Il ‘see now buy now’ è un modello praticabile nel lungo termine purchè strutturale

SEE NOW BUY NOW

IL VEDI E COMPRA LANCIATO PER PRIMI DA BURBERRY E TOM FORD NEL 2016 ACCOMPAGNATO DA SCETTICISMO ED ENTUSIASMO PUO’ DARE DEI RISULTATI MA SERVE CONTINUITA’ STRUTTURALE

Il ‘see now buy now’ è un modello praticabile nel lungo termine? Per gli analisti di McKinsey, la risposta è sì, anche se la riduzione dei tempi canonici della moda non può essere solo un cambio di facciata o temporaneo, ma dev’essere strutturale.

Dal 2016, quando i primissimi (tra cui Burberry e Tom Ford) iniziarono a sperimentare il ‘see now buy now’, i loro sforzi furono accolti da un mix di scetticismo ed entusiasmo. Si partiva dall’assunto per cui i nuovi consumatori, specialmente i millennials, fossero abituati alla gratificazione immediata e di conseguenza fossero meno inclini ad aspettare mesi per acquistare capi visti sulle passerelle. In più, c’erano gli esempi positivi di chi aveva fatto della moda ‘veloce’ la propria bandiera: i ricavi di aziende come Forever 21H&MInditex e Primark salivano nel complesso dell’8,2%, contro il +3,5% degli altri retailer di abbigliamento.

Gli scettici, però, non vedevano applicabile questo modello alle aziende del lusso. Qualcuno, ricorda l’analisi, hanno fatto marcia indietro. Tuttavia, il dato di fatto rimane che oltre una quindicina di designer stanno continuando a sperimentare questo modello veloce.

Certo, si tratta “di un modello – si legge nella ricerca – che imporrà alle aziende di affrontare una drammatica trasformazione dei propri processi e dei propri mind-set”. “Accorciare (“shortening”) il ciclo della moda – aggiungono gli analisti – non sarà un’impresa rapida”.

Dunque, come si realizza? McKinsey propone una serie di analisi sul perché e sulle modalità attraverso cui si possano ridurre i tempi lungo l’intero processo (esaminando anche le diverse tipologie di processo, a seconda di segmento e localizzazione dell’industria). Gli analisti identificano, ad esempio, nella fase della creazione e dello sviluppo del capo quella più lunga (dalle 12 alle 32 settimane) e quindi la più disponibile ad essere compressa.

Il fulcro della trasformazione, comunque non è la facciata: “Le aziende non devono limitarsi a fare cambi cosmetici ai propri calendari”, ma bisogna esaminare ciascuna attività e processo con attenzione, e cambiare atteggiamento rispetto a tutta l’organizzazione. Se saranno disposte a fare un cambiamento di questo tipo, concludono gli analisti, le aziende ‘tradizionali’ potranno effettivamente dare a se stesse e al mercato, oltre che ai competitor, una scossa.

0ccbdf6facebook_318-13639416/01/2017-screen-to-21-05-12

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.