DRAGHI E MERKEL DIVISI SUL SALVATAGGIO STATI IN CRISI. IL PRIMO VUOLE IL FONDO SALVA STATI LA SECONDA VUOLE IL PRELIEVO FORZOSO COME A CIPRO.

ANGELA-MERKEL

SE C’È UN’ALTRA EUROCRISI, CHI PAGA? QUESTA LA DOMANDA CHE DIVIDE DRAGHI E MERKEL, DA CUI DIPENDE IL FUTURO DELL’UNIONE

-Draghi spinge per il sistema del fondo Salva-Stati,

-La Germania non cede: in futuro sarà solo “schema Cipro”, con azionisti e creditori delle banche che vengono “sforbiciati”.

-La decisione va presa prima degli stress test che potrebbero rivelare sorprese sulla solidità delle banche.

ecco il punto di vista di Tonia Mastrobuoni per “La Stampa

Draghi, Merkel e MontiDRAGHI, MERKEL E MONTI

Se qualcuno si illude che la grande coalizione in fieri con i socialdemocratici possa spingere Angela Merkel e il suo guardiano dei conti, Wolfgang Schäuble, ad ammorbidire la posizione tedesca sui salvataggi delle banche, si sbaglia. Il braccio di ferro tra Berlino e il resto d’Europa riprenderà giovedì al Consiglio europeo come da copione, oltretutto su un dossier fondamentale come l’esame della salute di 130 banche europee che la Bce si appresta ad avviare in vista dell’Unione bancaria.

Sin dalla scorsa estate, Mario Draghi ha espresso pubblicamente la sua preoccupazione per l’asimmetria delle tappe dell’Unione bancaria (prima l’autorità di sorveglianza, poi quella di risoluzione) e l’auspicio che si decidano in fretta le modalità del “backstop”, del paracadute dei governi, nel caso che l’analisi degli asset degli istituti di credito emergano voragini che azionisti, creditori e tutti i soggetti coinvolti nella gerarchia di salvataggio decisa nei mesi scorsi dalla Ue, non riescano ad appianare.

MARIO DRAGHI E ANGELA MERKELMARIO DRAGHI E ANGELA MERKEL

Proprio perché la Germania è convinta invece che debba prevalere lo “schema Cipro”, che l’intervento europeo attraverso il fondo salva-Stati Esm, insomma con i “soldi dei contibuenti”, debba essere l’ultimissima istanza.

Draghi ha anche citato nei mesi scorsi il caso sfortunato degli stress test svolti dall’Eba nel 2011, per sostanziare la sua tesi: allora i buchi e i bisogni di ricapitalizzazione emersi in molti istituti di credito hanno gettato in allarme i mercati proprio perché non era chiaro chi avrebbe “pagato”. In vista dell’Unione bancaria il presidente Bce chiede un approccio più flessibile rispetto a quello scritto negli accordi europei.

merkel schaeuble germania

MERKEL SCHAEUBLE GERMANIA

Il tema verrà discusso a partire dalla cena di giovedì sera, alla quale parteciperà il presidente della Bce. E un primo risultato del braccio di ferro tra l’Eurotower e i governi è che nell’ultima bozza di conclusioni Ecofin, l’Ue vuole anticipare la fissazione dei dettagli del “backstop” a novembre. Ma già stamane l’Eurotower renderà intanto noti alcuni dettagli importanti dell’esame delle banche che la Bce si appresta ad affrontare. Secondo indiscrezioni la richiesta sarà quella di anticipare gli obbligati “cuscinetti” che Basilea III imporrà alle banche dal 2019: chiederà di portare all’8% i requisiti di sicurezza sul capitale per le grandi banche, al 7% le piccole.

BANCOMAT CIPROBANCOMAT CIPRO

In particolare, i dettagli che verranno svelati stamane da Ignazio Angeloni, capo della stabilità finanziaria della Bce, dovrebbero prevedere un innalzamento del Core Tier 1 al 7%, più un 1% per le banche di rilevanza sistemica, le famose “too big to fail”, che rappresentano minacce per Paesi interi, se falliscono. Il sovraccarico, in base alle regole di Basilea, avrebbe potuto arrivare fino al 2,5%.

letta barrosoLETTA BARROSO

Il progetto dell’Unione bancaria è nato a giugno del 2012 per spezzare il circolo vizioso tra debiti sovrani e debiti bancari, e di recente Draghi ha detto che una premessa essenziale è che si «diradi la nebbia» attorno al sistema bancario. L’esame degli asset e gli stress test che la Bce e l’Eba condurrano a breve sono propedeutici a un avvio credibile del progetto.

A patto, come ha sottolineato il presidente Bce, che siano «trasparenti e rigorosi». E che nel caso di incidenti, si sappia in anticipo chi farà da paracadute.
Sin dalla scorsa estate, Mario Draghi ha espresso pubblicamente la sua preoccupazione per l’asimmetria delle tappe

 

2 thoughts on “DRAGHI E MERKEL DIVISI SUL SALVATAGGIO STATI IN CRISI. IL PRIMO VUOLE IL FONDO SALVA STATI LA SECONDA VUOLE IL PRELIEVO FORZOSO COME A CIPRO.

  1. a very good article dealing with several interesting and highly visible political figures still dealing the bank problems and bail outs that are not belng handled correctly (from what I understand).
    It doesn’t seem right that other members of the eu should have to continually help bail out other members that have continuing problems that stem from within the industry in that nation.

    changes must come from within that entity and help should be only used minimal as possible. and get rid of the negative environment that is causing the problem

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.