Ottobre 24, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

THE DAY AFTER ELECTION DAY

990x651xl43-viminale-130226005036_big.jpg.pagespeed.ic._lRjLPDRVY

The day after

And now comes the real challenge, get ready to have seen a movie. The Italian calm chaos has just begun. The morbid attachment to an electoral law absurd and impossible due to the interests of the sides do not even led to a self-reform constituency. Had at least completed the abolition of the provinces, the halving of tasks and external advice to the government in addition to the same fees. The fear of the new, this has led policy-makers to create any protective shield against the relentless wave of innovations that will inevitably advance of the rest, it takes almost one third of the electorate voted for him since. A movement of people scored so many preferences to be counted as the first Italian party M5S (the others reach the maximum with the clans). The stock market yesterday, following the rumors of the first instant polls that gave the first  PD, betting on the governance of the country and consequent stability, was rocketed to 4%. After a few minutes after the tip given by the projections, which they saw in the PDL head, followed by the PD and Motion 5 stars outlining a scenario ungovernable, he retraced down around zero and then close slightly above. We all knew that the next day would be pain, not only for indexes, but also for the spread. In fact, this morning, spread in the Monti area, indices in red, the message is clear: the spread, or the yield spread between Italian bonds and German, has exploded passing from 283 to 347 points on Monday (the level higher by 360 points last December) and then decreased to around 320 points. What does this mean? That our 10-year BTP today make 4.28%, while until recently did not reach 4%. Namely: investing in our country today is to risk more. It is more dangerous. And so, those who do, it is recognized a higher premium for the risk. I can see George Soros, John Paulson, Steven Cohen (big sharks speculators who attacked the euro last year), meeting again in that fancy restaurant in New York, smoking a cigar and laughing prepare the second deadly attack to ‘ Euro. This time, however, despite the situation allows Germany to prosper through rates and better access to credit in Europe, dominating the EU and markets by country virtuoso, call our King George, appeal, in fact we will go directly today he as already on the agenda (today visited), to discuss the situation and the election results. Will then return to Italy and will explain how to do with its constitutional governments most incredible and unbearable, all with one great justification, the good of the country and the danger to the increase in the spread and the judgment of the Court Offices all over Europe and America . When the vast majority of Italians, not least for the immediate need! look at the bag, but inside the pantry and their pockets to provide for their children. Immediate needs require tough decisions and courageous, non-traumatic, but decided. Italians can be duped with promises of refunding charges, pots and anything else to take his vote as we have heard in recent days, but we need someone who wants to really love this country and take the responsibility that once animated the Gramsci, the La Pira, Signs, and the founding fathers of the republic, to start from scratch, reset everything and start over. I am sure even sure as my name, that sacrifice is to give a future to our children they will gladly everyone, absolutely everyone, but for all Italians not only for the usual.

Alessandro Sicuro

italian version:

Il Giorno dopo

E adesso comincia la vera sfida, prepariamoci a un film già visto. Il caos calmo all’italiana è appena iniziato.  Il morboso attaccamento a una legge elettorale assurda, e l’impossibilità dovuta a interessi degli schieramenti non hanno nemmeno portato ad una autoriforma elettorale. Avessero almeno portato a termine l’abolizione delle province, il dimezzamento degli incarichi e consulenze esterne al governo oltre agli stessi emolumenti. La paura del nuovo, ha portato questa classe politica a crearsi ogni scudo protettivo contro l’onda incalzante delle novità, che inevitabilmente avanza del resto, lo vuole quasi un terzo dell’elettorato visto che lo ha votato. Un movimento della gente ha totalizzato talmente tante preferenze da annoverarsi come il primo partito italiano M5S, (gli altri raggiungono il massimo con i coalizzati). La borsa ieri, in seguito ai rumors dei primi instant polls che davano il PD primo, scommettendo sulla governabilità del paese e conseguente stabilità, era schizzata al 4%. Dopo qualche minuto in seguito al ribaltamento dato dalle proiezioni, che vedevano in testa il PDL, seguito dal PD e Movimento 5 stelle delineando uno scenario di ingovernabilità, ha ritracciato scendendo intorno allo zero per poi chiudere leggermente al di sopra. Sapevamo tutti che l’indomani sarebbero stati dolori, non solo per gli indici ma anche per lo spread.  Infatti stamattina, spread in zona Monti, indici in rosso, il messaggio è ancora più chiaro: lo spread, ovvero il differenziale di rendimento tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi, è esploso passando da 283 di lunedì a 347 punti (il livello più alto dai 360 punti di dicembre scorso) per poi ripiegare intorno ai 320 punti. Cosa significa? Che i nostri Btp a 10 anni oggi rendono il 4,28%, mentre fino a ieri non arrivavano al 4%. Ovvero: oggi investire nel nostro Paese significa rischiare di più. È più pericoloso. E quindi, a chi lo fa, viene riconosciuto un premio maggiore per il rischio assunto. Vedo già George Soros, John Paulson, Steven Cohen ( i grandi pescecani gli speculatori che hanno attaccato l’euro lo scorso anno), riuniti di nuovo in quel lussuoso ristorante a New York, fumare il sigaro e sghignazzando preparare la seconda offensiva letale all’euro. Questa volta però, nonostante la situazione permetta alla Germania di prosperare con i tassi e l’accesso al credito migliore d’Europa, dominando l’UE e i mercati da paese virtuoso, chiamerà il nostro Re Giorgio, all’appello, anzi ci andrà direttamente oggi lui come già  in agenda (oggi in visita), per parlare della situazione e dei risultati elettorali. Tornerà quindi in Italia e ci spiegherà con i suoi costituzionalisti come fare i governi più incredibili e insopportabili, tutto con una sola grande giustificazione, il bene del paese e il pericolo per l’innalzamento dello spread e il giudizio delle cancellerie di mezza Europa e America. Quando alla stragrande maggioranza degli italiani, non serve almeno per l’immediato!  guardare la borsa, ma dentro la dispensa e le loro tasche per provvedere ai propri figli. Le esigenze immediate richiedono decisioni drastiche e coraggiose, non traumatiche, ma decise. Gli italiani si possono abbindolare con promesse di restituzione di tasse, pentole e quant’altro per prendergli il voto come abbiamo ascoltato in questi giorni ma, c’è bisogno di qualcuno che voglia davvero bene a questo paese e si prenda la responsabilità che un tempo animava i Gramsci,  i  La Pira, I Segni, e i padri costituenti della repubblica, di ricominciare da zero, azzerare tutto e partire da capo. Io sono certo anzi sicuro come il mio cognome, che i sacrifici per dare un futuro ai nostri figli li faremo volentieri tutti, ma proprio tutti, ma per tutti gli Italiani non solo per i soliti.

Alessandro Sicuro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: