La Provincia di Chieti si affida al Web Marketing

Diapositiva5

L’utilizzo del web marketing nelle imprese iscritte al registro delle imprese della provincia di Chieti

Finanziata dalla CCIA di Chieti, dove è stata questa mattina presentata, è stata realizzata dal giornalista e Ph.D  Walter D’Amario con il supporto dello spin-off UdAnet.

Dai dati, i fattori che emergono con più chiarezza sono tre: l’Abruzzo è sostanzialmente nella media nazionale, le imprese in generale hanno compreso che il web marketing è un’ineludibilità, manca però  una formazione e un know-how aziendale tale da poter dare il via ad una corretta pianificazione ed utilizzo di questi “nuovi” strumenti. In sostanza, le imprese che aprono un account social, nella maggior parte dei casi, non riescono a gestirlo adeguatamente o nel caso di molti altri strumenti del web marketing, come ad esempio Google AdWord, non ne conoscono neppure l’esistenza.

Il 40,06% ritiene il web marketing un’opportunità e il 9,09% una necessità, solo il 24,58% non lo ritiene necessario. Manca però la pianificazione, che in questo settore è fondamentale: solo l’8,51% delle aziende pianifica annualmente le attività web. Anche la formazione non è all’altezza delle necessità richieste in questo settore: 2,31% questa la percentuale di imprese che dichiara di seguire corsi di formazione sul tema o di aggiornarsi in qualche modo.

Un dato che ci permette di comprendere come manchi questo Know-how e di come le imprese non abbiano ancora consapevolezza che l’essere in rete sia una vera è propria attività di marketing è l’assenza completa di blog aziendali. Uno 0% che ci indica come non sia ancora compresa l’importanza dei blog, soprattutto in termini di indicizzazione nei motori di ricerca, ci fa evincere e confermare le tesi già esposte.

Le imprese sono impegnate per l’8,51% nella vendita attraverso e-commerce, dato che supera quello nazionale dell’8,2% (dati ISTAT 2104).

Il solo 6,38% che utilizza strumenti di analisi dei dati è un ulteriore prova di come le imprese non sappiano sfruttare neppure i dati provenienti dal web.

Per quanto riguarda i social network le imprese ne comprendono le potenzialità, infatti, il 51,06 % dichiara che sono un’opportunità. Solo il 19,15 %, però, dichiara di promuove la sua azienda tramite i social. La classifica dei social più utilizzati è così composta: 15,26 % Facebook, 8% Twitter, 4,21% sia Linkedin che Youtube, 3% Instagram e 2,64% Google plus. I dati sull’utilizzo di campagne a pagamento su Facebook (6,38%), dei contest o giochi a premi (2,13%), del numero di post inseriti in media a settimana (0,5) e potremmo aggiungere altro, confermano ancora il fatto che la presenza, l’avere un account social, è nella maggior parte dei casi la sola “vita social” delle imprese. Se su Facebook, che è il social più usato, le cose vanno in questo modo, leggendo la ricerca è facile rendersi conto di come per gli altri social network le cose vadano peggio.

Per quanto riguarda il “Focus on” sulle cantine vinicole abruzzesi, anche in questo caso i dati si attestano su quelli che sono i trend nazionali. Certamente, questo è un settore dove gli imprenditori hanno creduto prima degli altri alle potenzialità del Web, infatti, il 24,40 % dichiara di redigere un piano Web marketing e il 39,30% dichiara di utilizzare il Web Marketing.

Solo l’e-commerce è uno strumento che tra le cantine abruzzesi non riscuote successo: il 12,77% delle cantine abruzzesi dichiara di vendere attraverso modalità e-commerce, contro il 43% della media nazionale (dati BeSharable).

Facebook è il social più usato con il 73%. In questo contesto, i numeri, le quantità, sono certamente maggiori se confrontate al campione generico delle imprese, ma va rilevato che anche se l’attività è maggiore in termini quantitativi, qualitativamente il settore vinicolo soffre di quelle stesse “lacune” già evidenziate per le imprese generiche. Il solo 4,26% delle cantine che dichiara di aver realizzato giochi a premi o contest è chiaramente, uno degli elementi che avalla la tesi secondo la quale le imprese sono presenti, ma non adeguatamente.

La ricerca nel suo insieme fa emergere come ci sia tra le imprese la consapevolezza che il web marketing diventerà sempre più importante per le imprese, ma come attualmente la maggior parte delle stesse non abbia ancora coscienza di cosa voglia dire e fare web marketing.

Alessandro Sicuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.