-porter maschile insieme al direttore creativo Demna Gvasalia .

                           Un look del designer britannico – Charles Jeffrey Loverboy

Un altro stilista britannico sarà sotto i riflettori a Firenze. Luke Edward Hall che ha realizzato un’installazione per il suo brand Château Orlando nella Sala delle Nazioni in Fortezza. Questo tuttofare, designer d’interni e giornalista per il Financial Times, ha lavorato per Burberry e Liberty , e ha lanciato il suo marchio di maglieria nel febbraio 2022. Ha lasciato il segno a Parigi mostrando i suoi colorati maglioni e cardigan di ispirazione vintage in un pop -up al Le Bon Marché di Parigi a febbraio e di nuovo a dicembre.

 

Charles Jeffrey Loverboy sfila per la prima volta a Milano

 

A giugno ospite d’onore di Pitti Uomo è stata Grace Wales Bonner , preceduta nelle stagioni precedenti da Graig Green e Jonathan Anderson. Negli ultimi anni il panorama della moda italiana è diventata la meta ideale per i giovani talenti inglesi in cerca di buyer internazionali. Alcuni stilisti che non si accontentano più di presentare a Firenze, e stanno scendendo in forze sulle passerelle milanesi. Come l’attesissimo show di Charles Jeffrey Loverboy domenica 15 gennaio a Milano.

Si è formato presso il prestigioso Central Saint Martins College e ha trascorso un periodo presso Dior’s atelier, il designer scozzese, 32 anni, ha fondato la sua casa Loverboy nel 2015, affermandosi fin dall’inizio per il suo grande tecnicismo e la sua esuberante creatività con le sue silhouette provocatorie dai colori vivaci. Da quando ha iniziato a sfilare sulle passerelle londinesi, ha continuato a far crescere la sua reputazione con il suo mondo fantastico alimentato dalla cultura club e queer. Nel 2021 il brand è entrato a far parte della piattaforma Tomorrow Ltd, che ne ha acquisito una partecipazione nel capitale, mentre si è trasferito nel calendario milanese lo scorso giugno con una presentazione digitale.

Charles Jeffrey Loverboy debutterà domenica sulle passerelle lombarde, unica vera novità della Milano Fashion Week di questa stagione. Lo stilista scozzese sarà seguito da Jonathan Anderson, designer irlandese, la cui sfilata è anch’essa molto attesa. Dopo aver optato per Parigi, ha partecipato alla settimana della moda milanese la scorsa stagione. Sarà presente anche il brand anglo-italiano JordanLuca, in forte crescita nell’ultimo anno da quando ha iniziato a sfilare a Milano. Sabato 14 gennaio è in programma lo show del brand di streetwear couture, fondato a Londra nel 2018 da Jordan Bowen e Luca Marchetto.

 

La Milano Fashion Week si svolgerà dal 13 al 17 gennaio – Ansa

 

Per il resto, Milano Week ha un format ridotto in questa stagione con 21 spettacoli rispetto ai 25 dello scorso giugno. Naturalmente, ci si aspettano grandi ritorni. Come Gucci, che torna dopo tre anni sulle passerelle maschili e apre l’evento venerdì 13 gennaio. Come prima sfilata della maison dopo la recente partenza del suo direttore creativo Alessandro Michele , attirerà sicuramente l’attenzione. Torna nel capoluogo lombardo anche K-Way che non ha sfilato a giugno, con uno show sabato 14, mentre Zegna, che aveva sfilato a giugno nella sede piemontese di Trivero, torna sulla piazza milanese chiudendo la Settimana il Lunedì 16.

Ma il Milan perde anche qualche big tra cui Versace, che salterà la Women’s Fashion Week di febbraio, avendo scelto di svelare la sua collezione donna e uomo autunno-inverno 2023/24 a Los Angeles il 10 marzo. Plein Sport ha optato per un evento con una serata speciale sabato 14 gennaio, mentre Moschino sta saltando la sfilata maschile tutti insieme. Moschino torna a febbraio con la sfilata donna, presentando attraverso le foto la sua collezione uomo.

Altri assenti degni di nota includono 44 Label Group, il progetto di streetwear di lusso lanciato nel 2022 dall’imprenditore-rivenditore Claudio Antonioli con il DJ e produttore berlinese Max Kosobil, il marchio cinese Joeone, disegnato dal designer francese Louis Gabriel Nouchi e Marcelo Burlon County of Milan, che lo scorso giugno ha scelto la Milano Fashion Week per festeggiare i suoi 10 anni. In contemporanea sono previste 36 presentazioni, rispetto alle 27 della scorsa stagione, oltre a quattro show digitali che concluderanno la Settimana la mattina del 17 gennaio.

 

 

 

Alessandro Sicuro Comunication
Alessandro Sure Wordpress - Alessandro Sicuro Facebook - Alessandro Sicuro Twitter - Alessandro Sure Instagram - Alessandro Sicuro

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: