Novembre 30, 2020

ALESSANDRO SICURO COMUNICATION

Free Press And Culture On Line

Carlyle si compra Golden Goose

Carlyle si compra Golden Goose

Un modello Golden Goose

Le scarpe italiane di Golden Goose finiscono a Carlyle. Dopo mesi di indiscrezioni sull’interesse da parte di diversi soggetti (tra cui, oltre a Carlyle, anche la holding mediorientale Mayhoola, Bc Partners e Lion Capital), a spuntarla è stato il fondo americano di private equity. A cedere, un pool di investitori guidati da Ergon Capital Partners, che avevano rilevato il marchio nel maggio del 2015. A seguito del deal, secondo quanto risulta a Pambianconews, dovrebbe arrivare nel ruolo di AD Giorgio Presca, ex numero uno di Geox.

Il closing dell’operazione, di cui non è stato reso noto il valore (anche se si parla di una valutazione dell’azienda attorno ai 430 milioni di euro), è previsto entro la fine di marzo. L’investimento sarà realizzato attraverso Carlyle Europe Partners IV, fondo di buyout focalizzato su operazioni nel segmento upper-mid market in Europa. Golden Goose rappresenta la quarta acquisizione di Carlyle (che gestisce un patrimonio complessivo di 169 miliardi di dollari) nel settore dell’abbigliamento e del fashion a livello europeo, dopo le precedenti operazioni di Moncler, TwinSet Simona Barbieri e Hunkemoller.

Il brand veneto di calzature di alta gamma è stato fondato nel 2000 e ha registrato nel 2016 oltre 100 milioni di euro di ricavi, di cui circa il 60% generati sui mercati internazionali. Attualmente, la label è distribuita nel mondo attraverso un network di oltre 700 negozi multibrand, oltre a otto flagship store a gestione diretta.

“Intendiamo supportare lo sviluppo di Golden Goose in particolare negli Stati Uniti e in Asia, puntando soprattutto a un’accelerazione della presenza retail a livello mondiale e online”, ha commentato Marco De Benedetti, managing director e co-head di Carlyle Europe Partners.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: